Palazzo Gulinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Gulinelli
lang=it
Palazzo Gulinelli, a Ferrara, Corso Ercole I d'Este, incrocio con via Armari.
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàFerrara
IndirizzoCorso Ercole I d'Este. 15
Coordinate44°50′25.6″N 11°37′14.1″E / 44.840444°N 11.620583°E44.840444; 11.620583Coordinate: 44°50′25.6″N 11°37′14.1″E / 44.840444°N 11.620583°E44.840444; 11.620583
Informazioni generali
Condizioniin uso
Costruzionesecolo XVI
Realizzazione
CommittenteDomenico Correggiari, famiglia Gulinelli

Il Palazzo Gulinelli di Ferrara si trova in Corso Ercole I d'Este, all'incrocio con via Armari. È un importante edificio, ristrutturato nella seconda metà del 1800, ed a lungo sede, nel secondo dopoguerra, dell'Istituto Canonici Mattei, sino alla sua chiusura, avvenuta nel 2011[1].

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della famiglia Gulinelli nella sala degli stucchi

Il primo proprietario storicamente documentato fu Domenico Correggiari, in seguito, secondo la storica pianta di Ferrara di Andrea Bolzoni del 1747[2], venne indicata la proprietà Bordocchi. Si succedettero poi altri proprietari sino ad arrivare, il 22 ottobre del 1844, alla proprietà di Giacomo Gulinelli, da poco nominato conte.

Le facciate[modifica | modifica wikitesto]

La facciata su Corso Ercole I appare molto più importante ed architettonicamente interessante, in stile neorinascimentale, con parti in cotto e due portali sormontati da balconi. La parte del palazzo che si estende su via Armari prosegue con stile identico, sui tre piani.

Gli interni[modifica | modifica wikitesto]

Particolare della sala araba
Particolare del soffitto della sala degli stucchi

L'atrio ha elementi in stile liberty e al piano terreno si affacciano tre stanze della caccia, nelle quali i conti Gulinelli esponevano i loro trofei. Dall'atrio, grazie ad uno scenografico scalone, si accede al piano nobile, che ospita una ventina circa di stanze. Tra queste una famosa sala araba, di gusto bizantino ed orientaleggiante. Accanto la sala degli stucchi, già salone da ballo.

Il parco[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo racchiude un ampio parco privato nel quale si trova un importante busto in marmo di Torquato Tasso opera dello scultore Pietro Tenerani.

Utilizzo e curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Targa commemorativa posta sulla facciata di Palazzo Gulinelli, a Ferrara

In questo palazzo, nell'estate del 900, ebbe luogo uno storico incontro tra Ettore Bugatti ed i conti Gulinelli dal quale prese corpo l'idea di realizzare lo storico marchio automobilistico Bugatti. Alla fine del secondo conflitto mondiale il palazzo ospitò gli uffici della Questura, numerosi sfollati ed un Circolo Unione. Nel 1953 venne venduto all'Opera Pia Canonici Mattei. L'ingresso con il monumentale scalone venne usato durante le riprese del film Il giardino dei Finzi Contini, di Vittorio De Sica, tratto dall'omonimo romanzo di Giorgio Bassani

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ora palazzo Gulinelli viene messo in vendita, su lanuovaferrara.gelocal.it, lanuovaferrara, 27 gennaio 2011. URL consultato il 24 settembre 2015.
  2. ^ Andrea Bolzoni, PIANTA ED ALZATO DELLA CITTA' DI FERRARA PRIMA PUBBLICATA DA ANDREA BOLZONI INCISORE FERRARESE ED ORA RIDOTTA SECONDO IL SUO STATO NEL PRESENTE ANNO MDCCLXXXII DA GIAMBATTISTA GALLI INCISORE. RIFORMATA L'A. 1794., su igmi.org, Istituto geografico militare, 2012. URL consultato il 24 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesca Boari, Palazzo Gulinelli nella Strada degli Angeli,Istituto canonici Mattei, in Collana Architettura. Palazzi ferraresi, con la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara, Ferrara, Corbo editore, 1996, ISBN 88-85325-61-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]