Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Palazzo Ōmiya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ōmiya Palace (大宮御所 cioè Ōmiya-gosho) si riferisce alla residenza dell'Imperatrice vedova del Giappone. Letteralmente significa "Grande Palazzo" ma è anche il titolo di cortesia dell'Imperatrice, per questo tale nome non fa riferimento ad un edificio ben preciso.

Nella storia recente del Giappone, ci sono stati tre Palazzi Ōmiya::

  • Palazzo Ōmiya di Kyōto (京都大宮御所, Kyōto Ōmiya-gosho), costruito nel 1867 come residenza per l'imperatrice Eishō, sposa dell'imperatore Komei. L'edificio è oggi usato come residenza della famiglia imperiale o residenza per gli ospiti di stato [1].
  • Palazzo Ōmiya 大宮御所 ad Akasaka presso Tokyo, residenza dell'imperatrice Teimei, moglie dell'Imperatore Yoshihito. Dopo la sua morte nel 1951 divenne la residenza del principe ereditario (il Palazzo Tōgū), dove oggi vive il principe Naruhito e la sua famiglia.
  • Il Palazzo Fukiage Ōmiya 吹上大宮御所 si trova a Kōkyo a Tokyo ed era originariamente la residenza dell'Imperatore Hirohito e della Imperatrice Kōjun, venendo allora chiamato Palazzo Fukiage. Dopo la morte dell'imperatore nel 1989 venne ribattezzato Palazzo Fukiage Ōmiya e vi visse l'imperatrice vedova fino alla morte nel 2000 [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]