Otto IV d'Asburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato d'Austria (1273-1438)
Casa d'Asburgo
Gules a fess argent.svg

Rodolfo I (1240-1291),
imperatore (1273-1291)
Alberto I (1282-1308),
imperatore (1298-1308)
Federico I (1308-1330),
re di Germania (1325-1330)
Alberto II (1330-1358)
Rodolfo IV (1358-1365)
Alberto III (1365-1395)
Alberto IV (1395-1404)
Alberto V (1438-1439)
(Alberto II imperatore)
Modifica

Otto IV d'Asburgo, detto il Gioioso (Vienna, 23 luglio 1301Neuberg an der Mürz, 17 febbraio 1339), fu duca d'Austria, Stiria e Carinzia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Otto IV con i suoi figli

Figlio più giovane dell'imperatore Alberto I d'Asburgo e di Elisabetta di Tirolo-Gorizia, figlia del conte Mainardo II di Tirolo-Gorizia poi anche duca di Carinzia, suoi fratelli erano il re Rodolfo I di Boemia († 1307), il re di Germania Federico il Bello († 1330), il duca Leopoldo I († 1326), Alberto II, duca d'Austria († 1358) e il duca Enrico d'Asburgo († 1327).

Inizialmente escluso dalla successione, dal 1330, dopo la morte degli altri fratelli, Otto assunse la reggenza del Ducato d'Austria assieme ad Alberto II. Nel 1331 venne nominato vicario imperiale dall'imperatore Ludovico il Bavaro. Dopo la morte di Enrico di Carinzia e Tirolo, lo stesso imperatore concesse in feudo ai fratelli Otto e Alberto la Carinzia e il Tirolo meridionale (Linz, 2 maggio 1335).

Da quel momento Otto dedicò le sue cure prevalentemente alla Carinzia, lasciando l'Austria al fratello. Fondò l'Abbazia di Neuberg, in Stiria, e la Cappella di San Giorgio nella Augustinerkirche di Vienna.

Si sposò due volte: nel 1312 con Elisabetta di Baviera, figlia di Stefano I di Baviera; nel 1335, a Znaim, con Anna, sorella dell'imperatore Carlo IV. Dalla prima moglie ebbe i figli Federico (1327-1344) e Leopoldo (1328-1344), dopo i quali la sua linea si estinse.

Nel 1337 fondò l'ordine militare Societas Templois, per la crociata contro Prussiani e Lituani, popolazioni a quell'epoca ancora pagane. Il nomignolo il Gioioso gli deriva dalla vita piacevole e allegra che si teneva presso la sua corte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Constantin Wurzbach, Biographisches Lexikon des Kaisertums Österreich, Vienna, 1861, Vol. VII, pp. 111-112 (versione online)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duca di Carinzia Successore
Enrico 1335-1339
insieme ad Alberto II
Alberto II

Controllo di autorità VIAF: 49630593