Otto Sander

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Otto Sander

Otto Sander (Hannover, 30 giugno 1941Berlino, 12 settembre 2013[1]) è stato un attore e doppiatore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sander svolse il servizio militare come ufficiale di marina, dopodiché studiò storia del teatro, storia dell'arte e filosofia all'università. Nel 1965 fece il suo debutto di attore nei drammi da camera. Abbandonò gli studi nel 1967 per diventare un attore a tempo pieno. La sua carriera teatrale fu strettamente connessa con lo Schaubühne di Berlino sotto la direzione di Peter Stein. Dal 1980 in poi Sander apparve anche su altri palcoscenici berlinesi, in particolare lo Schillertheater nel 1981, la Freie Volksbühne nel 1985 e la Komödie am Kurfürstendamm nel 1989. Recitò spesso anche a Bochum.

Tra i suoi ruoli cinematografici più noti, l'angelo Cassiel nel film di culto Il cielo sopra Berlino e nel suo sequel Così lontano così vicino di Wim Wenders, e il comandante Philipp Thomsen nella pellicola U-Boot 96 di Wolfgang Petersen. Nel 1990 fu membro della giuria al 40° Festival di Berlino. Dotato di una voce calda e forte, che gli valse il soprannome di The Voice, venne utilizzato spesso come narratore per racconti sonori e documentari. Fu marito dell'attrice Monika Hansen e patrigno degli attori Ben Becker e Meret Becker.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Otto Sander ist tot, spiegel.de, 12 settembre 2013. URL consultato il 15 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN10705219 · LCCN: (ENnr97027583 · ISNI: (EN0000 0001 1038 224X · GND: (DE121568628 · BNF: (FRcb14224117f (data)