Otturatore telescopico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vista esterna della pistola mitragliatrice Uzi e il mitra MP 40, ambedue mitra di calibro 9 mm parabellum con una canna di 250 mm, mostrando il vantaggio delle dimensioni per l’arma con otturatore telescopico
Meccanismi interni di una pistola mitragliatrice con otturatore telescopico e un mitra tradizionale, le canne sono in blu, l’otturatore in verde.

Un’arma ad otturatore telescopico (o a massa battente arretrata) è una arma da fuoco in cui l’otturatore si avvolge intorno la parte posteriore della canna. Questo meccanismo permette di diminuire notevolmente la lunghezza necessaria di un’arma come il mitra, e permette di bilanciare l’arma intorno all’impugnatura dando un equilibrio simile ad una pistola.

Pur essendo tecnicamente un concetto diverso, praticamente tutte le armi che usano un otturatore telescopico sono pistole mitragliatrici (diverse dai mitra), cioè usano un caricatore posto nell’impugnatura principale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo modello commerciale con questo meccanismo fu il Cz.23 cecoslovacco (o Cz modello 25, Sa.23, o serie Vz.48b), prodotto per la prima volta nel 1948. Queste pistole mitragliatrici usano un otturatore cilindrico con una canna centrata. Seppur ampiamente esportato nel terzo mondo, la serie Cz 23 non era ben conosciuta nell’occidente.[1]

L’esempio più conosciuto è senza dubbio l’Uzi progettato in Israele da Uziel Gal, che si ispirò appunto dal Cz 23. L’Uzi è diventata una delle più, se non la più, conosciuta pistola mitragliatrice mai prodotta. Usa un otturatore quadrato con una canna spostata rispetto ad esso. L’Uzi fu progettato nel 1948 dopo aver analizzato i primi modelli del Cz 23, ed entrò in servizio nel 1951.

Dopo questo riuscitissimo esempio, la massa battente arretrata fu usata in molti altri modelli di pistola mitragliatrice.

Confronto[modifica | modifica wikitesto]

Come dimostrano le immagini, il concetto base dell’otturatore telescopico e del caricatore nell’ impugnatura era quello di creare un’arma più corta e compatta. Queste immagini illustrano l’MP 40, lungo 629 mm(con calcio esteso 832 mm) e che pesa 3,97 kg con una canna di 248 mm, e l’Uzi, che utilizza materiali e processi di produzione simili, 470 mm (con il calciolo esteso 650 mm), che pesa 3,7 kg con una canna di 260 mm, di lunghezza leggermente superiore all’arma precedentemente descritta.

Pur avendo nient' altro che una configurazione diversa, l’Uzi è più leggero di 2,7 etti e più corto di 159 mm.

Esemplari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Back to the Roots, Monty Mendenhall, at UZI Talk Forums, accessed Jan 10, 2007