Diamond Dallas Page

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Page Falkinburg)
Diamond Dallas Page
Page nel giugno 2011.
Page nel giugno 2011.
Nome Page Joseph Falkenburg Jr.
Ring name Diamond Dallas Page
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Point Pleasant, New Jersey
5 aprile 1956
Residenza Atlanta, Georgia
Altezza 196 cm
Peso 112 kg
Allenatore Jake Roberts
WCW Power Plant
Debutto 18 novembre 1991
Ritiro 5 luglio 2006
Progetto Wrestling

Dallas Page [1] nato Page Joseph Falkinburg Jr. (Point Pleasant, 5 aprile 1956) è un ex wrestler e attore statunitense, meglio conosciuto con il ring name Diamond Dallas Page e per i suoi trascorsi con la World Championship Wrestling (WCW). Nel corso della sua carriera di wrestling, che ha attraversato due decenni, Page ha lottato per le federazioni mainstream di wrestling come la World Championship Wrestling (WCW), la World Wrestling Federation (WWF, ora WWE) e la Total Nonstop Action Wrestling (TNA). Page ha prima iniziato la sua carriera di wrestling nel 1988, come manager nella American Wrestling Association, dove ha lavorato per nove mesi prima di firmare con la WCW nel 1991. Lì ha continuato a lavorare come manager fino alla fine del 1991, quando è diventato un wrestler. Nel corso di un decennio nella WCW, Page è diventato un tre volte WCW World Heavyweight Champion, due volte WCW United States Champion, quattro volte WCW World Tag Team Champion e una volta WCW World Television Champion. È il quarto WCW Triple Crown Champion. Page ha la particolarità di aver combattuto come United States Champion nella sola occasione in cui un match per il titolo è stato nel main event di un evento in pay-per-view: a World War 3 1998, dove ha sconfitto lo sfidante Bret Hart.

Dopo che la WCW è stata venduta nel 2001, Page firmato con la WWF, dove divenne una volta WWF European Champion e una volta WWF World Tag Team Champion. A causa di una serie di infortuni, non ha rinnovato il suo contratto con la compagnia in scadenza nel 2002. Ha lavorato per la TNA dal 2004 al 2005. Dopo aver smesso di combattere, ha intrapreso la carriera di attore, guru del fitness e speaker motivazionale.

Carriera nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e American Wrestling Association[modifica | modifica wikitesto]

Page dirigeva un nightclub a Fort Myers, in Florida, chiamato "Norma Jeans", e contemporaneamente lavorava come manager nella American Wrestling Association (AWA).[2] Iniziò l'attività di manager nel 1988, avendo come clienti i Badd Company (Paul Diamond & Pat Tanaka), team che guidò alla conquista dei titoli AWA World Tag Team Championship il 19 marzo.[3] I Badd Company, erano spesso accompagnati da vallette conosciute con il nome "Diamond Dolls" (Tonya, Jennifer, e Torri). Durante questo periodo in AWA, altri clienti di Page furono Col. DeBeers,[4] Curt Hennig, e Madusa Miceli, tutti membri della sua stable denominata Diamond Exchange. Lavorò inoltre come commentatore tv per la Florida Championship Wrestling (FCW), presto ribattezzatasi Professional Wrestling Federation (PWF), dove lavorò insieme a Gordon Solie, prima di debuttare finalmente sul ring come wrestler vero e proprio. Il primo match ufficiale di Page si svolse nel maggio 1989 contro Dick Slater.

Nel 1990, Dallas fece un colloquio con la WWF per un posto come annunciatore, ma non ottenne il lavoro.[2] A WrestleMania VI, guidò la Cadillac rosa che portò i Rhythm and Blues (The Honky Tonk Man & Greg Valentine) al ring. All'epoca, era praticamente sconosciuto nella World Wrestling Federation.[5] Quando la FCW fallì, Page continuò il suo lavoro come direttore del night fino a quando Dusty Rhodes fece ritorno alla World Championship Wrestling. Rhodes iniziò l'attività di booker e portò Page nella federazione all'inizio del 1991.

World Championship Wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Manager dei Freebirds & Diamond Mine (1991–1992)[modifica | modifica wikitesto]

Rivalità con Randy Savage (1994–1997)[modifica | modifica wikitesto]

Page continuò a raffinare il suo personaggio, seguendo i consigli di Jake Roberts che lo mise in guardia rispetto agli aspetti psicologici del business. Quando si riprese dall'infortunio, Dallas tornò ad apparire in WCW nel 1994, insieme alla moglie Kimberly. Restò coinvolto in un lungo feud con Dave Sullivan (che lo accusava di trattare male Kimberly). Al ppv Fall Brawl 1995, Page vinse il suo primo titolo di una certa importanza sconfiggendo Renegade aggiudicandosi il WCW World Television Championship. In seguito Johnny B. Badd gli tolse la cintura, e a World War 3 vinse addirittura i servigi di Kimberly come sua nuova valletta. A Uncensored del 24 marzo 1996, The Booty Man & Kimberly sconfissero Diamond Dallas Page in un Loser Leaves Town Match.

Il 19 maggio prese parte al Lord of the Ring Tournament (Battle Bowl) svoltosi a Slamboree. Vinse il torneo sconfiggendo in finale The Barbarian con due Diamond Cutter. Il vincitore avrebbe conquistato lo status di sfidante numero uno al titolo mondiale WCW all'epoca detenuto da The Giant. Tuttavia, Page non ottenne la title shot quella sera. Era nel mezzo di un feud con Eddie Guerrero quando nacque il New World Order (nWo). Poiché Nash ed Hall erano entrambi ex partner di Page, lo assistettero durante il torneo per l'assegnazione del vacante titolo US. Credendo però che il loro aiuto non fosse ben accetto, Hall e Nash finirono per assalire Page durante la finale, regalando di fatto la vittoria a Guerrero. Dopo avergli dimostrato il proprio potere, gli chiesero di entrare nell'nWo. Dallas rispose colpendo entrambi con la sua mossa finale Diamond Cutter, dando il via al suo turn face e al feud definitivo con l'nWo. Nello specifico, Page si scontrò con "Macho Man" Randy Savage (all'epoca membro dell'nWo). Durante una puntata di WCW Monday Nitro, Savage, aiutato da Scott Hall e Kevin Nash, attaccò Page e gli scrisse con la vernice spray sulla schiena le lettere "nWo". Qualche settimana dopo, a Uncensored, Savage e Miss Elizabeth "ruppero" la kayfabe rivelando al mondo che Page e Kimberly erano sposati. A Spring Stampede, Diamond Dallas Page e Savage si affrontarono nel main event della serata in un match che vide prevalere Page, ma che non fu la resa dei conti finale tra i due. Qualche mese dopo, a The Great American Bash, i due si affrontarono nuovamente in un "Anything Goes, Lights Out Match". Questa volta l'incontro terminò con la vittoria di Savage. A Bash at the Beach, Scott Hall e Randy Savage sconfissero Diamond Dallas Page e Curt Hennig. Curt Hennig, che era stato portato personalmente in WCW da Diamond Dallas Page, abbandonò DDP durante il match. Hennig sconfisse Page in un "Grudge Match" svoltosi a Road Wild. A Fall Brawl, Page in coppia con Lex Luger sconfisse Scott Hall e Randy Savage in un "No Disqualification Match". In questo periodo, Page iniziò a scontrarsi con il leader dell'nWo, Hollywood Hulk Hogan. Page e Savage si affrontarono per l'ultima volta al ppv Halloween Havoc edizione 1997. L'incontro fu un "Las Vegas Sudden Death Match", vinto da Savage grazie all'interferenza di Hogan, che travestito da Sting, colpì Page con la mazza da baseball.

United States Heavyweight Champion (1997–1998)[modifica | modifica wikitesto]

A Starrcade, Page vinse il titolo United States Heavyweight Championship sconfiggendo Curt Hennig. L'anno seguente a Uncensored, difese la cintura in un Triple Threat Falls Count Anywhere Match contro Chris Benoit e Raven. Successivamente Page perse il titolo in favore di Raven a Spring Stampede. Il prossimo impegno vide Page combattere in coppia con il giocatore di basket Karl Malone contro Hulk Hogan e Dennis Rodman al ppv Bash at the Beach, perdendo a causa delle interferenze esterne. Altro match particolare dell'epoca fu quello che lo vide far coppia con il presentatore Jay Leno a Road Wild, dove i due sconfissero Hogan e Eric Bischoff.

A Fall Brawl, Page si aggiudicò il main event del WarGames 1998, ed ottenne una title shot per il WCW World Title contro l'imbattuto Goldberg a Halloween Havoc. Page perse l'incontro, ma il match fu votato "Match of the Year" dai lettori della rivista WCW Magazine. Nonostante la sconfitta patita, Page non si perse d'animo e riuscì a strappare la cintura di Campione United States Heavyweight a Bret Hart.[6] Hart riconquistò il titolo durante la puntata di Nitro del 30 novembre vincendo un No Disqualification Match.[7]

World Heavyweight e World Tag Team Champion (1999–2001)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 1999 Page conquistò il titolo WCW World Heavyweight Championship al ppv Spring Stampede sconfiggendo Sting, Hogan, e Ric Flair in un Four Way Dance Match arbitrato da "Macho Man" Randy Savage. Page schienò Flair dopo averlo colpito con la Diamond Cutter. Dopo la conquista del titolo, il comportamento di Page cambiò drasticamente, dato che i fans avevano iniziato a stufarsi del suo personaggio da "face" e frequenti erano i fischi nei suoi confronti durante gli house show. La decisione di far diventare Page un heel venne quindi presa dalla dirigenza WCW, ed il cambiamento ebbe luogo a Nitro in un match che lo vedeva contrapposto a Goldberg. Durante l'incontro, Page colpì ripetutamente Goldberg ad una gamba con una sedia d'acciaio, per poi passare a provocare il pubblico urlando loro: "fischiatemi adesso!". Si fermò solo quando giunse Kevin Nash ad allontanarlo dal ring.

Il 26 aprile 1999, Page perse e riguadagnò il titolo nello spazio di due ore. Sting lo sfidò a difendere la cintura nella prima parte di Nitro e lo sconfisse diventando WCW World Champion. Novanta minuti dopo, Nash giunse a bordo ring chiedendo un four-way match con in palio il titolo, e Page vi partecipò insieme a Sting, Goldberg, ed allo stesso Kevin Nash. Page riconquistò la cintura. Nash divenne lo sfidante numero uno al titolo e affrontò Page all'evento Slamboree. Inizialmente fu Dallas a prevalere su Nash grazie all'interferenza esterna di Randy Savage, ma il match venne fatto proseguire da Eric Bischoff e Nash riuscì a schienare Page dopo una powerbomb, aggiudicandosi il titolo.

Poco tempo dopo Slamboree, Page entrò a far parte di un tag team insieme Bam Bam Bigelow e i due vinsero il WCW World Tag Team Championship da Perry Saturn & Raven, grazie al tradimento di Chris Kanyon nei confronti di Raven. Page, Bigelow, & Kanyon divennero noti con il nome "Jersey Triad" (tutti e tre i wrestler erano nativi del New Jersey) ed attraverso la loro alleanza con il WCW "President for Life" Ric Flair iniziarono a ricorrere alla famigerata Freebird Rule nei loro successivi match (ognuno dei tre membri del team avrebbe potuto difendere i titoli di coppia). Il trio detenne le cinture fino al 10 giugno, quando Saturn e Chris Benoit riuscirono a sconfiggerli. Riconquistarono i titoli tre giorni dopo a The Great American Bash, perdendoli poi contro gli Harlem Heat a Road Wild in agosto. Il gruppo si sciolse poco tempo dopo e Page iniziò un feud con Hulk Hogan, alleandosi con Sid Vicious & Rick Steiner. Alla fine della rivalità, Dallas Page divenne nuovamente un face e si scontrò con gli ex compagni Kanyon & Bigelow.

Nel 2000, Dallas Page ebbe una title shot al vacante titolo WCW World Championship in un match contro Jeff Jarrett al ppv Spring Stampede. In un colpo di scena sorprendente, la moglie di Page, Kimberly, lo tradì aiutando Jarrett a conquistare la cintura. La vendetta di Page ebbe luogo nella puntata di Nitro del 24 aprile, quando sconfisse Jarrett in uno Steel Cage Match diventando WCW World Heavyweight Champion per la terza volta. Tre giorni dopo, l'attore David Arquette gli strappò la cintura a Thunder; vincendo un Four Way Dance Match comprendente anche Jarrett ed Eric Bischoff (Arquette schienò proprio quest'ultimo). Page cercò di riconquistare la cintura a Slamboree in un Triple Cage match con Arquette e Jarrett, ma perse quando Arquette lo colpì a tradimento con una chitarra.

World Wrestling Federation (2001–2002)[modifica | modifica wikitesto]

Quando la WCW venne acquisita dalla WWF nel 2001, Page fu uno dei pochi grossi nomi della WCW (insieme a Booker T e Buff Bagwell) ad accettare una buona uscita dalla AOL Time Warner piuttosto che passare direttamente alla federazione di Vince McMahon. Diamond Dallas Page debuttò nella World Wrestling Federation (WWF) durante la puntata del 18 giugno 2001 di Raw rivelandosi essere lo stalker misterioso che perseguitava la moglie di The Undertaker, Sara. Page rivelò di non essere realmente interessato alla donna; ma che il suo scopo primario era quello di attirare il massimo dell'attenzione da parte della maggior star della compagnia. Presto si unì alla stable The Alliance durante la "WCW Invasion". Al ppv King of the Ring, affrontò Undertaker in una sorta di rissa che non fu mai sancita come un vero e proprio match ufficiale.

Successivamente, Page e Chris Kanyon si riunirono in tag team e il 9 agosto 2001 a SmackDown!, la coppia sconfisse gli APA vincendo il World Tag Team Championship.

Il feud con Undertaker andò avanti per altri tre mesi per poi terminare quando Undertaker & Kane batterono Page & Kanyon a SummerSlam il 19 agosto 2001 in uno Steel Cage Match con in palio il WWF Tag Team Championship, occasione nella quale Page si infortunò realmente e dovette restare lontano dal ring fino all'ottobre 2001.

In questo periodo, divenne celebre la sua "catchphrase" «Yo! It's me, it's me, it's DDP!», e Page sviluppò una nuova gimmick diventando un "motivatore", attività che svolgeva anche nella vita reale. Il nuovo personaggio, implicava un'attitudine fortemente ottimista ed un costante sorriso sulle labbra, e non mancava mai di ripetere il suo motto: «That's not a bad thing... that's... a good thing».

Il suo ritorno in televisione si ebbe il 3 novembre 2001 a Rebellion, dove perse un match contro Big Show. Quando l'Alliance venne sconfitta alle Survivor Series del 2001, DDP insieme al resto dei membri della stable, persero il lavoro (kayfabe) venendo licenziati dalla federazione. In seguito, riuscì a riconquistare il suo posto di lavoro sconfiggendo The Big Bossman a SmackDown! il 17 gennaio 2002. Inoltre, prese parte alla Royal Rumble di quell'anno, ma venne eliminato nel corso del match.

Il 31 gennaio 2002, Page divenne European Champion sconfiggendo Christian, ex discepolo della sua "filosofia positiva". A WrestleMania X8, difese il titolo nel rematch del confronto. Tuttavia, perse la cintura in favore di William Regal a SmackDown il 19 marzo. Ormai quarantaseienne, reduce da svariati infortuni, incluso un grave incidente al collo rimediato durante un match contro Hardcore Holly, Dallas Page fu d'accordo con i vertici della federazione a non rinnovare il contratto in scadenza che lo legava alla WWE.

Total Nonstop Action Wrestling (2004–2005)[modifica | modifica wikitesto]

Juggalo Championship Wrestling (2009)[modifica | modifica wikitesto]

Ritorno in WWE "One Night Only" (2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nel Gennaio 2015 fece il suo ritorno alla Royal Rumble

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Con Bam Bam Bigelow

Con Chris Kanyon

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "DDP"
  • "Handsome" Dallas Page"
  • "The Original People's Champion"
  • "Positively Page"
  • "The King of Bada-Bing"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Glam Rock" (WCW; 1991–1992, 1994–1996)
  • "Self High-Five" di Jimmy Hart e H. Helm (WCW; 1996–2000)
  • "Wolfpac Theme" (WCW; usata come membro degli Insiders)
  • "Dog" dei FAT (WCW; 2000–2001)
  • "Diamond In the Rough" di Jim Johnston – WWF/WWE (2001–2002, 2012–presente)
  • "Spirit" di Dale Oliver – TNA (2004–2005)

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Wrestler di cui è stato manager[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

George Tragos/Lou Thesz International Wrestling Institute

  • Frank Gotch Award (2014)

Pro Wrestling Illustrated

  • Feud of the Year (1997) vs. Randy Savage
  • Most Improved Wrestler of the Year (1995)
  • Most Hated Wrestler of the Year (1999)
  • tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (1997, 1998)

Swiss Wrestling Federation

  • SWF Heavyweight Championship (1)

World Championship Wrestling

World Wrestling Federation

Wrestling Observer Newsletter

  • Best Wrestling Maneuver (1997) Diamond Cutter
  • Most Improved Wrestler (1996)
  • Worst Gimmick (2001)

1 Page ha difeso il titolo sia con Kanyon che con Bigelow, sotto la Freebird rule.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

DDP come Skullbucket in Gallowwalkers.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D D P B A N G . C O M
  2. ^ a b Template:Wayback
  3. ^ Royal Duncan & Gary Will, Wrestling Title Histories, 4th, Archeus Communications, 2006, ISBN 0-9698161-5-4.
  4. ^ Template:Author, AWA: DDP introduce Col DeBeers in his stable; Todd Becker Vs Col DeBeers /w DDP & Tonya, 1988-08-27.
  5. ^ WrestleMania XIX DVD
  6. ^ World War 3 1998 results, Pro Wrestling History.
  7. ^ History of the United States Championship – Bret Hart(3), WWE. URL consultato il 30 dicembre 2007.
  8. ^ Ross Davies, Diamond Dallas Page, p. 31, ISBN 0-8239-3493-4.
  9. ^ Raven's profile, Obsessed With Wrestling. URL consultato il 10 marzo 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN23949705 · LCCN: (ENn2001095901