Paliotto del Piffetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paliotto del Piffetti
PaliottoPiffetti.jpg
AutorePietro Piffetti
Data1749
Materialelegni pregiati, madreperla, avorio, diaspro, tartaruga, lapislazzuli
UbicazioneGalleria Soprana del Museo internazionale di arti applicate oggi (MIAAO), Torino

Il paliotto della chiesa di San Filippo Neri è comunemente chiamato paliotto del Piffetti, dal nome del suo autore, il celebre ebanista torinese Pietro Piffetti. Da sempre custodito nella centralissima chiesa di San Filippo Neri a Torino, è stato recentemente trasferito presso i locali dell'attiguo MIAAO.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Come conferma l'incisione pirografata[1] sulla parete superiore del telaio, l'opera fu commissionata al celebre ebanista Pietro Piffetti da padre Giovan Battista Prever, in occasione del centenario della Congregazione dell'oratorio di Torino, celebrata solennemente nel 1749. Il paliotto è composto da una pala rettangolare e da una struttura retrostante riportante sinuosità tipicamente barocche. Fu progettato dallo stesso Piffetti per essere collocato ad ornamento dell'altar maggiore della chiesa di San Filippo Neri, funzione che esercitò per alcuni anni dopodiché, per evitarne l'usura, venne periodicamente smontato e ritirato, per riutilizzarlo soltanto in occasioni solenni.

A partire dal novembre del 2010, in virtù del valore inestimabile dell'opera e dell'impegno per conservarlo adeguatamente, il paliotto è stato collocato in un'apposita teca climatizzata esposta presso l'attigua Galleria Soprana del Museo internazionale di arti applicate oggi (MIAAO).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Completato nel 1749, il paliotto si presenta come un trionfo di intarsi di materiali preziosi quali madreperla, avorio, tartaruga, ebano, palissandro, diaspro, lapislazzuli e pietre dure e può essere considerato il più complesso e ricco manufatto di ebanisteria piemontese del Settecento, o quanto meno, l'opera più imponente del noto ebanista torinese.

Nel centro della composizione è rappresentata l'Estasi pentecostale di san Filippo, ritratto nelle catacombe di San Sebastiano a Roma, dove il santo soleva ritirarsi in preghiera. A destra è raffigurato Mosè con le Tavole della legge, mentre a sinistra è rappresentata una figura vestita con paramenti sacri non riconoscibile con esattezza, probabilmente riconducibile nella figura di Aronne o, dato l'accenno di una tiara sul capo, di papa Gregorio Magno.

Nei cartigli sono raffigurati il Battesimo di Gesù, la cui rappresentazione del san Giovanni Battista potrebbe essere un omaggio all'omonimo committente Giovanni Prever e l'apostolo Giovanni evangelista. Al centro della struttura è ricavato il vano del tabernacolo sulla cui anta vi è un pellicano che sovrasta una nidiata, tipica rappresentazione simbolica di Cristo che nutre i propri figli versando il proprio sangue.

A sovrastare il paliotto vi era in origine un crocefisso in palissandro e avorio scolpito, a sua volta coronato da un lambriggio lobato e decorato, da cui pendono fiocchi di legno scolpito e dorato. Anch'esso è attualmente conservato in una teca climatizzata presso la Galleria Soprana del MIAAO.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ANNO DOMINI MDCCXLIX CONGR. ORAT. TAURIN. SAECULARI PRIMO RERUM SEC. PREFECTO P. JO. BAPTI. PREVER PETRUS PIFFETTI OPUS HOC INVENIT ET FECIT.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. González-Palacios, Antologia di belle arti. Il Settecento -1/2/3, Torino, Allemandi
  • A. Cremonte Pastorello di Cornour, Pietro Piffetti, mobiliere di Sua Maestà nella Pentecoste di San Filippo. Ed. Ass. Immagine per il Piemonte 2001
  • Arabella Cifani, Franco Monetti, Capolavori di Pietro Piffetti nella città di Bene, Savigliano, L'Artistica Editrice, 2005
  • Materiale informativo in loco.
  • Laura Facchin, Il paliotto di San Filippo, Torino, Ananke, 2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]