Palazzo Caracciolo in via Tribunali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Caracciolo d'Arena
Pal tribun n. 168.JPG
Il portale
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàNapoli
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVII secolo
Usoresidenziale
Lo stemma

Il Palazzo Caracciolo d'Arena è un importante palazzo di Napoli, ubicato al civico 169 della omonima strada.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo è una testimonianza rinascimentale, barocca e rococò nel centro antico della città: le parti più antiche, quali gli arconi nel cortile, risalgono al XV secolo, mentre l'impronta complessiva è data dal restauro settecentesco.

Il palazzo era in origine dei Caracciolo marchesi di Arena e costituiva con l'adiacente palazzo Caracciolo di Martina avente ingresso da vico Sedil Capuano e con altre residenze dei Caracciolo a Capuana un elemento importante dell'insediamento della nobile famiglia nell'area di Capuana e del decumano maggiore. Il palazzo nell'Ottocento passò poi alla Marchesa Giacomina Como Falces e ai suoi figli ed eredi baroni Vitale di Santa Maria Iacobe.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo ingloba gli arconi dell'antico sedile di Capuana. La facciata, in stato di degrado, è riccamente decorata a stucco e traforata dalle finestre con andamento sinuoso delle balaustre dei balconi in piperno.

Il portale in pietra di piperno è anch'esso riccamente decorato: il mascherone che funge da chiave di volta e lo stemma gentilizio dei Caracciolo lo raccordano al balcone centrale del piano nobile. Fu lavorato nel 1744 dai pipernai Giovanni Passaro e Domenico D'Ambrogio sotto la guida di Bartolomeo Vecchione[1].

Nel cortile c'è una scala aperta concepita ad unica arcata per piano, la cui configurazione originale è stata alterata con l'aggiunta di due pilastri in calcestruzzo armato al fine di rendere la struttura un po' più stabile dopo i danni dei bombardamenti, ma senza però badare alle conseguenze architettoniche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marina Cavalieri, Porte, portali e roste di Napoli, Newton & Compton editori, Napoli, 1995

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Domenico Moccia e Dante Caporali, NapoliGuida-Tra Luoghi e Monumenti della città storica, Clean, 2001
  • Italo Ferraro, Napoli atlante della città storica vol. I: Il centro antico, Napoli, CLEAN edizioni, 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]