Otto van Veen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un'opera di van Veen.

Otto van Veen, anche conosciuto come Otto Vaenius (Leida, 1556/1558Bruxelles, 1629), è stato un pittore fiammingo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Conobbe la pittura manierista italiana durante il suo soggiorno a Roma nel 1575 e si fece tramite di questo linguaggio artistico presso gli artisti dei Paesi Bassi.

In seguito, nel 1581 si trasferì a Liegi (in Belgio) e lavorò per il principe-vescovo Ernesto di Baviera, che nel 1583 ricevette la carica di arcivescovo di Colonia, lasciando il suo artista.

Van Veem allora ricevette commissioni dal cardinale Alessandro Farnese, terzo duca di Parma e all'epoca governatore dei Paesi Bassi. Tra il 1594 e il 1600 Rubens è documentato come allievo nella sua bottega e forse è stato proprio Van Veem a mettere Rubens in contatto con Vincenzo I Gonzaga.

Si distinse soprattutto per una feconda ed artisticamente elevata produzione di emblemi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN61657203 · LCCN: (ENn79086780 · ISNI: (EN0000 0000 8387 4926 · GND: (DE118767461 · BNF: (FRcb12529111t (data) · ULAN: (EN500005170 · NLA: (EN35774791 · CERL: cnp00399741

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]