Otello Catania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Otello Catania
Otello Catania.JPG
Catania con la maglia del Cesena nel 1974-1975
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1982
Carriera
Giovanili
600px Giallo e Blu.svg Polisportiva Rumagna
Squadre di club1
1970-1975Cesena92 (6)
1975-1976Genoa22 (0)
1976-1979Sambenedettese78 (4)
1979-1982Forlì18 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Otello Catania (Cesena, 21 febbraio 1951) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo ala.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Polisportiva Rumagna[1][2], club del cesenate, viene ingaggiato nel 1970 dal Cesena, club di Serie B.

Catania (accosciato, primo da destra) nel Genoa del 1975-1976

Con i bianconeri milita tre stagioni tra i cadetti, ottenendo la promozione in massima serie grazie al secondo posto ottenuto nella Serie B 1972-1973. L'esordio in Serie A con i romagnoli è datato 10 febbraio 1974, nella vittoria casalinga per 1-0 contro il Milan[3], mentre la prima rete la segna il 3 marzo dello stesso nella vittoria per 2-0 contro il Foggia.[3] Con il sodalizio cesenate Catania gioca due stagioni in massima serie, marcando 33 presenze e segnando 3 reti, ottenendo due permanenza di categoria.

Nel 1975 è ingaggiato dal Genoa, per essere il titolare del centrocampo. Perde però il posto fisso in squadra a causa dell'ingaggio da parte dei rossoblù di Bruno Conti, giocatore in prestito dalla Roma. Con il sodalizio genovese vince la Serie B 1975-1976, ottenendo la promozione in massima serie. La stagione seguente passa alla Sambenedettese[4], società di Serie B. In riva al Tronto Catania milita tre stagioni tra i cadetti, ottenendo in tutte e tre le annate piazzamenti a metà classifica.

Nel 1979 passa al Forlì, club di terza serie. Nella prima stagione in biancorosso Catania sfiora con il suo club la promozione tra i cadetti, chiudendo la stagione al terzo posto nel Girone A ad un punto dal Rimini promosso. Nelle altre due stagioni di militanza tra i forlivesi si concludono con piazzamenti a metà classifica.

Responsabile tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver ricoperto il ruolo di coordinatore del settore giovanile della Federazione Sammarinese Giuoco Calcio, fino all'aprile del 2009 Catania ha rivestito l'incarico di responsabile tecnico delle giovanili del Cesena.[5][6]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Genoa: 1975-1976

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal "Rumagna" al Calcio Nazionale[collegamento interrotto] polisportivarumagna.it
  2. ^ Serata di auguri per la Polisportiva di S.Egidio romagnagazzette.com
  3. ^ a b Dettaglio per la stagione: 1973-1974 wikicalcioitalia.info
  4. ^ Aspettando Genoa Samb fondazionebonarda.blogspot.com
  5. ^ San Marino riscatta il calcio in miniatura corriere.it
  6. ^ [1][collegamento interrotto]+SETTORE+GIOVANILE&m=&pagina=10&ordinamento=asc] cesenale.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]