Palazzo Piacentini (via Arenula Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo palazzo sede del Ministero dello sviluppo economico, vedi Palazzo Piacentini (Roma).
Palazzo Piacentini
Ministero della giustizia
Regola - min Giustizia 1190630.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma
IndirizzoVia Arenula, 70
Coordinate41°53′33.1″N 12°28′28.8″E / 41.892528°N 12.474667°E41.892528; 12.474667Coordinate: 41°53′33.1″N 12°28′28.8″E / 41.892528°N 12.474667°E41.892528; 12.474667
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1914-1924
StileRinascimentale
UsoSede del Ministero della giustizia
Realizzazione
ArchitettoPio Piacentini

Palazzo Piacentini è un palazzo di Roma, sito in via Arenula, nel rione Regola, sede del Ministero della Giustizia italiano.

Progettato da Pio Piacentini nel 1913, non va confuso con l'omonimo palazzo di via Vittorio Veneto, sede del Ministero dello Sviluppo Economico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1913 l'architetto italiano Pio Piacentini presentò il progetto per la sede dell'allora Ministero di Giustizia e Culti, affinché fosse approvato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. La nuova sede, che fu costruita in via Arenula, era ispirata al classicismo rinascimentale di fine '400, con bugnature a punta di diamante.

Le opere di sbancamento e fondazione ebbero inizio nel 1914, ma i lavori si interruppero a causa dello scoppio della prima guerra mondiale. Il trasferimento del dicastero, che allora aveva sede presso palazzo Firenze, avvenne nel 1920[1], anche se l'edificio fu completato nel 1924 e solo nel 1932 verrà ultimata la sopraelevazione dell'ala posteriore.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palazzo Ministero della Giustizia, su info.roma.it. URL consultato il 14 aprile 2019.
  2. ^ Via Arenula - RomaSegreta.it, su www.romasegreta.it. URL consultato il 14 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]