Palazzo San Giuliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Palazzo Sangiuliano (Catania))
Jump to navigation Jump to search
Palazzo San Giuliano
Catania - Piazza dell'Università 01 - Palazzo San Giuliano.jpg
Palazzo San Giuliano in piazza Università.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSicilia
LocalitàCatania
Coordinate37°30′13.4″N 15°05′16.3″E / 37.503722°N 15.087861°E37.503722; 15.087861Coordinate: 37°30′13.4″N 15°05′16.3″E / 37.503722°N 15.087861°E37.503722; 15.087861
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1738
StileBarocco siciliano
Realizzazione
ArchitettoGiovanni Battista Vaccarini
CommittentePaternò

Il palazzo San Giuliano è situato sulla piazza dell'Università di Catania di fronte alla sede dell'Università. Ospita gli uffici amministrativi dell'Ateneo.

Il palazzo[modifica | modifica wikitesto]

Progettato dall'architetto Giovan Battista Vaccarini, fu costruito nel 1738 per i Paternò, marchesi di San Giuliano. All'ingresso alcune lapidi ricordano gli ospiti illustri che vi hanno soggiornato. Fra questi il re d'Italia Vittorio Emanuele III con la regina Elena. Il palazzo è stato più volte rimaneggiato ma i prospetti esterni sono rimasti pressoché integri, solo la balaustrata che corona il tetto è completamento stilistico degli anni trenta quando il palazzo era sede del Credito Italiano. Nei primi anni del XX secolo ospitava il Teatro Machiavelli, fondato da Angelo Grasso nel quale mosse i primi passi sul palcoscenico - come recita un'epigrafe posta su via Euplio Reina - il figlio Giovanni, noto attore teatrale, e nel quale vi recitava il grande attore catanese Angelo Musco. In quegli stessi anni una parte dell'edificio era occupato dall'Hotel Bristol.

Di particolare interesse è il partito centrale con il maestoso portone e la tribuna d'onore soprastante, di sicura ideazione vaccariniana (il progetto è del 1747). Costruito con vari marmi policromi, il portone è fiancheggiato da due colonne di marmo, recuperate a qualche edificio d'epoca romana, forse il teatro. Al culmine dell'arco è posto un doppio stemma, a sinistra dei Paternò Castello, committenti del palazzo, a destra quello degli Asmundo, altra importante famiglia patrizia catanese, da cui era derivato a questo ramo cadetto dei Paternò il marchesato di San Giuliano nel 1702. Dello stesso Vaccarini è l'invenzione dell'originale scalinata a due rampe con portico a colonne posto in fondo alla corte interna in asse con il portone.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]