Pace Gaggini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pace Gaggini ou Gagini o Pasio Gaggini (Bissone, 1470 circa – Genova, 1525 circa) è stato uno scultore svizzero, originario del canton Ticino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Beltrame e nipote di Elia Gagini (de Gazino), entrambi scultori.

Fra le sue prime opere è il Portale del trionfo Doria, conservato in via Chiossone a Genova, fra le testimonianze più alte dei portali rinascimentali genovesi. Sempre allo stesso Pace o ai suoi collaboratori è attribuito il portale di Palazzo Jacopo Spinola, detto Portale del Trionfo Spinola, gemello del Portale del Trionfo Doria per struttura e iconografia. Dal 1492 collabora alla decorazione della facciata della Certosa di Pavia. Lavora anche alla chiesa di San Teodoro di Genova, dove scolpisce due tombe Lomellini in collaborazione col Tamagnino[1]. Per il duca di Rohan realizza una fontana.

Lavora ad altri edifici di Genova e alla collegiata di San Giovanni Battista di Oneglia (tabernacolo marmoreo). Realizza il monumento funebre per i genitori del primo marchese di Tarifa, Don Fadrique Enriquez de Ribera, collocato nella cappella del Monastero di Santa Maria de las Cuevas a Siviglia. Dal 1523 è attivo presso le famiglie nobiliari della città di Toledo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mollisi, 2004, 50-51.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Meli, Attività artistica di Domenico Gagini in Palermo (1459-1492). Revisioni, aggiunte e conferme, in Edoardo Arslan (a cura di), Arte e artisti dei laghi lombardi, I, Tipografia Editrice Antonio Noseda, Como 1959, 258, 375-378, 380.
  • AA.VV., Guida d'Italia, Liguria, TCI, Milano 1982.
  • Richard V. Schofield, Janice Shell, Grazioso Sironi, (a cura di), Giovanni Antonio Amadeo, Documents / I documenti, Edizioni New Press, Como 1989.
  • Idem, Avoiding Rome: an Introduction to Lombard Sculptors and the Antique, AL, 100, 1991; Id., Avoiding Rome: Lombard Sculptor and the Antique, Arte Lombarda, Cinisello Balsamo 1992.
  • Janice Shell, Liliana Castelfranchi (a cura di), G. A. Amadeo, Scultura e architettura del suo tempo, Cisalpino, Milano 1993.
  • Giorgio Mollisi, La Genova dei Ticinesi. Gli artisti provenienti dal Ticino a Genova dal Medioevo al Settecento, in Arte&Storia, anno 5, numero 20, Edizioni Ticino Management, Lugano 2004, 50-51.
  • Riccardo Navone, Viaggio nei Caruggi, edicole votive, pietre e portali, Fratelli Frilli Editori, Genova 2007, 173, 242, 408, 473.
  • Andrea Spiriti, I Gaggini. Una stirpe di artisti bissonesi, in Giorgio Mollisi (a cura di), Bissone terra di artisti, Arte&Storia, anno 8, numero 41, Editrice Ticino Management S.A., dicembre 2008, 36-38.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN95999645 · GND (DE128479515 · ULAN (EN500047974 · CERL cnp00493803 · WorldCat Identities (ENviaf-95999645