Paola De Pin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paola De Pin
Paola De Pin datisenato 2013.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 marzo 2013 –
22 marzo 2018
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- Movimento 5 Stelle (Da inizio legislatura al 23/06/2013)

- GRUPPO MISTO (Dal 24/06/2013 al 9/10/2013)

- GRUPPO MISTO - componente: Gruppo Azione Partecipazione Popolare (Dal 10/10/2013 al 14/05/2014)

- GRUPPO MISTO - componente: Italia Lavori in Corso (Dal 15/05/2014 al 23/10/2014)

- GRUPPO MISTO (Dal 24/10/2014 al 15/06/2015)

- Grandi Autonomie e Libertà-Unione dei Democratici Cristiani e dei Democratici di Centro (Dal 16/06/2015 a fine legislatura)

Circoscrizione Regione Veneto
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Nuova (dal 2018)
In precedenza:
Movimento 5 Stelle (fino al 2013)
Federazione dei Verdi (2015-2016)
Riscossa Italia (2016-2018)
Professione Artigiano

Paola De Pin (Fontanelle, 7 aprile 1966) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Convive con il compagno da cui ha avuto due figli: Anna e Francesco. Si è laureata in Scienze politiche all'Università di Padova. Ha lavorato prima come direttore commerciale di una televisione locale, successivamente come artigiana ed imprenditrice. Si è candidata come Sindaco di Fontanelle, suo luogo di nascita, nel 2012.

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 viene eletta senatrice della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Veneto per il Movimento 5 Stelle. Il 21 giugno 2013 lascia il gruppo parlamentare per solidarietà con la collega Adele Gambaro[1], espulsa dal movimento due giorni prima, il 19 giugno[2]. Il 2 ottobre 2013 vota la fiducia al Governo Letta ricevendo contestazioni verbali da parte di alcuni senatori del gruppo del M5S che determineranno il suo pianto in aula[3].

Il 16 ottobre 2013 assieme alle ex senatrici del Movimento 5 Stelle Fabiola Anitori e Adele Gambaro (insieme al deputato Adriano Zaccagnini) ha dato vita al Gruppo Azione Popolare(GAP) poi divenuto "Gruppo Azione Partecipazione Popolare" (GAPP), parte del Gruppo Misto che ha sostenuto il Governo Letta. Il 21 febbraio 2014 ha dato il suo appoggio alla lista L'Altra Europa con Tsipras per le elezioni europee[4].

Il 15 maggio lascia la componente GAPP insieme ad Adele Gambaro per aderire alla componente "Italia Lavori in Corso" (ILIC) dei 4 senatori espulsi capeggiati da Luis Alberto Orellana: Lorenzo Battista, Francesco Campanella e Fabrizio Bocchino a cui si aggiungono le senatrici dimissionarie per protesta Alessandra Bencini e Monica Casaletto (che non aderiscono al Movimento X degli altri senatori ex 5 stelle dimissionari).

L'11 giugno 2015 aderisce alla Federazione dei Verdi diventando così la seconda nuova portavoce al Senato del partito ambientalista assieme a Bartolomeo Pepe (anch'egli fuoriuscito dal Movimento 5 Stelle)[5].

Il 16 giugno 2015 lascia il gruppo misto e aderisce al gruppo parlamentare di centro-destra "Grandi Autonomie e Libertà-Unione dei Democratici Cristiani e dei Democratici di Centro".

Contemporaneamente è stata iscritta alla Federazione dei Verdi sino al 2016, data in cui fonda il movimento politico sovranista ed anti-europeista Riscossa Italia.

Secondo alcune fonti giornalistiche, nel gennaio 2018 avrebbe annunciato la sua adesione al partito di ultradestra Forza Nuova[6].

Ha occupato la carica di Segretario della Commissione Agricoltura fino al 31 luglio 2013. Attualmente Segretaria della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani e membro della Commissione Territorio, Ambiente e beni ambientali.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 luglio 2017 organizza una manifestazione nella città di Oderzo per protesta contro la presenza di migranti nel territorio. La manifestazione ha scarso successo, in quanto la senatrice si ritrova a manifestare da sola. [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]