Otello (film 1952)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Otello
Otello (film 1952).png
Titolo originale The Tragedy of Othello: The Moor of Venice
Paese di produzione Francia, Italia, Marocco
Anno 1952
Durata 91 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Orson Welles
Soggetto William Shakespeare (dalla tragedia omonima)
Sceneggiatura Orson Welles e Jean Sacha
Produttore Mercury Productions, Scalera Film, Les Film Marceau
Distribuzione (Italia) Scalera Film
Fotografia Anchise Brizzi, George Fanto, Alberto Fusi, Aldo Graziati e Oberdan Troiani
Montaggio Jenö Csepreghy, Renzo Lucidi, William Morton e Jean Sacha
Musiche Alberto Barberis e Angelo Francesco Lavagnino
Scenografia Luigi Scaccianoce, Alexandre Trauner, Vittorio Valentini Arredatore: Elso Valentini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Otello (The Tragedy of Othello: The Moor of Venice) è un film del 1952 diretto da Orson Welles e tratto dall'omonimo dramma di William Shakespeare, vincitore del Grand Prix du Festival come miglior film al 5º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo delle Repubbliche Marinare, Otello, detto il moro di Venezia, viene inviato dal doge a difendere la roccaforte di Cipro dai Turchi, dopo il suo matrimonio con la bella e nobile Desdemona. Avendo scelto Cassio come aiutante, Otello provoca invidia e gelosia nel perfido Iago, che comincia ad insinuare dubbi sulla fedeltà della moglie. Con un artificio, il subdolo Iago crea l'incidente del fazzoletto di Desdemona. A questo punto l'ingenuo Otello gli crede e folle di gelosia, soffoca la moglie con un cuscino. Ma la verità viene a galla e Iago smascherato e condannato a morte. Otello non resiste però al rimorso e si suicida.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • L'intera parte di Roderigo è doppiata da Welles stesso.[2]
  • Le riprese durarono oltre tre anni a causa delle difficoltà economiche di Welles, che usò il compenso avuto ne Il terzo uomo per completare finalmente il film.[3]
  • A causa del ritardo dei costumi, Welles decise di filmare la scena dell'omicidio in un bagno turco.[4]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Incasso accertato a tutto il 31 dicembre 1952 Lit. 6.000.000

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1952, festival-cannes.fr. URL consultato il 26 maggio 2011.
  2. ^ (EN) Trivia, IMDb. URL consultato l'08 luglio 2016.
  3. ^ (EN) Trivia, IMDb. URL consultato l'08 luglio 2016.
  4. ^ (EN) Trivia, IMDb. URL consultato l'08 luglio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Brigitte Tast e Hans-Jürgen Tast, Orson Welles - Othello - Mogador. Aufenthalte in Essaouira, Kulleraugen Vis.Komm. Nr. 42, Schellerten, 2013, ISBN 978-3-88842-042-9.
  • Orson Welles e Peter Bogdanovich, Io, Orson Welles, Baldini & Castoldi, 1996

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema