Pandemia di COVID-19 del 2020 a São Tomé e Príncipe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 del 2020 a São Tomé e Príncipe
epidemia
World Factbook (1990) Sao Tome and Principe.jpg
Mappa dell'isola
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaSão Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe
Periodo 6 aprile 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi611 ( 10 giugno 2020)
Numero di guariti135 (10 giugno 2020)
Numero di morti12 ( 10 giugno 2020)
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di Covid-19 a São Tomé e Príncipe è stato confermato il 6 aprile 2020.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[2][3]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità del COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[4] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base del COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, ed ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[5]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 aprile sono stati confermati i primi quattro casi nel paese.[6]

Il 30 aprile è stata segnalata la prima morte. All'epoca, São Tomé e Príncipe aveva 16 casi, quattro dei quali erano guariti e uno era morto.[7] Il defunto era un uomo di 55 anni che viveva a Cantalago.[8]

Prevenzione[modifica | modifica wikitesto]

Al fine di prevenire la diffusione del virus, il governo ha messo in atto varie restrizioni di viaggio e misure di quarantena.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]