Padiglione Zero di Expo 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Sito espositivo dell'Expo 2015.

Milano Expo 2015 - Padiglione Zero

Il Padiglione Zero era una delle aree tematiche di Expo 2015. Si trova all'estremo ovest del decumano, di fronte all'ingresso Triulza. Il padiglione fungeva da introduzione al tema dell'intera esposizione ed è stato una delle strutture permanenti dell'esposizione universale, in quanto non sarà smantellato.

Sulla grande facciata principale si legge il motto in latino che dice Divinus halitus terræ[1], ovvero Il respiro divino della terra.
La struttura copre una superficie di circa 9.000 metri quadrati di cui 5.500 riservati all'area espositiva, predisposta per i nove grandi spazi tematici che si succedono come in una dimensione naturalmente irregolare.

Il complesso è stato progettato dall'architetto Michele De Lucchi, l'allestimento ideato dallo scenografo Giancarlo Basili e curato da Davide Rampello. Il Padiglione Zero mostrava idealmente delle porzioni di crosta terrestre. Il risultato era rafforzato dalla totale copertura in legno, che visualmente restituisce ancora più netta la comprensione del concetto.

Il percorso di visita riproduceva nella successione delle sale un viaggio attraverso la storia dell'uomo, dal punto di vista dell'alimentazione e dell'agricoltura, associandosi al concetto delle Nazioni Unite Sfida Fame Zero. Uniti per un mondo sostenibile[2].

Il Padiglione Zero è stato realizzato da un raggruppamento temporaneo di imprese composto dalla Tecnelit s.p.a.,società Torinese di costruzioni e la Set Up Live.

Le sale tematiche[modifica | modifica wikitesto]

L'Archivio della memoria

La prima sala tematica era dedicata all'Archivio della Memoria: al suo interno era stato allestito un grande archivio di legno somigliante alla struttura di un'antica biblioteca di ispirazione rinascimentale, che sembra erompere dalla terra[3], munita di tanti cassetti, come a rappresentare la memoria conservata dei rituali e delle usanze alimentari che si sono susseguite nei millenni.

L'albero del Padiglione Zero

L'area successiva ospita la proiezione del cortometraggio di Mario Martone, Pastorale cilentana[4]. Il tema del film ruota intorno a caccia, pesca, agricoltura e pastorizia, le arti attraverso cui l'uomo ha conosciuto la Natura, mettendola a proprio servizio. Nella stessa area è presente un grande albero alto circa 23 metri, la cui chioma fuoriesce dal soffitto e svetta oltre il tetto del padiglione[5] (visibile più avanti dal cortile); questa installazione vuole rimarcare la supremazia della Natura sull'uomo.

Sala dei semi

La sala successiva ospita un'installazione che comprende una selezione di semi coltivati nelle principali piantagioni della terra. I semi sono conservati dentro dei contenitori trasparenti e retroilluminati, collocati su di una parete.
Al centro della sala grandi proiezioni fanno scorrere i numerosi prodotti della terra derivanti da quei semi, organizzati per colore.

La sala degli animali

Il tour continuava nella sala degli animali che che stava a rappresentare una grande arca, dove sono riprodotte a grandezza naturale e di colore bianco molte specie di animali, che nei secoli gli uomini hanno allevato o cacciato.

Uscendo da questo ultimo ambiente si accede alla Valle della civiltà, che comprende il cortile interno del padiglione, dove, a partire dal 4 luglio 2015[6], è esposta una statua in bronzo opera di Mimmo Paladino, realizzata in occasione dei 90 anni dell'Istituto della Enciclopedia Italiana e intitolata La conoscenza. Sempre nel cortile del padiglione è presente un grande tavolo di 80 metri quadrati[7] in legno kaori, vecchio di 40 000 anni, che riproduce la Pangea.

Si passa poi nell'area degli strumenti che si presenta sotto forma di campo arato delimitato da muretti a secco, a stabilire la nascita dei primi spazi geometrici e di proprietà privata in agricoltura. Al centro della stessa si erge una riproduzione di un antico mulino, e appesi come a fluttuare, attrezzi, utensili e strumenti utilizzati dai contadini nel passato per coltivare la terra.

La sala dei recipienti

Sempre in questo spazio è posta l'unica area del Padiglione Zero che contiene materiale autentico archeologico: la Sala dei recipienti, dove sono in mostra almeno cinquanta tra vasi, anfore e otri, tra cui alcuni risalenti a millenni avanti Cristo.

Oltrepassando una grande anfora iconica, il visitatore è catapultato nella modernità, ovvero nella zona dedicata alla rivoluzione industriale. La sala contiene un grande plastico della superficie di circa 320 metri quadrati, che mostra come l'uomo ha influito pesantemente sulle modifiche dell'ambiente cambiando anche il modo di produrre il cibo.

La borsa del cibo

La contemporaneità era simboleggiata dalla Borsa mondiale del cibo allestita con un maxi-schermo che forma un muro dell'altezza di venti metri, sul quale erano presentate le oscillazioni di prezzo del cibo. Questo allestimento voleva porre l'attenzione su come gli alimenti siano ormai solo merci da vendere, attraverso le quali comunicare effimeri valori di scambio.

La stanza successiva portava a riflettere sullo spreco del cibo, uno dei temi primari di Expo 2015. Parte del pavimento della sala è coperto da una collina formata da rifiuti quotidiani, dove su una parete erano anche proiettati alcuni spezzoni di film, come per esempio Miseria e nobiltà con Totò, o Un americano a Roma con Alberto Sordi, mentre entrambi gli attori si ingozzano si spaghetti al sugo.
Da un'apertura nella parete dello stesso spazio si intravedono le conseguenti sciagure destinate al genere umano, tra cui c'è il costo pubblico causato da un miliardo e 700 000 individui con problemi di grave obesità.

I modelli positivi

Il tour del Padiglione Zero[8] era chiuso da altre due sale tematiche che hanno tuttavia valenza di un prossimo futuro migliore. La prima è dedicata a dei modelli positivi in una società di agricoltori e produttori alimentari. Invece nella seconda sala era proiettato un video che spiega con dei racconti visivi i cinque migliori progetti di collaborazione per lo sviluppo alimentare. In questa sala era proiettato un cortometraggio di Costanza Quatriglio per raccontare il tema delle Nazioni Unite per Expo Milano 2015: “Sfida Fame Zero - Uniti per un mondo sostenibile”[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Divinus Halitus Terrae, su milano.corriere.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  2. ^ Organizzazione delle Nazioni Unite: Sfida Fame Zero. Uniti per un mondo sostenibile, su expo2015.org. URL consultato il 24 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2015).
  3. ^ L'Archivio della Memoria, su ilgiornale.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  4. ^ Cortometraggio Pastorale cilentana, su lifegate.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  5. ^ Expo, l'albero sfonda il soffitto del Padiglione Zero., su milano.repubblica.it. URL consultato il 24 maggio 2015.
  6. ^ Expo, 'La conoscenza' di Paladino al centro del padiglione Zero - Milano - Repubblica.it, su milano.repubblica.it. URL consultato il 14 luglio 2015.
  7. ^ Pangea è il tavolo di 80 metri quadri., su designdiffusion.com. URL consultato il 24 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2015).
  8. ^ Tour virtuale del Padiglione zero, su virtual.expo2015.org. URL consultato il 24 maggio 2015.
  9. ^ Il tema ONU per Expo 2015 raccontato con un film nel Padigione Zero, su un-expo.org, 23 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]