Osservatorio sulla radiofonia internazionale in lingua italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Osservatorio sulla radiofonia internazionale in lingua italiana, più noto con il nome abbreviato di Italradio, è un comitato che promuove l'uso della lingua italiana nella radiodiffusione internazionale e locale, in quanto valore culturale che costituisce un patrimonio per tutta l'italofonia e per tutti gli italofili nel mondo. È particolarmente attivo nel campo della radiodiffusione internazionale via onde corte, onde medie e via Internet.

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Scopo di Italradio è quello di promuovere e diffondere le trasmissioni internazionali in lingua italiana via radio e televisione, via satellite e via Internet. Si differenzia dalle altre organizzazioni che operano nel mondo del radioascolto perché si interessa degli aspetti culturali della radio e della televisione e non solo delle questioni tecniche. In particolare, ispirandosi a criteri di neutralità, imparzialità e di indipendenza, si propone di:

  • far conoscere il mondo della radiodiffusione internazionale in lingua italiana su onde corte e medie, via satellite e Internet al di fuori delle normali schiere di appassionati;
  • salvaguardare il valore storico di questo fenomeno, recuperando e valorizzando le testimonianze che ne riaffermano l'importanza;
  • creare collegamenti con altre realtà culturali che trovano nella lingua italiana la propria ragione d'essere[1].

La presidenza di Italradio è affidata a Nader Javaheri; segretario generale è Luigi Cobisi e il coordinatore scientifico è Paolo Morandotti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Osservatorio sulla radiofonia internazionale in lingua italiana - Italradio nasce nel 1996 per iniziativa di alcuni appassionati di radioascolto. Pur avendo un proprio statuto, Italradio si è presentato ed ha operato spesso come gruppo informale; inizialmente, raccoglie esperienze pregresse (come RadioIt, il primo sito al mondo contenente una lista di trasmissioni radiofoniche in lingua italiana, nato nel 1995) e ne valorizza i contenuti. Nel 1997 realizza la prima collaborazione internazionale, riportando la lingua italiana nelle trasmissioni di Radio Budapest, con una serie di cinque programmi della durata di cinque minuti ciascuno[2][3].

Nel 1998 istituisce il premio Italradio e collabora con la BBC per il 60º anniversario del programma in lingua italiana di Radio Londra[4][5]. Nel 1999 rinnova l'esperimento di programmi in italiano con Radio Budapest[6][7].

Nel 2000 viene organizzato il primo Forum Italradio, che vede la partecipazione di rappresentanti di Radio Budapest, Radio Romania Internazionale, Radio Vaticana e della Rai[8]. Nello stesso anno, avvia una collaborazione con la Radio Vaticana destinata a dar vita a due trasmissioni mensili che, fino al 2006, hanno trattato temi inerenti alla cultura italiana nel mondo e alla tecnologia moderna. Nel 2001 è parte attiva nella riapertura ufficiale delle trasmissioni in italiano di Radio Budapest, per la quale realizza un programma settimanale dedicato alla radioricezione.

Nel 2003, in collaborazione con l'EDXC e la Voce del Mediterraneo, organizza a Malta il primo forum all'estero[9][10][11] Nello stesso anno, inizia una collaborazione con la HCJB - La Voce delle Ande, per la quale prepara un programma mensile in inglese (European Perspective) dedicato alla radiofonia internazionale in Europa.

Nel 2006 è accolto come membro associato dalla Comunità radiotelevisiva italofona[12]. Nel 2007 lancia la Rete mondiale virtuale[13], primo aggregatore multimediale rivolto alle emittenti in lingua italiana via Internet. Nel 2008 espone, per la prima volta, una parte del proprio archivio di documenti radiofilatelici a Quistello[14] nell'ambito delle manifestazioni per il centenario di Primo Boselli.

Nel 2012 realizza con la Rete 2 della Radio Svizzera di Lingua Italiana "Pillole di radio", una serie di trasmissioni per celebrare gli 80 anni di Radio Monteceneri [15].

Sempre nel 2012 il Comitato organizza la prima manifestazione italiana dedicata alla Giornata mondiale della radio indetta da Unesco[16]. Il seminario "Trasmettere e ascoltare: Per una diffusione davvero universale" si concentra sulla possibilità offerta dalla radiodiffusione circolare di rivolgersi ad un pubblico illimitato con costi minimi [17]. Pisa è stata scelta in quanto città ospite fin dall'inizio del XX secolo della prima stazione radio intercontinentale di Marconi nella frazione di Coltano. Negli anni successivi la Giornata è stata organizzata a Firenze (2013, 2016) Roma (2014) e Scandiano (2015).

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Il premio Italradio[modifica | modifica wikitesto]

È conferito ogni anno a persone o enti che operano nel campo della radiotelevisione in italiano o in ambiti culturali e sociali ad esso riconducibili. È rappresentato dalla medaglia di Pietro Bembo attribuita al Cellini e realizzata dall'orafo fiorentino Paolo Penko. Questa è la cronologia del premio:

1998: Ezio Bérard, redattore della sede regionale Rai di Aosta[18]

1999: Béla Szomraky, direttore dei programmi per l'estero di Radio Budapest[19]

2000: Redazione Italiana di Radio Romania Internazionale[20]

2001: Padre Giovanni Giorgianni e redazione di Orizzonti Cristiani, Radio Vaticana[21]

2002: Richard Muscat, direttore della Voce del Mediterraneo[22],[23]

2003: Remigio Ratti, direttore della Radiotelevisione Svizzera di lingua italiana[24]

2004: Redazione Italiana di Radio Tirana[25]

2005: Antonio Rocco, direttore di Radio Koper Capodistria[26]

2006: Nicola Cariglia, direttore della sede regionale Rai di Firenze[27]

2007: Valery Prostakov e redazione italiana della Voce della Russia[28],[29]

2008: Redazione di Res Nova Scientiae[30]

2009: Concetta Corselli, del programma italiano di Radio Cairo[31]

2010: Giuseppe Blasi, coordinatore dei corsi della Scuola di Giornalismo dell'Università di Salerno[32]

2011: Enrico Bellodi, per l'azione di diffusione della conoscenza della radio tra gli studenti[33]

2012: Radio Monteceneri, nell'ottantesimo della fondazione[34]

2013: Riccardo Cucchi e Tutto il calcio minuto per minuto [35]

2014: François Rancy, direttore dell'Ufficio Radiocomunicazioni dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni [36]

2015: Andrea Ferro, corrispondente di Radio 24 da Genova[37]

2016: Lara Drčič, redattrice di Radio Capodistria, in particolare per il programma Radioviaggio[38]

2017: Ezio Mognaschi (premio assegnato alla memoria) della Università di Pavia, per la sua indimenticabile attività scientifica [38]

Il Tricolore della Radio[modifica | modifica wikitesto]

È conferito dal 2011, in ideale collegamento con il 150° dell'Unità Nazionale, a persone o enti in riconoscimento di attività, studi, iniziative a favore della cultura italiana come espressa attraverso la radio. Questa la cronologia del premio:

2011: Tassos Mavris del programma italiano Athens International Radio[39]

2012: Paola Bernardini della Biblioteca comunale centrale di Pisa[40]

2013: Giovanni Lombardo, protagonista della trasmissione che da Busto Arsizio annunciò per prima la fine della II guerra mondiale in Italia (25 aprile 1945)

2014: Iva Palmieri, Console Generale d'Italia a Capodistria [41]

2016: Costantino Pacifici, già alla direzione del Centro trasmittente di Santa Maria di Galeria della Radio Vaticana [42]

2017: Piernando Binaghi, responsabile della redazione meteo della RSI

Il Forum Italradio[modifica | modifica wikitesto]

Il Forum sulla radiodiffusione internazionale in lingua italiana è una manifestazione che si tiene periodicamente, in Italia o all'estero, per approfondire i temi legati all'uso della lingua italiana alla radio. Si svolge, con una periodicità di circa diciotto mesi, in più giornate e coinvolge giornalisti, esperti del settore delle comunicazioni ed ascoltatori.

Dalle esperienze dei forum nascono altri incontri, come quello sulla radio e la scuola tenutosi a Quistello nel 2008, in occasione del centenario della nascita del radioamatore Primo Boselli[43][44][45].

Per organizzare gli incontri, Italradio si avvale della collaborazione di enti locali (i comuni di Pontassieve, Trezzano sul Naviglio, Quistello, il Consiglio Distrettuale di Timiș) e di università (Università di Pisa) fondazioni ed associazioni private (Fondazione Romualdo Del Bianco, Rotary Club Firenze Est) e stazioni radio internazionali.

Il 26 gennaio 2015 una sessione del Forum è stata trasmessa per la prima volta in diretta radiofonica da Radio Capodistria.[41]

Le pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Italradio cura le pubblicazioni seguenti:

  • Rivista Italradio, pubblicata due volte all'anno, approfondisce temi di storia e attualità della radiofonia internazionale in lingua italiana[46].
  • L'Orario Radio, con cui aggiorna annualmente l'opera iniziata da Primo Boselli nel 1974, contiene un elenco di stazioni radiofoniche che si possono ascoltare in Italia via onde corte, medie e lunghe; è integrato con la precedente rivista, di cui rappresenta il terzo numero annuale.
  • 90 x 90 - Novanta momenti per novant'anni di storia della radio e della televisione in italiano, pubblicato nel 2014 da Paolo Morandotti, con prefazione di Riccardo Cucchi e postfazione di Giancarlo Morolli, raccoglie alcuni dei momenti più interessanti che hanno caratterizzato la storia della radio e della TV nella nostra lingua.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italradio - Presentazione del Comitato (PDF), su portale.italradio.org, p. 3. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  2. ^ Italradio, Budapest 97
  3. ^ Radio Budapest in italiano, in Italia Oggi, 14 ottobre 1997.
  4. ^ Paolo Morandotti, BBC 1998, su bbc98.italradio.org. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  5. ^ Il Giornale, 22 ottobre 1997.
  6. ^ Italradio, Budapest 99
  7. ^ Il Resto del Carlino, 3 febbraio 1999.
  8. ^ Forum 2000
  9. ^ Forum 2003
  10. ^ (EN) The Malta indipendent Daily, 12 settembre 2003.
  11. ^ (EN) The Times of Malta, 24 ottobre 2003.
  12. ^ Paolo Morandotti, Italradio nella Comunità radiotelevisiva italofona, su portale.italradio.org, 29 settembre 2006. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  13. ^ Luigi Cobisi, Una rete mondiale in italiano, l'evoluzione della radiofonia al Forum 2007, su portale.italradio.org, 23 novembre 2007. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  14. ^ Luigi Cobisi, Mostra filatelica e annullo per Primo Boselli, su portale.italradio.org, 19 marzo 2008. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  15. ^ Attività di ricerca di Filippo Giannetti, su unimap.unipi.it.
  16. ^ (EN) World Radio Day [collegamento interrotto], su www.unesco.org.
  17. ^ Luigi Cobisi, A Pisa la Prima Giornata Mondiale della Radio, su portale.italradio.org, 22 gennaio 2012.
  18. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 1998 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  19. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 1999 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  20. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 2000 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  21. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 2001 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  22. ^ Il Premio Italradio 2002 a Richard Muscat
  23. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 2002 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  24. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 2003 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  25. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 2004 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  26. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 2005 : Portale Italradio, su portale.italradio.org. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  27. ^ Premio Italradio 2006
  28. ^ AGI, 20 novembre 2007
  29. ^ Premio Italradio 2007
  30. ^ Il Premio Italradio 2008 al TG Latino
  31. ^ Firenze: Premio Italradio 2009 a Concetta Corselli
  32. ^ A Pino Blasi il Premio Italradio 2010
  33. ^ A Enrico Bellodi il Premio Italradio 2011
  34. ^ Il Premio Italradio 2012 a Radio Monte Ceneri (consultato il 3 marzo 2014)
  35. ^ XVI Premio Italradio al "Calcio Minuto per Minuto" (consultato il 3 marzo 2014)
  36. ^ Italradio, A François Rancy il Premio Italradio 2014, su portale.italradio.org, 03/10/2015.
  37. ^ Portale Italradio, Premio Italradio 2015 a Andrea Ferro, su portale.italradio.org. URL consultato il 17 maggio 2015.
  38. ^ a b Portale Italradio, Il Premio Italradio 2016 assegnato a Lara Drcic, su portale.italradio.org. URL consultato il 28 maggio 2016.
  39. ^ Un tricolore per la Radio di Atene :: Italradio :: ...perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano
  40. ^ A Pisa la prima Giornata mondiale della radio :: Italradio :: ...perché c'è sempre una radio che trasmette in italiano
  41. ^ a b Italradio, A Capodistria la 3.a sessione del XII Forum Italradio, su portale.italradio.org, 23/01/2015.
  42. ^ Italradio, Radiofonia e multimedialità: a Pisa il XIII Forum Italradio, su portale.italradio.org, 01/11/2016.
  43. ^ Centenario della nascita di Primo Boselli
  44. ^ La Gazzetta di Mantova, 2 aprile 2008
  45. ^ La Voce di Mantova, 4 aprile 2008
  46. ^ Elena Nieddu, Una rivista per raccontare la radio che diffonde l'italiano nel mondo, in L'Avvenire, 28 luglio 2005.

I riferimenti presenti in internet sono stati consultati il 3 ottobre 2008, se non specificato altrimenti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]