Coordinate: 41°53′13.6″N 12°28′26.1″E

Palazzo della Manifattura Pontificia dei Tabacchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
{Palazzo della Manifattura Pontificia dei Tabacchi
L'edificio in Piazza Mastai
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
IndirizzoPiazza Mastai
Coordinate41°53′13.6″N 12°28′26.1″E
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1860
Inaugurazione1863
Stileneoclassico
Realizzazione
IngegnereAntonio Sarti

Il Palazzo della Manifattura Pontificia dei Tabacchi o Palazzo del Monopolio del Tabacchi, noto anche come Nuova Fabbrica del Tabacco per distinguerlo dalla Vecchia Fabbrica del Tabacco, è un edificio neoclassico di Roma che si trova nel rione Trastevere, in piazza Mastai.[1]

Piazza Mastai, situata tra Viale Trastevere e Via della Luce, deve il suo nome alla famiglia di Pio IX, il papa che determinò la costruzione del "Palazzo della Manifattura Pontificia dei Tabacchi" tra il 1860 e il 1863, su progetto di Antonio Sarti,[2] per accogliere la lavorazione del tabacco che prima si trovava in un edificio vicino al convento di Santa Maria dei Sette Dolori, che divenne noto come Vecchia Fabbrica del Tabacco.[3]

L'edificio, originariamente più lungo e con corpi avanzati laterali (demoliti in seguito) che si estendevano per 168 metri, presenta una facciata centrale con otto colonne doriche poggianti su un ampio cornicione-marcapiano che separa il piano terra dal mezzanino coprendo il rusticato e sormontato da un architrave con l'iscrizione "PIUS IX P M OFFICINAM NICOTIANIS FOLIIS ELABORANDIS A SOLO EXTRUXIT ANNO MDCCCLXIII" ("Pio IX Pontefice Massimo costruì la Manifattura dei Tabacchi dalle fondamenta nel 1863").[2]

Un grande frontone triangolare corona la facciata. Tra le colonne sono presenti tre stemmi: al centro quello di Pio IX, a sinistra quello della Camera Apostolica e a destra quello di monsignor Giuseppe Ferrari, ministro delle Finanze.

Il portale è relativamente basso rispetto alla maestosità dell'edificio, tanto che lo stesso Pio IX, durante la sua visita del 14 ottobre 1869, ironizzò sulle ridotte dimensioni esclamando: "Ora che sono entrato dalla finestra, vediamo dov'è la porta!".

L'edificio fu completamente ristrutturato nel 1927 e poi ricostruito negli anni '50 su progetto di Cesare Pascoletti: fu in questa occasione che furono demolite le ali laterali.

L'edificio fu destinato alla Direzione generale dei monopoli di Stato e lo stabilimento fu trasferito alla Garbatella, in un edificio inaugurato nel 1958.

Pio IX non si limitò a costruire il palazzo, ma utilizzò il terreno anche per costruire una serie di residenze a basso costo per i poveri di Trastevere. Questi possono ancora essere visti su Via Cardinale Merry Del Val, sull'altro lato di Viale di Trastevere, di fronte a Piazza Mastai.[2]

Al centro della piazza è stata collocata una fontana progettata da Andrea Busiri Vici.[3]

  1. ^ Palazzo del Monopolio del Tabacchi, su InfoRoma.
  2. ^ a b c Piazza Mastai, su Roma Segreta.
  3. ^ a b (EN) Chiesa di S. Grisogono, su Rome Art Lover.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàGND (DE4786854-5