Palazzo Palmarice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Palmarice
Palmarice Pal.jpg
Facciata
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàNapoli
Coordinate40°50′42.34″N 14°15′15.34″E / 40.845095°N 14.25426°E40.845095; 14.25426Coordinate: 40°50′42.34″N 14°15′15.34″E / 40.845095°N 14.25426°E40.845095; 14.25426
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVIII secolo
Usoresidenziale

Il Palazzo Palmarice è un palazzo di Napoli, ubicato in via dei Banchi nuovi e piazzetta Teodoro Monticelli.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, di fondazione medioevale, venne rifatto completamente dalla famiglia Palmerice su progetto di Ferdinando Sanfelice che realizzò un'ennesima meraviglia architettonica. Parte dei lavori furono eseguiti da Antonio Saggese nella realizzazione del portale in piperno; lo stesso Saggese si occupò anche del portale in piperno di Palazzo Trabucco, progettato da Nicola Tagliacozzi Canale. Il Palazzo Palmarice nel corso degli anni ha subito alterazioni e superfatazioni che hanno alterato le strutture originali, con, ad esempio, la chiusura di alcuni ambienti.

Il complesso architettonico presenta un portale d'accesso in piperno con bugne alternate. La rosta del portale risale al XVIII secolo e presenta un motivo a gigli; fu realizzata dal falegname napoletano Giovanni Albanese. Tuttavia, sulla rosta mancano alcuni pezzi: ad esempio, nel punto dove convergono i raggi manca una conchiglia intasiata, oggi sostituita con un semplice pezzo di legno semicircolare. Il cortile è irregolare e presenta dei portali sanfeliciani con profilo mistilineo e bugnati. Sul fondo invece è posta la doppia scala ottagonale realizzata su progetto del Sanfelice.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aurelio De Rose, I Palazzi di Napoli. Storia, curiosità e aneddoti che si tramadano da secoli su questi straordinari testimoni della vita partenopea, Newton e Compton editori, Napoli, 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]