Pagani Huayra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pagani Huayra
Pagani Huayra.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Pagani
Tipo principale Coupé
Altre versioni Roadster
Produzione dal 2011
Sostituisce la Pagani Zonda
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4605 mm
Larghezza 2036 mm
Altezza 1169 mm
Passo 2795 mm
Massa 1350 kg
Altro
Assemblaggio San Cesario sul Panaro
Progetto Horacio Pagani
Stile Horacio Pagani
Auto simili Lamborghini Aventador, Ferrari F12 Berlinetta
Pagani Huayra - Flickr - Supermac1961.jpg

La Pagani Huayra (nome in codice progetto C9) è, dopo la famiglia della Pagani Zonda, il secondo modello della piccola casa automobilistica fondata da Horacio Pagani. Il nome deriva da Huayra-tata, dio del vento, che secondo la mitologia sudamericana, comanda le brezze, i venti e gli uragani che investono le montagne della cordigliera Andina.[1]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Lo studio della Huayra è iniziato nel 2003, quando la concorrenza rischiava di far invecchiare precocemente la Zonda (il cui progetto risaliva ai primi anni novanta). L'obiettivo era quindi quello di realizzare una vettura completamente nuova, che rappresentasse la massima espressione tecnologica del mondo automobilistico. Gli otto anni necessari a completare la Huayra sono stati utilizzati per studiare e perfezionare le numerose soluzioni tecniche che nel frattempo erano state utilizzate sulle vetture della famiglia Zonda: una su tutte, il telaio al carbonio-titanio. Anche dal punto di vista estetico il percorso è stato estremamente lungo. Si è infatti partiti da un centinaio di bozzetti per arrivare, dopo numerose ricerche e soluzioni scartate, alla linea definitiva.[2]

Design[modifica | modifica wikitesto]

Interni

La Huayra si ispira, nelle parole della Pagani, all'elemento dell'aria e ha richiesto ben 7 anni di lavoro, durante i quali il concetto stilistico di base è stato perfezionato fino a raggiungere le forme definitive. Rimane tuttavia un family feeling con la Zonda, grazie ai doppi fari allo xeno e ai quattro terminali di scarico disposti in quadrato.[1] Gli specchietti, inoltre, sono ispirati alla forma dell'occhio femminile. Le prese d'aria laterali superiori dietro le portiere, riprendono elementi dei caccia militari.

Presso il Salone dell'automobile di Ginevra del 2013, la Pagani ha annunciato una collaborazione con l'azienda Sonus Faber, specializzata in impianti audio. Essa, infatti, si è occupata di inserire un impianto stereo migliorato sulla vettura in quanto quello di serie viene disturbato dal rombo del motore. Questo nuovo impianto eroga 1200 watt. I coni degli altoparlanti sono stati realizzati in fibra di carbonio, per contenere i pesi.[3].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Motore[modifica | modifica wikitesto]

Parte posteriore e motore di una Pagani Huayra

La Huayra è spinta dal Mercedes-AMG V12 M158. Il propulsore, un biturbo da 5.980 cm³, eroga 700 CV nella versione standard e 730 in configurazione hi-power, oltre ad una coppia di 1.000 Nm (1.100 la hi-power), sufficiente a spingere la Huayra a 370 km/h, velocità massima dichiarata dalla Pagani.

I due radiatori posizionati ai lati della bocca anteriore garantiscono l'efficienza degli intercooler, posti sopra la testa dei cilindri. Questo circuito di raffreddamento a bassa temperatura è stato progettato per funzionare anche in luoghi nei quali la temperatura ambientale supera i 50 °C.[1]

La lubrificazione è a carter secco: questo ha consentito di eliminare la coppa dell'olio e collocare quindi il motore il più in basso possibile, avendo quindi il centro di gravità meno distante da terra. Al fine di limitare quanto più possibile il numero di tubi ed allacciamenti nel motore, e di conseguenza risparmiare peso, il serbatoio di espansione è montato direttamente sul motore. Sempre per lo stesso motivo, le paratie degli intercooler fungono da serbatoi del circuito refrigerante.[1]

Per ottimizzare i consumi, la richiesta di carburante è controllata da un microprocessore su ogni pompa, rilasciando quindi solo la quantità di cui ha veramente bisogno il motore. Questo riduce l'energia necessaria a far funzionare le pompe del carburante e riduce gli sprechi dovuti all'eccesso di carburante trasportato e riscaldato nei condotti. Gli scarichi sono in titanio e inconel, concepiti per essere il più leggeri possibile (l'impianto di scarico completo pesa meno di 10 kg) e nello stesso tempo garantire un flusso dei gas di scarico il più libero possibile.

Il cambio è un 7 marce sequenziale montato trasversalmente ed è fornito dall'azienda britannica Xtrac. L'adozione di un meccanismo a doppia frizione è stata scartata, perché avrebbe comportato un aumento del peso di circa 70 kg, a fronte di una velocità di cambiata di poco superiore. Inoltre la trasmissione Xtrac, a differenza dei sistemi Dual Clutch, è in grado di gestire la coppia di 1000 Nm proveniente dal propulsore AMG.

Telaio e sospensioni[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio della parte posteriore di una Huayra; notare le sospensioni push-rod con ammortizzatori orizzontali e il telaio costruito da una scocca in carbonio con tralicci in titanio

Il telaio è una struttura monoscocca, realizzata in una speciale lega di carbonio-titanio, già vista sulla Zonda R, che a parità di peso è più resistente della fibra di carbonio semplice. Sempre per risparmiare peso, il telaio ingloba, in un tunnel che passa tra i sedili, i condotti dell'aria condizionata e del circuito di raffreddamento, per evitare di montare componenti aggiuntivi.

Per garantire la massima sicurezza, la cellula dell'abitacolo è stata rinforzata con kevlar balistico, carbonio e poliestere. Le parti anteriori e posteriori sono state rinforzate con delle paratie aggiuntive, per evitare l'intrusione di materiali in caso di urto longitudinale.

Le sospensioni sono collegate al telaio tramite quattro semi-telai in cromo-molibdeno, che garantiscono massima rigidità, peso minimo e aiutano a dissipare energia in caso di urto. La geometria delle sospensioni è stata concepita per mantenere il comportamento dinamico della Zonda anche sulla Huayra, che risulta leggermente più lunga. Come per il telaio, anche le sospensioni, realizzate in Avional, indipendenti e a doppio braccetto, sono state prima testate sulla Zonda R. Gli ammortizzatori regolabili sono forniti dalla Öhlins.

Aerodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio anteriore...
...e posteriore dei flap mobili in posizione aperta

L'aerodinamica è uno degli aspetti più curati della Huayra. La vettura è stata concepita come un'ala, che varia il suo angolo di incidenza tramite flap a seconda delle esigenze. Sono stati infatti montati quattro profili alari mobili: due sul cofano anteriore, subito davanti alle prese d'aria, e due all'estremità del cofano posteriore. Una centralina regola l'incidenza di questi profili in funzione di parametri come velocità, accelerazione e angolo di sterzata. Il risultato è una vettura che muta in continuazione la propria sagoma, per garantire il minimo attrito con l'aria e la massima deportanza possibile. Inoltre lavora attraverso delle sospensioni attive che abbassano l'auto; così facendo, diminuisce il fattore aerodinamico da 0,37 Cx a 0,31 Cx, che equivale a ridurre le dimensioni della vettura di circa un sesto.

Anche i flussi sotto la vettura sono stati studiati con la massima cura. La stessa centralina che controlla l'incidenza dei flap mobili regola anche l'altezza dell'avantreno, per ottimizzare il flusso d'aria verso il diffusore posteriore.

Huayra Roadster (2017-)[modifica | modifica wikitesto]

Huayra Roadster del 2017

Dopo 5 anni di sviluppo, la Pagani ha presentato al Salone di Ginevra 2017 la Huayra Roadster.

Il veicolo è dotato dello stesso propulsore 6.0 litri V12 twin-turbo Mercedes-AMG M158 della versione Coupé, ma in questa variante sviluppa una potenza di totale di 764 CV a 6200 giri/min e 1.000 Nm di coppia disponibili a 2400 giri/min. La potenza viene inviata sulle ruote posteriori tramite un nuovo cambio automatico a 7 marce della X-Track.

Il peso è di 70 chilogrammi minore rispetto alla coupé da cui deriva, per un totale di 1.280 kg. Saranno prodotti solo 100 esemplari della Huayra Roadster, già tutti venduti. Inoltre la vettura, grazie a degli pneumatici Pirelli realizzati su misura appositamente per questa versione, ha una tenuta laterale fino a 1,8 g.[4]

Edizioni Speciali[modifica | modifica wikitesto]

Pagani ha prodotto alcune edizioni speciali della Huayra, con personalizzazioni particolari su misura del cliente.

La Monza Lisa[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione speciale in assoluto è quella posseduta da Kris Singh, e porta il nome di "La Monza Lisa". L'esterno è totalmente in carbonio a vista con finitura lucida, arricchito con delle strisce tricolore ispirate alla livrea della Zonda Revolucion. Gli interni sono di un colore rosso particolarmente acceso, simile a quello di una Zonda F Roadster. Un'altra caratteristica unica è la paratia tra vano motore ed abitacolo, alle spalle dei passeggeri: è infatti la prima Huayra ad avere questo elemento realizzato in fibra di carbonio, sia per gusto estetico sia per diminuire l'insonorizzazione dell'abitacolo e permettere un maggiore passaggio di vibrazioni dal motore, ovviamente su richiesta del cliente. Anche il motore ha delle particolarità, anche se rimane avvolto da un velo di mistero: infatti è stato dichiarato che il propulsore ha degli elementi meccanici modificati rispetto al motore standard, prodotto sempre dalla AMG, tuttavia non si hanno dati ufficiali che quantifichino l'incremento di potenza e coppia di questo esemplare. Durante il Vanishing Point del 2015, l'annuale raduno Pagani, La Monza Lisa, che è anche la prima Pagani non europea a parteciparvi, riceve alcuni upgrade in fabbrica, tra cui il nuovo sistema di scarico in titanio.

Huayra 730S

Huayra 730S[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni mesi dopo viene consegnata la seconda edizione speciale di Huayra, la 730S ordinata dal collezionista Alejandro Salomon. Questo modello è caratterizzato da un esterno in carbonio a vista con finitura blu traslucida, e strisce tricolore. Insieme ai cerchioni oro, queste caratteristiche sono mutuate dalla Zonda Tricolore. Gli interni mischiano la classica abbondanza di carbonio delle Pagani alla pelle blu, a riprendere l'esterno dell'auto. Nel gennaio 2016 il produttore messicano ha messo in vendita la sua supercar[5].L'auto è stata acquistata dal collezionista americano David S.K. Lee. Il nuovo proprietario, in seguito ad una serie di upgrade, tra cui il pacchetto Tempesta, la rinomina Huayra DaVinci.

The King[modifica | modifica wikitesto]

Sempre in America troviamo un'altra Huayra in edizione speciale, di proprietà di Roger Beit. Esteriormente mostra un grande impiego di carbonio a vista, con diversi elementi verniciati in bianco. Sui flap posteriori è riportata una corona, e gli stessi sono firmati dalla famiglia Pagani. Curiosamente, la targhetta all'interno dell'auto non recita "One of One", bensì "One of One of One". Inoltre, questa è l'unica Huayra a possedere un portabicchiere, costruito direttamente da Pagani in fibra di carbonio ed autografato da Horacio.

Huayra BC[modifica | modifica wikitesto]

Pagani Huayra BC al Salone di Ginevra 2016
Pagani Huayra BC, vista posteriore

Una versione ancora più estrema, chiamata Huayra BC, è stata portata al debutto al Salone di Ginevra nel marzo 2016. Edizione potenziata della Huayra standard, la Huayra BC ha una versione migliorata del noto motore AMG bi-turbo 6,0 litri V12, in cui il motore viene portato ora a produrre 789 cavalli di potenza (588 kW) e 1.100 Nm di coppia.[6] Il peso a secco è ora ridotto a soli 1.218 kg dopo una cura dimagrante di 132 kg, grazie all'utilizzo di un nuovo tipo di fibra di carbonio, che Pagani sostiene essere più leggero del 50% e più rigido e resistente del 20% rispetto alla fibra di carbonio normale. Pagani ha anche montato sulla Huayra BC un sistema di scarico più leggero in titanio, nuovi cerchi in lega di alluminio e degli interni più spogli e minimali, sempre per ridurre la massa complessiva dell'autovettura. Gli pneumatici sono dei Pirelli P Zero Corsa che dispongono di 12 diverse mescole di gomma e le sospensioni e i bracci trasversali sono ora in alluminio aeronautico, noto come Avional. La Huayra BC ha anche un nuovo paraurti anteriore, con splitter e spoiler di maggiori dimensioni per incrementare la resa aerodinamica, minigonne laterali più profonde, un diffusore d'aria che si estende per l'intera larghezza del paraurti posteriore e un'ala posteriore fissa. Tutti i componenti del telaio e della carrozzeria sono realizzati in fibra di carbonio. La Huayra BC ha modifiche apportate a tutti gli organi della vettura, come i pannelli del corpo vettura che sono stati ottimizzati per massimizzare la deportanza e minimizzare la resistenza aerodinamica. La Huayra BC utilizza un cambio manuale a 7 marce di nuova generazione con comando elettroidraulico. Pagani ha voluto utilizzare una scatola del cambio a singola frizione perché è il 40% più leggero di una scatola del cambio a doppia frizione.[7][8] La sigla BC è dedicata a Benny Caiola, storico e noto acquirente delle Pagani nonché uno dei primi a comprare una Zonda, morto nel 2010.[9] L'auto è stata realizzata in soli 20 esemplari, già tutti venduti al prezzo di circa € 2.300.000.

Huayra Pearl[modifica | modifica wikitesto]

Costruita da Horacio Pagani sotto commissione di un cliente, la Pearl è un esemplare unico che raggiunge i 100 km/h in 3,3 secondi e tocca i 360 km/h.[10][11] È stata gravemente danneggiata dal suo facoltoso proprietario a causa di un incidente per le vie di Parigi[12].

Riepilogo caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Pagani Huayra
Pagani Huayra 1.JPG
Configurazione
Carrozzeria: Berlinetta Posizione motore: centrale longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4600 × 2030 × 1160 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2790 mm Carreggiate: anteriore ? - posteriore ? mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 2 Bagagliaio: 100 litri Serbatoio: 85 l
Masse a vuoto: 1.350 kg
Meccanica
Tipo motore: Mercedes-AMG M 158 12 cilindri a V biturbo Cilindrata: 5.980 cm³
Prestazioni motore Potenza: 730 CV / Coppia: oltre 1.000 Nm
Frizione: Cambio: Xtrac sequenziale a 7 marce
Telaio
Corpo vettura monoscocca in carbonio-titanio
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici Pirelli P Zero
Prestazioni dichiarate
Velocità: 370 km/h Accelerazione: 3.3
Consumi 8,3 km/l (ciclo combinato)
Omologazione: Euro 6 Emissioni CO2: 300

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Comunicato stampa Pagani per la presentazione della Huayra, Paganiautomobili.it. URL consultato il 14/02/2011.
  2. ^ Presentazione di Horacio Pagani, Paganiautomobili.it. URL consultato il 15/02/2011.
  3. ^ Pagani Automobili | News | Partnership Pagani - Sonus Faber Archiviato il 9 marzo 2013 in Internet Archive.
  4. ^ Novità, Pagani Huayra Roadster - L'hypercar scoperta da 764 CV - VIDEO, su Quattroruote.it. URL consultato il 9 marzo 2017.
  5. ^ Pagani Huayra 730S Edition: in vendita a Beverly Hills [collegamento interrotto], su carpassion.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  6. ^ Pagani Huayra BC: 789 CV per 20 esemplari pronti per il Salone di Ginevra 2016, su Automoto.it. URL consultato il 3 maggio 2016.
  7. ^ Pagani Huayra BC [VIDEO], su Autoblog.it. URL consultato il 3 maggio 2016.
  8. ^ Novità, Pagani Huayra - A Ginevra in versione limitata BC e con il pacchetto Tempesta - Quattroruote, su Quattroruote.it. URL consultato il 3 maggio 2016.
  9. ^ http://www.alvolante.it/news/pagani-huayra-bc-345344
  10. ^ Novità, Pagani Huayra Pearl - La prima one-off omaggia l'antenata - Quattroruote, su Quattroruote.it. URL consultato il 20 giugno 2016.
  11. ^ Pagani Huayra Pearl: la più esclusiva di sempre, su Automoto.it. URL consultato il 20 giugno 2016.
  12. ^ Pagani Huayra Pearl: distrutta la one-off multimilionaria [Video], in Automoto.it. URL consultato il 2 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili