Pacifico da Cerano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pacifico da Cerano (Cerano, 1420 circa – Sassari, 4 giugno 1482) è stato un teologo italiano dell'Ordine dei Frati Minori: fu beatificato, per equipollenza, da papa Benedetto XIV nel 1745.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sommola di pacifica coscienza, 1497

Apparteneva alla famiglia Ramati.[1]

Persi entrambi i genitori, fu educato dai benedettini del monastero novarese di San Lorenzo e, in seguito, abbracciò la vita religiosa tra i minori osservanti del convento di San Nazzaro della Costa: ordinato sacerdote, fu inviato alla Sorbona di Parigi per proseguire gli studi e conseguì il titolo di dottore.[1]

Predicò numerose missioni in Italia, soprattutto in Lombardia e Liguria. Nel 1474 pubblicò la Sommetta della coscienza pacifica, divulgata sotto il nome di Summa pacifica, redatta in volgare.[1]

Promosse il culto mariano nella sua borgata natale e vi fece erigere una cappella dedicata alla Vergine.[1]

Papa Sisto IV lo inviò in missione in Sardegna, una prima volta, nel 1471 e poi, con l'ufficio di nunzio apostolico, nel 1480, al tempo dell'invasione di Maometto II, per bandire una crociata. Morì proprio in Sardegna nel 1482 e fu sepolto, secondo i suoi desideri, a Cerano.[2]

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Il barnabita Carlo Bascapè, vescovo di Novara, lo definì "insigne per dottrina e santità, conforto e presidio della sua patria":[2] il suo culto fu approvato da papa Benedetto XIV il 7 luglio 1745.[3]

Il suo elogio si legge nel martirologio romano al 4 giugno.[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Sommola di pacifica coscienza, Impressa e con ogni diligentia emendata questa aurea opereta nela cita de Bressa, Battista Farfengo, 1497 [1474].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Vincenzo Gilla Gremigni, BSS, vol. X (1968), col. 4.
  2. ^ a b Vincenzo Gilla Gremigni, BSS, vol. X (1968), col. 5.
  3. ^ Index ac status causarum (1999), p. 455.
  4. ^ Martirologio romano (2004), p. 449.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il martirologio romano. Riformato a norma dei decreti del Concilio ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Giovanni Paolo II, LEV, Città del Vaticano 2004.
  • Congregatio de Causis Sanctorum, Index ac status causarom, Città del Vaticano 1999.
  • Filippo Caraffa e Giuseppe Morelli (curr.), Bibliotheca Sanctorum (BSS), 12 voll., Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma 1961-1969.
  • Pacifico da Cerano, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71786224 · ISNI (EN0000 0000 6144 1986 · LCCN (ENn88085314 · GND (DE102513848 · BAV ADV11074705 · CERL cnp01238061 · WorldCat Identities (ENn88-085314