Palazzo Benci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il palazzo fiorentino in via de' Benci, vedi Palazzo de' Benci.
Palazzo Benci
Palazzo de' benci di piazza madonna degli aldobrandini, facciata 01.JPG
Palazzo Benci
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Località Firenze
Indirizzo Piazza Madonna degli Aldobrandini
Coordinate 43°46′30.65″N 11°15′10.82″E / 43.775181°N 11.253006°E43.775181; 11.253006Coordinate: 43°46′30.65″N 11°15′10.82″E / 43.775181°N 11.253006°E43.775181; 11.253006
Informazioni
Condizioni In uso
Realizzazione
Proprietario storico Niccolò Benci

Il Palazzo Benci si trova a Firenze in Piazza Madonna degli Aldobrandini.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Prima del 1469, in questo sito vi erano modeste case popolari, nelle quali si dice che fosse nato il pittore Giotto. Nel 1470 Niccolò Benci fece costruire una casa per la sua famiglia dopo aver acquistato un antico fabbricato, che solo un secolo dopo assunse le forme e le dimensioni del palazzo odierno.

Nel 1575 i Benci ne fecero decorare la facciata con affreschi, oggi molto sciupati, alla realizzazione dei quali partecipò anche Bernardino Poccetti: in quell'anno il palazzo vinse un concorso che si tenne il giorno della festa di San Giovanni per premiare le più belle facciate dipinte della città.

Il busto sul portale rappresenta Francesco I de' Medici e secondo un cronista dell'epoca fu una forma di ringraziamento più che altro verso sua moglie Bianca Cappello, che aveva fatto ottenere un non precisato incarico a un componente della famiglia Benci.

Il palazzo, dopo i Benci che ne furono i primi proprietari, fu venduto nel Settecento ai Cattani-Cavalcanti, poi passò per eredità ai marchesi Mannelli-Galilei-Riccardi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Vannucci, Splendidi palazzi di Firenze, Le Lettere, Firenze 1995.
  • Francesco Lumachi Firenze - Nuova guida illustrata storica-artistica-aneddotica della città e dintorni, Firenze, Società Editrice Fiorentina, 1929