Ottone Enrico del Carretto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ottone Enrico del Carretto
Lo stemma della famiglia Del Carretto
Lo stemma della famiglia Del Carretto
1639 - 15 giugno 1685
Nato a Genova
Morto a Mariemont
Dati militari
Paese servito Sacro Romano Impero - Spagna
Forza armata Tercio
Corpo fanteria
Grado Generale
Guerre Guerra d'Olanda
Battaglie battaglia di Konzer Brücke
Comandante di Armata delle Fiandre

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Ottone Enrico del Carretto, marchese di Savona e di Grana, conte di Millesimo (Genova, 1639Mariemont, 15 giugno 1685), è stato un generale italiano dell'esercito imperiale, che ebbe l'incarico di Governatore dei Paesi Bassi spagnoli.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di un generale dell'armata imperiale appartenente alla nobile famiglia aleramica dei Del Carretto, il generale Ottone Enrico del Carretto acquisì a Bonn, ove era governatore militare, una certa fama come comandante di una parte dell'esercito imperiale di Leopoldo I allorché l'11 agosto del 1675 combatté la vittoriosa battaglia di Konzer Brücke contro le truppe francesi del Créquy, nel corso della guerra d'Olanda.

Il luogo della battaglia era nei pressi della confluenza del fiume Saar e della Mosella, fra la città di Konz e la località di Wasserliesch (che da lui prese il nome di Granahöhe).[1] Ottone Enrico comandava l'ala destra di un'armata, distaccata dal grosso delle truppe imperiali che, al comando di Carlo IV di Lorena, stavano assediando la città di Treviri. Egli, attaccando al momento giusto e nel punto giusto, sbaragliò l'esercito nemico, il che consentì la liberazione della città di Treviri e del suo circondario dall'occupazione francese.

Nel 1678 divenne Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro e fu nominato ambasciatore in Spagna. Nell'aprile del 1682 fu nominato Governatore dei Paesi Bassi spagnoli, carica che tenne fino al 1685.

Matrimoni e figli[modifica | modifica sorgente]

Il 31 luglio 1667 Ottone Enrico sposò Maria Teresa di Herberstein (Graz, 1641 - Bruxelles 1682), vedova del conte Francesco Adamo di Losenstein, dalla quale ebbe due figlie:

  • Maria Enrichetta (Vienna, 1671 – Drogenbos, 1744), marchesa di Savona e di Grana, contessa di Millesimo, andata sposa a Bruxelles il 12 febbraio 1684 a Filippo Carlo, 3º duca of Arenberg e duca di Arschot (1663 – 1691), che morì combattendo nella Battaglia di Slankamen.
  • Maria Gabriella, (Vienna 1675 – Brussels, prima del 1700), andata sposa nel 1690 a Charles François de la Barre, conte d'Erquelinnes e di Olloy, barone di Hierges.

Dopo la morte della moglie, Ottone Enrico si era risposato il 10 giugno 1683 con Maria Theresa d'Arenberg (1666 – 1716), sorella del futuro genero. Da questo matrimonio non nacquero figli.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
— 1678

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il ricordo del vincitore della battaglia rimase così vivo nella memoria locale che duecento anni dopo lo scontro militare, nel 1892, sull'altura ove raccolse la vittoria fu eretto un monumento

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Governatore dei Paesi Bassi spagnoli Successore Flag of Cross of Burgundy.svg
Alessandro Farnese 1682-1685 Francisco Antonio de Agurto Marchese di Gastañaga

Controllo di autorità VIAF: 76214451 LCCN: nr96020989

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie