Palazzo delle Stelline

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo delle Stelline
078MilanoPalazzoStelline.JPG
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoCorso Magenta 57
Coordinate45°27′56.16″N 9°10′21.09″E / 45.465601°N 9.172526°E45.465601; 9.172526
Caratteristiche
Tipoarte moderna
Istituzione1986
Visitatori2 562 (2020)
Sito web

Palazzo delle Stelline è un edificio storico situato in corso Magenta a Milano di proprietà del Comune di Milano.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Palazzo delle Stelline è situato di fronte alla chiesa di Santa Maria delle Grazie ed è stato inizialmente un monastero delle suore benedettine di Santa Maria della Stella. A partire dal XVII secolo su iniziativa di San Carlo Borromeo l'edificio ospitò l'orfanotrofio delle Stelline.[1]

Nel 1951 Paolo Grassi con Giorgio Strehler fondò nel palazzo la sua Scuola di arte drammatica.[2] L'edificio fu poi acquistato dal Comune di Milano con l'intenzione di ospitare la sede dell'Istituto Internazionale per la Gestione della Tecnologia. Negli anni settanta la parte del palazzo al civico 61 è stata ristrutturata su progetto dell'architetto Jan Battistoni.[1]

Oggi il palazzo viene utilizzato come sede pubblica di prestigio per importanti convegni internazionali.[3] Al numero civico 63 si trova l'Institut Français de Milan (una delle sedi dell'Istituto francese d'Italia).[4] È anche sede della rappresentanza diplomatica in Italia della Commissione europea e di un ufficio distaccato del Parlamento Europeo.[5] Vi è inoltre un ufficio distaccato dell'Agenzia ICE - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane. Al civico 61 è installato un albergo (Hotel Palazzo delle Stelline). Una parte del complesso è divenuta sede della Scuola del Piccolo Teatro, poi Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi.[6]

Fondazione Stelline[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1986 il Comune di Milano e la Regione Lombardia hanno costituito la Fondazione Stelline, al fine di conservare il Palazzo e di promuovere iniziative socio-economiche e culturali di rilievo nazionale ed internazionale, dedicandosi principalmente all'arte contemporanea e del Novecento.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c admin, SEDE, su Stelline, 5 maggio 2015. URL consultato il 28 ottobre 2022.
  2. ^ Storia, su Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi. URL consultato il 28 ottobre 2022.
  3. ^ Palazzo delle Stelline di Milano, su eventiatmilano.it. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  4. ^ Institut Français de Milan, su institutfrancais.it. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  5. ^ Ufficio del Parlamento europeo a Milano, su europarl.europa.eu. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  6. ^ Storia, su teatro.fondazionemilano.eu. URL consultato il 16 gennaio 2022.
  7. ^ Fondazione Stelline, su Portale per il Turismo del Comune di Milano. URL consultato il 1º giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]