Pachyrhachis problematicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pachyrhachis
Pachyrhachis problematicus 45.JPG
Fossile di Pachyrhachis problematicus
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Scleroglossa
Infraordine Serpentes
Famiglia Simoliophiidae
Genere Pachyrhachis
Specie P. problematicus

Il pachirachide (Pachyrhachis problematicus) è un primitivo serpente estinto, vissuto all'inizio del Cretaceo superiore (Cenomaniano, circa 100 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Palestina.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Grazie ai resti fossili di un esemplare quasi completo lungo circa un metro e mezzo, questo animale è conosciuto in modo abbastanza dettagliato. Il cranio, pur con caratteristiche da serpente, era molto simile a quello dei varanoidi primitivi che ebbero una grande diffusione a partire dal Cretaceo inferiore; la bocca era particolarmente ampia. Le vertebre erano molto spesse (condizione di pachiostosi), così come le costole. Un altro esemplare, originariamente denominato Ophiomorphus, conserva i resti di due piccole zampe posteriori; evidentemente nel pachirachide non erano ancora scomparse le zampe, pur ridottissime.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Particolare di una zampa posteriore di Pachyrhachis problematicus

Secondo alcuni studiosi (Haas, 1979) questo animale non sarebbe un vero serpente, ma un varanoide acquatico, forse antenato dei veri serpenti. Questa ipotesi si basa sulle caratteristiche di primitività presenti nel cranio. La maggior parte degli studiosi, in ogni caso, ritiene che il pachirachide fosse un vero e proprio serpente nonostante le caratteristiche antiquate. Le sue parentele vanno ricercate all'interno della famiglia dei simoliofiidi, un gruppo di serpenti cretacei dalle abitudini semiacquatiche (come Simoliophis). Altre somiglianze sono state riscontrate con Eupodophis, un altro serpente cretaceo dotato di zampe, e con Pachyophis, una piccola forma dalle costole ispessite.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Caldwell M.W. & Lee M.S.Y. (1997).- A snake with legs from the marine Cretaceous of the Middle East.- Nature, London, t. 386, pp. 705-709.
  • Haas G. (1979).- On a new Snakelike Reptile from the Lower Cenomanian of Ein Jabrud, near Jerusalem.- Bulletin du Muséum national d'Histoire Naturelle de Paris, Paris, t. 1, C, pp. 51-64.
  • Haas G. (1980).- Remarks on a new ophiomorph reptile from the lower Cenomanian of Ein Jabrud, Israel.- In: Aspects of Vertebrate History (Jacobs L.L., Ed.), Museum of Northern Arizona Press, Flagstaff, pp. 177-192.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]