Pandemia di COVID-19 del 2020 nelle Comore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 del 2020 nelle Comore
epidemia
Comoros covid-2020-05-22.png

     1–10

     11–25

     26–50

     >51

La mappa del numero di casi.
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazioni coinvolteComore Comore
Periodo30 aprile -
in corso
Dati statistici globali[1]
Numero di casi34 (21 maggio 2020)
Numero di guariti8 (21 maggio 2020)
Numero di morti1 (21 maggio 2020)
Non sono disponibili dati dettagliati

Il primo caso della pandemia di COVID-19 nelle Comore è stato confermato il 30 aprile.

Al 21 maggio 2020 nel paese risultano 34 casi confermati di coronavirus, di cui 1 deceduto e 8 guariti.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[2][3]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità del COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[4] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base del COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, ed ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[5]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Aprile[modifica | modifica wikitesto]

Al fine di prevenire la diffusione del virus, il governo ha cancellato tutti i voli in arrivo, bandito i grandi raduni, tutti i viaggiatori in arrivo dovevano essere messi in quarantena per 14 giorni. Il 15 aprile, una persona che arrivava da Mayotte è risultata positiva al test per COVID-19.

Il 16 aprile, Dominique Voynet, direttore dell'Agenzia sanitaria regionale di Mayotte, annunciò che una persona morta l'8 aprile prima di essere evacuata a Mayotte sulla base di una radiografia del COVID-19 era Said Toihir, il Grand Mufti delle Comore. L'annuncio ha causato una spaccatura diplomatica tra Comore e Francia. Mohamed El-Amine Souef, ministro degli Esteri delle Comore, ha dichiarato: "Se un caso è confermato nelle Comore, non dovrebbe essere Dominique Voynet ad annunciarlo, noi siamo indipendenti dal 6 luglio 1975".

Il 17 aprile, l'Organizzazione mondiale della sanità ha fornito assistenza medica alle Comore.

Il 20 aprile, il rapper Cheikh Mc ha pubblicato un video dicendo che sua moglie era stata infettata da COVID-19. Il rapper è stato arrestato dalla gendarmeria alle 16:00 dopo che il video fu condiviso molte volte, Cheikh Mc è stato rilasciato intorno alle 21:00.

Il 22 aprile è stata consegnata una macchina per lo screening, affinché le Comore possano iniziare i test per COVID-19 dal 23 aprile in poi.

Il 30 aprile è stato confermato il primo caso, un uomo di 50 anni ricoverato all'ospedale El-Maarouf di Moroni dal 23 aprile. Il paziente era entrato in contatto con un cittadino franco-comoriano il 18 marzo. Il 2 maggio, Ibrahim Djabir, capo del dipartimento di emergenza dell'ospedale El-Maarouf, ha dichiarato che le sue condizioni stavano migliorando, ma era ancora sotto ossigeno, e che era in fase di studio un protocollo per i casi lievi che non richiedevano un ricovero.

Il presidente Azali Assoumani ha istituito un coprifuoco.

Maggio[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 maggio sono stati confermati altri due casi positivi. Tutti i casi si trovano sull'isola di Grande Comore. C'è stata una videoconferenza tra il presidente Assoumani e il presidente Andry Rajoelina del Madagascar. Il Madagascar invierà assistenza medica alle Comore.

Il 4 maggio è stata annunciato il primo decesso.

Il 6 maggio, il presidente Azali Assoumani ha annunciato che il confinamento totale non era un'opzione per le isole. È stata ricevuta una donazione di 100.000 maschere per il viso e l'India invierà forniture mediche e dottori per sostenere l'assistenza sanitaria locale.

L'8 maggio, l'UNICEF ha donato 5 ventilatori al Ministero della Salute. Le Comore avevano 25 ventilatori sulle tre isole.

Il 13 maggio, le Nazioni Unite hanno donato 1.000 test rapidi al Ministero della Salute.

Il 16 maggio, è arrivato il primo volo di rimpatrio dalla Tanzania con a bordo 134 persone, mentre 70 persone sono tornate dal Kenya e il 17 maggio sono arrivati altri due voli dalla Tanzania.

Il 19 maggio, il virus era stato confermato anche a Anjouan (Ngazidja), ed è ora attivo su tutte le isole maggiori.

Misure preventive[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutte le scuole sono state chiuse.[6]
  • I viaggiatori in arrivo vengono messi in quarantena per 14 giorni.[7]
  • I voli in arrivo sono stati vietati.[7]
  • I grandi raduni sono stati vietati.[7]
  • Il 25 aprile è stato istituito un coprifuoco dalle 20:00 alle 05:00.[8]

Andamento dei contagi[modifica | modifica wikitesto]

Casi di COVID-19 nelle Comore  V · D · M )
      Morti         Guariti         Casi attivi

Mar Mar Apr Apr Mag Mag Giu Giu Lug Lug Ultimi 15 giorni Ultimi 15 giorni

Data
Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
Numero di morti
(incremento giornaliero)
30-04-2020
1(n.a.) 0(n.a.)
01-05-2020
1(=) 0(n.a.)
02-05-2020
3(+200%) 0(n.a.)
03-05-2020
3(=) 0(n.a.)
04-05-2020
4(+33%) 1(n.a.)
05-05-2020
4(=) 1(=)
06-05-2020
8(+100%) 1(=)
8(=) 1(=)
09-05-2020
11(+38%) 1(=)
11(=) 1(=)
14-05-2020
11(=) 1(=)
11(=) 1(=)
19-05-2020
34(+209%) 1(=)
34(=) 1(=)
22-05-2020
78(+129%) 1(=)
23-05-2020
78(=) 1(=)
24-05-2020
87(+12%) 1(=)
87(=) 1(=)
27-05-2020
87(=) 2(+100%)
87(=) 2(=)
30-05-2020
106(+22%) 2(=)
106(=) 2(=)
02-06-2020
132(+25%) 2(=)
132(=) 2(=)
04-06-2020
132(=) 2(=)
05-06-2020
132(=) 2(=)
06-06-2020
141(+6,8%) 2(=)
141(=) 2(=)
10-06-2020
162(+15%) 2(=)
162(=) 2(=)
12-06-2020
163(+0,62%) 2(=)
13-06-2020
176(+8%) 2(=)
176(=) 2(=)
16-06-2020
197(+12%) 3(+50%)
17-06-2020
197(=) 3(=)
18-06-2020
210(+6,6%) 5(+67%)
19-06-2020
210(=) 5(=)
20-06-2020
247(+18%) 5(=)
247(=) 5(=)
23-06-2020
265(+7,3%) 7(+40%)
24-06-2020
265(=) 7(=)
25-06-2020
272(+2,6%) 7(=)
272(=) 7(=)
30-06-2020
303(+11%) 7(=)
303(=) 7(=)
03-07-2020
309(+2%) 7(=)
04-07-2020
309(=) 7(=)
05-07-2020
311(+0,65%) 7(=)
311(=) 7(=)
08-07-2020
313(+0,64%) 7(=)
09-07-2020
314(+0,32%) 7(=)
10-07-2020
314(=) 7(=)
Fonti:


Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]