Palazzo Rinuccini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'antico palazzo familiare di via de' Cimatori a Firenze, vedi Palazzo Rinuccini (via de' Cimatori).

Teatri chiusi di Firenze, fi.camcom.it. Teatri chiusi di Firenze, fi.camcom.it.

Palazzo Rinuccini
Palazzo rinuccini 01.JPG
Palazzo Rinuccini su via Santo Spirito
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Località Firenze
Indirizzo via Santo Spirito 39-41
Coordinate 43°46′08.12″N 11°14′47.71″E / 43.768922°N 11.246586°E43.768922; 11.246586Coordinate: 43°46′08.12″N 11°14′47.71″E / 43.768922°N 11.246586°E43.768922; 11.246586
Informazioni
Condizioni In uso
Uso sede dell'Istituto Scolastico di Istruzione Superiore Machiavelli-Capponi
Realizzazione
Proprietario Comune di Firenze

Palazzo Rinuccini si trova in via Santo Spirito 39-41, angolo via Maffia e via dei Serragli, a Firenze.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Girolamo Ticciati, Architettura

Questo grande palazzo è nato dall'unione di più edifici, con un'unica facciata realizzata nella prima metà del XVIII secolo.

Al numero 39 si trovava un palazzo dei primi del Seicento progettato dal Cigoli, già dei Soderini e confiscato da Cosimo I de' Medici dopo i fattacci legati a Lorenzino de' Medici; venne rinnovato nel 1733-1744 da Pietro Paolo Giovannozzi, che disegnò la nuova scala. All'angolo con via Maffia si trova invece il nucleo originario delle case dei Rinuccini, estese poi verso via de' Serragli.

Verso il 1753 l'architetto Giulio Mannaioni progettò la ristrutturazione dei vari edifici in un unico, enorme palazzo.

Un ultimo palazzo su via de' Serragli apparteneva ai Pecori (dei quali resta l'arme all'angolo, opera di Giovan Battista Foggini). Venne ristrutturato alla fine del Seicento da Pier Francesco Silvani e venne unito al complesso di palazzo Rinuccini nel primo Ottocento.

Nel XIX secolo scomparve l'ultimo erede maschio dei Rinuccini e il palazzo venne diviso tra più parenti. Ha ospitato l'Istituto professionale Lucrezia Tornabuoni. Dopo alterne vicende è pervenuto al Comune di Firenze e, dopo una ristrutturazione del 2003, accoglie oggi l'Istituto Scolastico di Istruzione Superiore Machiavelli-Capponi, con gli indirizzi Classico, Scienze Umane, Scienze Umane opzione Economico-Sociale e alcune classi del Liceo Internazionale.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno è riccamente decorato, con affreschi di Bernardino Poccetti, Giuseppe Zocchi, Giuliano Trabellesi, Luigi Catani e Niccolò Connestabile. Al piano nobile, dopo lo scalone, si incontrano alcune stanze con soffitti cinquecenteschi a grottesche, di autore ignoto, ma vicine stilisticamente a quelle del corridoio degli Uffizi.

Il salone contiene sul soffitto un'Apoteosi della famiglia Rinuccini, in più punti danneggiata. Da qui si accede alla cappellina di famiglia, dedicata a santa Caterina d'Alessandria, alle stanze delle Quattro Stagioni, con gli affreschi di Giuseppe Zocchi e stucchi del Portogalli (1759), e, tramite un'anticamera, alla galleria, dove si trova il grande affresco sul soffitto con il Mito di Niobe del Connestabile. Alle estremità di questo salone, che corrisponde all'antico palazzo Pecori e che dà su via de' Serragli, illuminato da ampie finestre per godere della collezione dei dipinti della famiglia, si trovano due dipinti a monocromo dedicati rispettivamente ad Apollo, con il mito di Marsia, e a Diana, con Atteone.

Le sale che circondano il giardino sono decorate da affreschi "da sott'in sù" sul soffitto, con temi letterari (sala di Penelope), storici (sala di Lucrezia) e mitologici, come il budoir di Apollo, piccolo ambiente decorato da affreschi, ori e specchiature, che deve il nome alle pitture legate ai miti di Apollo, tra le ultime opere di Giuseppe Zocchi (1763): Latona, Marsia, Dafne, Asclepio e Chirone, Niobe e Deucalione e Pirra. Da qui si accede a un piccolo vano con decorazioni a grottesche, che si affaccia sul giardino pensile del primo piano, oggi non curato e tenuto semplicemente a erba.

Un vestibolo vicino allo scalone è decorato da una serie di tondi con bassorilievi in marmo, opera quasi esclusiva di Girolamo Ticciati. Tra i più antichi c'è il bassorilievo di Galileo, molto simile al ritratto della sua tomba in Santa Croce, dello stesso autore, mentre i tre ritratti di casa Medici (Leone X, Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico) celebrarono il riappacificamento tra Medici e Rinuccini ai tempi del Granducato. Sullo scalone si trova una statua con personificazione dell'Architettura di Girolamo Ticciati (che allude anche alla massoneria), recentemente restaurata.

Nel vestibolo, nella biblioteca e nel giardino è inoltre ospitata la più grande raccolta archeologica privata della città, formatasi nel XIX secolo e composta da più di 150 pezzi di epoca romana, soprattutto busti, teste, rilievi, iscrizioni, sarcofagi e bolli laterizi.

Teatro Rinuccini[modifica | modifica wikitesto]

Il teatro, ex-biblioteca

Il Teatro Rinuccini è stato uno dei più prestigiosi teatri privati della città. Oggi appartiene alla Provincia di Firenze e all'Istituto Lucrezia Tornabuoni. Venne creato ad uso della famiglia nel 1753.

Nel 1975 sarebbe dovuto diventare un teatro pubblico per la scuola "Eduardo de Filippo" e nell'occasione venne sottoposto a un accurato restauro. Incomprensioni con le istituzioni locali mandarono però all'aria il progetto, ed oggi la sala è usata solo saltuariamente per piccoli eventi, oppure come Aula Magna dell'istituto. Oggi ospita la biblioteca ed attualmente (2009) è in corso di restauro.

Il giardino[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino interno, oggi molto trascurato, è composto da quattro aiuole rettangolari circondate da muri con busti marmorei e cigni in terracotta sulla sommità e, sul lato nord, una terrazza a forma di "U". Vi si trova anche una fontana con statua entro una nicchia sul lato sud.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Vannucci, Splendidi palazzi di Firenze, Le Lettere, Firenze 1995 ISBN 88-7166-230-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]