Palazzo del Podestà (Mantova)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo del Podestà
Palazzo del Podestà (Mantova).jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàMantova
IndirizzoPiazza delle Erbe
Informazioni generali
Condizioniin ristrutturazione
CostruzioneXIII secolo
Usocivile
Realizzazione
ArchitettoLuca Fancelli
AppaltatoreLaudarengo Martinengo
Proprietariocomune di Mantova
Questa voce riguarda la zona di:
Piazza delle Erbe
Visita il Portale di Mantova

Palazzo del Podestà è un edificio storico di Mantova, sito in Piazza delle Erbe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito nel 1227, committente il bresciano Laudarengo Martinengo nominato podestà di Mantova[1]. Unitamente alla torre civica rappresentò il centro amministrativo del comune di Mantova. Verso piazza Broletto fu collegato al palazzo degli ex Magazzini Generali con la costruzione dell'Arengario e al palazzo della Ragione sul lato affacciato su piazza Erbe. Sulla facciata di piazza Broletto è visibile una statua duecentesca raffigurante Virgilio in cattedra (la vècia in dialetto), con la berretta dottorale e le braccia poggiate al leggio che reca incisa l'iscrizione Virgilius Mantuanus poetarum clarissimus.
Subì rifacimenti e modifiche architettoniche anche a causa dei numerosi incendi accaduti nel corso dei secoli. Dal 1462 fu sottoposto ad un'importante ristrutturazione a opera di Giovanni da Arezzo su incarico di Ludovico II Gonzaga. Dell'epoca e legata al gusto di Luca Fancelli, è la merlatura cieca posta a coronamento dell'edificio, trasformato per volere del marchese Ludovico III Gonzaga.
Negli ultimi tre secoli è stato destinato a svariati usi tra cui anche quello di carcere. Secondo gli attuali progetti del Comune di Mantova, il Palazzo verrà restaurato[2] anche per ospitare la sede del Municipio, ritornando ad essere il centro amministrativo della città.

Palazzo del Podestà da Piazza Broletto

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]