Palazzo Bentivoglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Palazzo Bentivoglio (disambigua).
Palazzo Bentivoglio
Palazzo Bentivoglio.jpg
Ricostruzione ottocentesca del Palazzo Bentivoglio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàBologna
Indirizzostrada San Donato
Informazioni generali
Condizionidemolito
CostruzioneXV secolo
Distruzione1507
Realizzazione
CommittenteSante Bentivoglio

Il Palazzo Bentivoglio era un palazzo di Bologna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Bentivoglio

Il palazzo della famiglia gentilizia bolognese Bentivoglio venne costruito, per volontà di Sante Bentivoglio, in strada San Donato (oggi via Zamboni) a partire dal 1460 e fu successivamente portato a termine da Giovanni II. Venne chiamato anche Domus Aurea, perché i capitelli e i cornicioni della facciata erano ricoperti di oro zecchino.

L'edificio venne distrutto dalla furia popolare nella primavera del 1507. A deciderne la distruzione furono i nemici dei Bentivoglio. Del resto, anche papa Giulio II era convinto che bisognasse radere al suolo la dimora stessa dei Bentivoglio, se si voleva evitare il loro ritorno. Con la cacciata della famiglia dalla città, il Senato bolognese stabilì che qualsiasi stemma o segno della passata dominazione venisse cancellato[1]. La distruzione del palazzo di strada San Donato fu però una grave perdita per la storia dell'arte italiana. Cronisti contemporanei e studiosi più recenti hanno cercato di ricostruire, sulla base di descrizioni spesso entusiastiche, l'aspetto della domus magna.

Oggi sull'area dove si ergeva il palazzo si trova il Teatro Comunale, alla destra del quale corre la via del Guasto che ricorda, nel nome, le macerie della residenza bentivolesca; nell'area retrostante, in cui si trovava il giardino, sorge oggi il moderno Giardino del Guasto, mentre la costruzione in fronte al Teatro, sul lato opposto della piazza, ospitava le Scuderie dell'antico palazzo. Poco oltre, in via Belle Arti, si erge la mole imponente di un nuovo Palazzo Bentivoglio. Esso fu fatto costruire, a partire dal 1551, da Costanzo Bentivoglio, discendente di un ramo collaterale (non dominante) della famiglia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo quanto riportato dai cronisti, la facciata principale che dava su strada San Donato (oggi via Zamboni) misurava 30 metri, mentre i fianchi superavano i 140 metri di lunghezza. Al pianterreno erano situati gli appartamenti degli uomini di casa Bentivoglio, mentre al piano superiore si trovava l'appartamento di Giovanni, riccamente affrescato, e quello ugualmente sfarzoso di Ginevra e delle altre donne di casa. Le sale nobili del palazzo erano riccamente affrescate da noti artisti dell'epoca: nella loggia che dal terzo cortile metteva al giardino, Lorenzo Costa aveva frescato l'incendio di Troia, mentre Francesco Francia aveva decorato la stanza di Giovanni II con pitture che rappresentavano la storia di Giuditta e Oloferne.[2]

Il palazzo ospitava anche guardie e armigeri, senza contare naturalmente le camere per gli ospiti, i magazzini e i depositi di armi.[3]

Complessivamente l'edificio aveva 244 stanze e 5 vaste sale,[2] dove i Bentivoglio ricevevano illustri personaggi e amici, davano feste e pranzi sontuosi.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonelli-Poli, Il palazzo dei Bentivoglio[manca la pagina]
  2. ^ a b 1 Marzo 2014. Viaggiatori stranieri nella Bologna del '500, su museocapellini.it. URL consultato il 22 settembre 2017.
  3. ^ Antonelli-Poli, Il palazzo dei Bentivoglio[manca la pagina]
  4. ^ Antonelli-Poli, Il palazzo dei Bentivoglio[manca la pagina]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Pancaldi, Descrizione storica del palazzo Bentivoglio atterrato nell'anno 1507, in "Almanacco Statistico Bolognese" (1830), pp. 145-160,
  • Pier Luigi Perazzini, Nuovi documenti riguardanti il distrutto palazzo Bentivoglio di strada San Donato, in "Strenna storica bolognese", 47 (1997), pp. 405-424
  • Pier Luigi Perazzini, Nuovi documenti riguardanti il distrutto palazzo Bentivoglio di strada San Donato, 2, in "Strenna storica bolognese", 50 (2000), pp. 395-414
  • Armando Antonelli - Marco Poli, Il palazzo dei Bentivoglio nelle fonti del tempo, Marsilio, Venezia 2006. ISBN 8831791958
  • Un signore allo specchio: il ritratto e il palazzo di Giovanni II Bentivoglio, catalogo della Mostra tenuta a Bologna nel 2003 a cura di Vera Fortunati, Bologna 2003