Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro
PalazzoEmanueleFilibertoDiNegro2JPG.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLiguria Liguria
LocalitàGenova
IndirizzoVia al Ponte Reale, 2
Coordinate44°24′33.95″N 8°55′46.59″E / 44.409431°N 8.929608°E44.409431; 8.929608Coordinate: 44°24′33.95″N 8°55′46.59″E / 44.409431°N 8.929608°E44.409431; 8.929608
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVII secolo
InaugurazioneXVII secolo
Usoabitazione/uffici
Realizzazione
AppaltatoreEmanuele Filiberto Di Negro

Il palazzo Emanuele Filiberto Di Negro è un edificio sito in via al Ponte Reale al civico 2 nella zona di Sottoripa nel centro storico di Genova, inserito il 13 luglio del 2006 nella lista tra i 42 palazzi iscritti ai Rolli di Genova divenuti in tale data Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Costruito nel XVII secolo per Emanuele Filiberto Di Negro con la demolizione delle case medievali dei "De Nigro", che qui possiedono una torre, il palazzo compare per la prima volta nei rolli del 1614 a nome di Pietro Maria Gentile. Un altro Pietro Gentile, dopo duecento anni, diviene proprietario del palazzo che, più volte citato nelle guide per la preziosa quadreria con dipinti di Guido Reni, Tiziano Vecellio e Pieter Paul Rubens, viene definito da Ratti "di mole e altezza non ordinaria e di struttura assai nobile tanto nell'esteriore facciate quanto nel suo interno".

Le facciate, riccamente decorate con stucchi, si ammirano agevolmente, caso raro a Genova, da ampie prospettive, alla grandiosità esterna rispondono atrio e ninfeo del cortile loggiato e scalone a stucchi.

Nell'ottocento, la realizzazione della "carrettiera Carlo Alberto di Savoia" (oggi via Antonio Gramsci) che altrove ha rimosso le casupole addossate alla Ripa, ha lasciato intatto il prospetto del palazzo, divenuto ormai "Hotel Feder", scelto dallo storico tedesco Theodor Mommsen e dallo scrittore statunitense Herman Melville nei loro soggiorni in città.

Recentemente restaurato, è oggi destinato ad appartamenti e, solo in parte, a sede di attività commerciali.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]