Outlandos d'Amour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Outlandos d'Amour
ArtistaThe Police
Tipo albumStudio
Pubblicazione2 novembre 1978
Durata38:14
Dischi1
Tracce10
GenerePost-punk
Reggae rock
EtichettaA&M Records
ProduttoreNigel Gray, The Police
RegistrazioneSurrey Sound Studios, Londra, gennaio - marzo 1978
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 250 000+)
Dischi di platinoCanada Canada[2]
(vendite: 100 000+)
Francia Francia[3]
(vendite: 300 000+)
Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[5]
(vendite: 1 000 000+)
The Police - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1979)
Singoli
  1. Roxanne
    Pubblicato: 7 aprile 1978
  2. Can't Stand Losing You
    Pubblicato: 14 agosto 1978
  3. So Lonely
    Pubblicato: 3 novembre 1978
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4.5/5 stelle[6]
Ondarock 7/10 stelle

Outlandos d´Amour è il primo album in studio del gruppo musicale britannico The Police, pubblicato il 2 novembre 1978 dalla A&M Records.

Nel 2012 è stato inserito nella classifica di Rolling Stone dei 500 migliori album di tutti i tempi, alla posizione numero 428.[7] Sempre Rolling Stone nel 2013 lo ha inserito nella lista dei 100 migliori album di debutto, alla posizione numero 38.[8]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato registrato presso i Surrey Sound Studios di Londra con un budget ridotto di sole 1,500£ prese in prestito dal fratello del batterista Stewart Copeland, Miles.[9] Le registrazioni si svolsero in un arco intermittente di oltre sei mesi, durante i giorni in cui lo studio non era occupato dalle sessioni di altri musicisti.[10] Miles Copeland aveva promesso di pagare ai Surrey Sound una somma di 2,000£ al completamento della registrazioni, ma non diede loro l'intero importo fino a molto tempo dopo.[11]

Miles Copeland seguì occasionalmente la band in studio di registrazione, spesso reagendo con forte derisione nei confronti di ciò che sentiva suonare.[10] Tuttavia cambiò idea dopo aver ascoltato Roxanne, che lo spinse a fare pressione sulla A&M Records affinché pubblicasse il pezzo come singolo.[11] Nonostante il brano fallì l'accesso in classifica, la casa discografica accordò alla band una seconda possibilità con Can't Stand Losing You. Il brano si rivelò la prima hit del gruppo, spingendo l'etichetta ad approvare rapidamente la pubblicazione dell'album.[12] Miles Copeland voleva in origine intitolare il disco Police Brutality, ma dopo aver sentito Roxanne, e quindi pensato un'immagine più romantica per la band, propose Outlandos d'Amour. Il titolo è una libera traduzione francese dell'inglese Outlaws of Love.[13]

L'album presenta una peculiare linea stilistica a base di punk rock e reggae che sarebbe diventata il tratto distintivo della band.[14] Inizialmente ottenne una fredda accoglienza di pubblico, poiché la BBC si rifiutò di trasmettere i primi due singoli Roxanne e Can't Stand Losing You per via delle delicate tematiche che trattavano (rispettivamente, la prostituzione e il suicidio).[14] Fu solo dopo un tour negli Stati Uniti che la band cominciò a riscuotere successo, specialmente per Roxanne.[15] La A&M Records ne approfittò per ripubblicare il singolo, che riuscì stavolta a scalare le classifiche di tutto il mondo. Il successo di Roxanne aiutò il disco a raggiungere il sesto posto della classifica britannica nell'aprile 1979.[16]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Sting, eccetto dove indicato.

  1. Next to You – 2:55
  2. So Lonely – 4:50
  3. Roxanne – 3:12
  4. Hole in My Life – 4:55
  5. Peanuts – 4:02 (Sting, Stewart Copeland)
  6. Can't Stand Losing You – 2:59
  7. Truth Hits Everybody – 2:55
  8. Born in the '50's – 3:45
  9. Be My Girl - Sally – 3:24 (Sting, Andy Summers)
  10. Masoko Tanga – 5:42

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank (The Police; 'Outlandos d'Amour'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 13 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 13 maggio 2015.
  3. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Infodisc.fr. URL consultato il 13 maggio 2015. Selezionare "The POLICE" e premere "OK".
  4. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 maggio 2015. Digitare "Outlandos d'Amour" in "Keywords", dunque premere "Search".
  5. ^ (EN) Outlandos d'Amour – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 13 maggio 2015.
  6. ^ (EN) Greg Prato, Outlandos d'Amour, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 14 marzo 2015.
  7. ^ 500 Greatest Albums of All Time, su rollingstone.com. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  8. ^ The 100 Best Debut Albums of All Time, su rollingstone.com. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  9. ^ Sutcliffe, Phil (1993). "Outlandos at the Regatta". In Message in a Box: The Complete Recordings (pp.32–35) [Boxed set booklet]. A&M Records Ltd.
  10. ^ a b Summers, Andy (2006). One Train Later. New York: St. Martin's Press. ISBN 978-0-312-35914-0. pp.193.
  11. ^ a b Sutcliffe, Phil & Fielder, Hugh (1981). L'Historia Bandido. London and New York: Proteus Books. ISBN 0-906071-66-6. Pages 56–57.
  12. ^ Summers, Andy (2006). One Train Later. New York: St. Martin's Press. ISBN 978-0-312-35914-0. pp.195.
  13. ^ The Police FAQ
  14. ^ a b Vic Garbarini, I think if we came back ..., Revolver, primavera 2000. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  15. ^ Sutcliffe, Phil & Fielder, Hugh (1981). L'Historia Bandido. London and New York: Proteus Books. ISBN 0-906071-66-6. Pages 59–60.
  16. ^ The Police in the UK Charts Archiviato il 26 ottobre 2011 in Internet Archive., The Official Charts.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock