Palazzo Gio Battista Grimaldi (vico San Luca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Gio Battista Grimaldi
Palazzo Gio Battista Grimaldi (Vico San Luca) Genova 02.jpg
Facciata
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLiguria Liguria
LocalitàGenova
IndirizzoVico San Luca, 4
Coordinate44°24′32.54″N 8°55′47.38″E / 44.409039°N 8.929828°E44.409039; 8.929828Coordinate: 44°24′32.54″N 8°55′47.38″E / 44.409039°N 8.929828°E44.409039; 8.929828
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1610
Inaugurazione1610
Usoabitazione/uffici
Realizzazione
AppaltatoreGio Batta Grimaldi
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Le Strade Nuove e il Sistema dei Palazzi dei Rolli di Genova
(EN) Genoa: Le Strade Nuove and the system of the Palazzi dei Rolli
TipoCulturali
Criterio(ii) (iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2006
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Il palazzo Gio Battista Grimaldi è un edificio sito in vico San Luca al civico 4 nel centro storico di Genova, inserito il 13 luglio del 2006 nella lista tra i 42 palazzi iscritti ai Rolli di Genova divenuti in tale data Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lorenzo De Ferrari, Caccia di Diana, volta di un salone

Il palazzo fu fatto costruire dal Marchese Giovanni Battista Grimaldi attorno al 1610, sulla preesistenza di quattro unità abitative a schiera impostate sopra un portico continuo denominato nel XIII secolo "volte dei Grimaldi". Per favorire la realizzazione del nuovo manufatto, si rende necessario lo sfondamento del vico San Luca. inizialmente ritenuto un progetto dell'Alessi, è oggi attribuito all'architetto lombardo Andrea Vannone[1].

Presente in tutti i rolli di Genova, l'edificio fu compreso nella edizione rubensiana dei Palazzi di Genova del 1622[2]. Conserva la sua connotazione di palazzo nobiliare moderno, leggibile soprattutto attraverso il sistema atrio-scala, le soluzioni distributive e il prospetto, rimasti invariati fino ad oggi. Nel settecento i Grimaldi finanziarono un vasto ciclo di affreschi tardobarocchi, realizzati da Lorenzo De Ferrari.

Negli ultimi secoli, dopo il doge della Repubblica di Genova Pier Francesco Grimaldi (1773-1775), è stato anche di proprietà delle famiglie Pratolongo, Brignole e Cattaneo di Belforte. Il Marchese Niccolò Brignole, che lo acquistò nel 1865, commissionò importanti lavori di decorazione e abbellimento dello scalone, dei due piani nobili e del Belvedere superiore.

Attualmente ospita uno studio di architettura.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Due saloni del piano nobile conservano le decorazioni commissionate da Luca Grimaldi, Doge di Genova dal 1728. Si tratta di opere realizzate da Lorenzo de Ferrari, ultimo esponente della celebre famiglia di affrescatori, probabilmente databili al terzo decennio del Settecento. Nella sala della Caccia di Diana, sulla volta interamente coperta ad affresco campeggia al centro il mito di Aurora e Cefalo, mentre ai lati è rappresentata la dea Diana che risveglia le sue ancelle e le sprona nella caccia al cinghiale, osservate da lontano dai satiri. La sala con La Giustizia che regge le insegne del potere, reca ancora l'intera decorazione che ricopre senza soluzione di continuità le pareti ed il soffitto, concepita dal de Ferrari con probabile intento celebrativo nei confronti del Doge Grimaldi[3]. La giustizia, al centro, è circondata dalle allegorie degli effetti della buona giustizia e della cattiva giustizia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Proposal for the inscription of Genoa Le Strade Nuove and the System of the Palazzi dei Rolli in the Unesco World Heritage List, Volume I - Dossier, p. 274 e seg.
  2. ^ PP. Rubens, Palazzi di Genova, Anversa - 1622, vol. II
  3. ^ E.Gavazza, L.Magnani, Pittura e decorazione a Genova e in Liguria nel Settecento, p. 108

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E.Gavazza, L.Magnani, Pittura e decorazione a Genova e in Liguria nel Settecento, Sagep, Genova, 2000

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]