Pandemia di COVID-19 a Malta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pandemia di COVID-19 in Europa.

Pandemia di COVID-19 a Malta
epidemia
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaMalta Malta
Periodo7 marzo 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi19 333[2] (11 febbraio 2021)
Numero di guariti16 490[2] (11 febbraio 2021)
Numero di morti286[2] (11 febbraio 2021)
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di COVID-19 a Malta è stato confermato il 7 marzo 2020, si trattava di una ragazza italiana di 12 anni. La ragazza e la sua famiglia erano in isolamento, come richiesto per chi si trovava in Italia seguendo le linee guida dell'autorità sanitaria maltese o in altri paesi altamente infetti.[3] Successivamente, anche i suoi genitori furono trovati positivi.[4] Al 30 settembre 2020, Malta ha segnalato 3.058 casi confermati, 2562 guarigioni e 35 decessi, mentre 461 casi rimangono attivi.[4] La seconda ondata del virus a Malta è considerata la peggiore ed era dovuta alle segnalazioni incoerenti e a favore degli affari rispetto alla salute pubblica.[5]

È stata imposta una quarantena obbligatoria ai viaggiatori e a coloro che erano eventualmente in contatto con coloro che viaggiavano all'estero. È stato imposto un lockdown obbligatorio per le persone di età superiore ai 65 anni e/o affette da condizioni di salute croniche.[6] L'OMS ha elogiato la risposta del governo maltese alla pandemia[7] prima che il numero di casi salisse a 52 il 7 aprile 2020. Il calendimaggio, dato che il tasso di riproduzione del virus era inferiore a 0, è stato annunciato il primo allentamento di alcune misure.[8]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una malattia respiratoria in un gruppo di persone nella città di Wuhan, provincia di Hubei, Cina, che è stata segnalata all'OMS il 31 dicembre 2019.

Il tasso di mortalità per COVID-19 è stato molto più basso della SARS del 2003, ma la trasmissione è stata significativamente maggiore, con un significativo numero di morti totali.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 marzo 2020, è stato confermato il primo caso di COVID-19 a Malta.

Al 26 marzo 2020, erano stati segnalati 134 casi e due persone guarite a Malta. 33 dei malati sono stati ricoverati in ospedale, un uomo di 61 anni era nel reparto di terapia intensiva, ma era in via di guarigione.[9]

L'8 aprile 2020 si è verificata la prima morte in relazione al virus SARS-CoV-2.

Il 9 aprile si è verificata un'altra morte.

L'11 aprile è avvenuta la terza morte.

Il 25 aprile 2020 è avvenuta la quarta morte.

Il 5 maggio 2020 è avvenuta la quinta morte.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ a b c (EN) Novel Coronavirus, Malta's Ministry for Health.
  3. ^ (EN) Malta's first coronavirus cases are girl and parents, Times of Malta, 7 marzo 2020. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  4. ^ a b (EN) COVID-19 Updates, Advice & Information - Newspoint - University of Malta, University of Malta, 8 maggio 2020. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  5. ^ (EN) Cuschieri, S., Balzan, M., Gauci, C. et al. Mass Events Trigger Malta's Second Peak After Initial Successful Pandemic Suppression. J Community Health (2020). https://doi.org/10.1007/s10900-020-00925-6
  6. ^ (EN) As it happened: Lockdown for 118,000 people; five new COVID-19 cases, su Times of Malta. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  7. ^ (EN) Coronavirus: 'An Example To Follow': WHO Europe Regional Director Gives Shout-Out To Malta's COVID-19 Measures, su LovinMalta, 28 marzo 2020. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  8. ^ (EN) Establishments and activities can re-open as from Monday - Prime Minister - TVM News, su tvm.com.mt. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  9. ^ (EN) Malta registers five new cases bringing total to 134, condition of man in ITU has improved. In: Malta Today, 26 marzo 2020
  10. ^ (EN) Covid-19 Infographics. Superintendence of Public Health, URL consultato il 1º ottobre 2020

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Malta, su worldometers.info.