Ostara (confraternita)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ostara o Osthara è una confraternita antisemita creata in Austria nel 1900 dal monaco Adolf Lanz, meglio noto come Adolf Lanz von Liebenfels, insieme ad alcuni pastori protestanti fuoriusciti dalla Chiesa.

La confraternita venne condannata non soltanto dal clero, ma anche dal governo imperiale di Francesco Giuseppe.

La confraternita sosteneva che in Austria e in Germania, e in generale in tutti i Paesi del Nord Europa, esistessero individui di razza ariana riconoscibili dai capelli biondi e occhi azzurri che avrebbero il compito di sterminare la razza ebraica dal pianeta e che gli ebrei fossero a capo di diversi eventi storici come lo scoppio della Prima guerra mondiale e l'assassinio di Francesco Ferdinando.

La confraternita era stata condannata da Pio X già nel 1911 in una bolla segreta dove venivano condannate tutte le sette d'Europa che tramandavano il messaggio di Gesù Cristo in modo distorto.

Nel 1921 von Liebenfels andò a Monaco di Baviera e qui influenzò la politica del neonato Partito Nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi che volle adottare anche la svastica come simbolo del loro partito.

Nel 1933 von Liebenfels fu attivo alle riunioni del Partito fino al 1937, quando decise di tornare in Austria ad occuparsi dei suoi adepti. Si ritirò a vita privata nel 1946, affidando la guida al figlio quarantatreenne Fritz. Oggi l'Osthara continua la sua predicazione a Linz grazie al nipote di Lanz, Johannes (n.1929), e al pronipote Sebastian (n.1962).

Controllo di autorità GND: (DE4172920-1