Palazzo degli Alessandri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo degli Alessandri
Palazzo degli alessandri 01.JPG
Facciata del Palazzo degli Alessandri
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàFirenze
IndirizzoBorgo Albizi n. 15
Coordinate43°46′17.04″N 11°15′38.88″E / 43.7714°N 11.2608°E43.7714; 11.2608Coordinate: 43°46′17.04″N 11°15′38.88″E / 43.7714°N 11.2608°E43.7714; 11.2608
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXV secolo
Realizzazione
ArchitettoGiuseppe Poggi

Il Palazzo degli Alessandri è una costruzione in stile fiorentino del 1300, ubicato in Borgo Albizi n. 15, nel centro storico di Firenze.

Il cortile di Palazzo Alessandri

Era il palazzo della famiglia degli Alessandri, che ebbe ebbe origine da un ramo degli Albizi nel 1372[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stucchi all'interno del palazzo

Il suo aspetto esterno risale al primo Quattrocento, quando venne ricostruito dopo essere stato incendiato e saccheggiato durante il Tumulto dei Ciompi[1]. Presenta all'esterno un solido bugnato al pian terreno, di origine trecentesca, con bozze allineate ma di grandezza irregolare, con due portali coronati da archi a sesto acuto e con finestre con grate: si tratta di uno dei più antichi esempi di bugnato in un'abitazione privata fiorentina, soprattutto in un edificio senza fondaci al pian terreno.

Nella seconda metà del Settecento Cosimo Alessandri fece ammodernare e ingrandire il palazzo, soprattutto negli ambienti esterni.

Nel palazzo degli Alessandri a Firenze abitò Antonio Canova nei suoi soggiorni nella città.

Nel 1855 l'architetto Giuseppe Poggi curò dei nuovi restauri del palazzo.

Ancora oggi è abitato dai discendenti della famiglia degli Alessandri.

La grande corte interna presenta una parte coperta da volte ad arco sostenute da colonne e uno spazio aperto, forse un tempo giardino, che si estende fino a via Pandolfini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Guida Firenze e provincia, Touring Editore, 1993, ISBN 978-88-365-0533-3. (consultabile anche online)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]