Osservatorio Reale del Capo di Buona Speranza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Osservatorio del Capo di Buona Speranza
Main building of Royal Observatory, Cape of Good Hope.jpg
Edificio principale dell'osservatorio Reale
OrganizzazioneSouth African Astronomical Observatory
Codice051
StatoSudafrica Sudafrica
LocalitàObservatory (Cape Town)
Coordinate33°56′04.92″S 18°28′39.36″E / 33.9347°S 18.4776°E-33.9347; 18.4776Coordinate: 33°56′04.92″S 18°28′39.36″E / 33.9347°S 18.4776°E-33.9347; 18.4776
Altitudine15 m s.l.m.
ClimaClima subtropicale
Fondazione20 ottobre 1820
Chiusura31 dicembre 1971
Mappa di localizzazione

L’Osservatorio Reale del Capo di Buona Speranza (Royal Observatory, Cape of Good Hope) è l'istituzione scientifica più antica del Sudafrica.[1] Fondata dalla Colonia del Capo britannica nel 1820, ora forma la sede centrale del South African Astronomical Observatory.

L'osservatorio si trova su di una collinetta a 5 km a sud-est dal centro di Città del Capo. Nel secolo successivo alla fondazione un sobborgo della città crebbe nella zona; il sobborgo fu chiamato Observatory dato la già esistenza dell'Osservatorio Reale. Il sito è stato oggetto di un caso di studio dell'ICOMOS/IAU per essere inserito come patrimonio mondiale.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pianta dell'Osservatorio Reale, circa 1840.

L'Osservatorio Reale fu fondato nel 1820[1] durante il regno di Giorgio IV del Regno Unito. Rimase un'istituzione autonoma fino al 1972, quando si integrò con lo Union Observatory di Johannesburg per costituire il South African Astronomical Observatory del quale è diventato la sede.

Originariamente l'attività principale dell'Osservatorio era l'astrometria e in questo campo furono pubblicati molti cataloghi di posizioni stellari. Nel XX secolo l'Osservatorio volse i suoi interessi verso l'astrofisica. Tuttavia, la crescita di Città del Capo e della sua illuminazione notturna a partire dal 1970 obbligarono a cercare un nuovo sito per i telescopi e fu scelta la zona semidesertica del Karoo.[3] Ciò nonostante, vari telescopi rimasero in attività fino agli anni Novanta. Successivamente furono trasformati in centro cittadino per la divulgazione astronomica. Alan Cousins ​​fu l'ultimo osservatore a lavorare dal sito dell'Osservatorio Reale.

L'Osservatorio Reale è stato responsabile di una serie di eventi significativi nella storia dell'astronomia. Il secondo astronomo di HM, Thomas Henderson, aiutato dal suo assistente, il tenente William Meadows, fece le prime osservazioni che portarono a determinare una parallasse stellare approssimata, calcolata su Alfa Centauri. Tuttavia perse la priorità come scopritore della parallasse stellare a favore di Friedrich Wilhelm Bessel che pubblicò le sue osservazioni (successive) di 61 Cygni prima che Henderson riuscisse a pubblicare le sue. Intorno al 1840.[4][5] Thomas Maclear rimisurò il controverso meridiano di Nicolas-Louis de Lacaille, dimostrando che le misurazioni geodetiche di quest'ultimo erano state corrette ma che le montagne vicine avevano influenzato le sue determinazioni sulla latitudine.[6][7] Nel 1882 David Gill ottenne una serie di fotografie a lunga esposizione della grande cometa che passò in quell'anno che mostrano la presenza di stelle sullo sfondo. Questo lo portò ad intraprendere, in collaborazione con Jacobus Cornlesius Kapteyn di Groninga, il Cape Photographic Durchmusterung, il primo catalogo stellare preparato con mezzi fotografici. Nel 1886, propose all'Ammiraglio Amédée Ernest Barthélemy Mouchez dell'osservatorio di Parigi, lo svolgimento di un congresso internazionale per promuovere un catalogo fotografico di tutto il cielo. In seguito al Congresso Astronomico di Parigi del 1887, l'Osservatorio Reale divenne parte attiva nel progetto Carte du Ciel e gli fu assegnata la zona del firmamento fra le declinazioni −40° e −52°. L'organizzazione della Carte du Ciel viene considerata l'antesignana della Unione Astronomica Internazionale.

Nel 1897 Frank McClean, un amico intimo di Gill e donatore del telescopio McClean, scoprì la presenza di ossigeno in un significativo numero di stelle usando un obiettivo prisma attaccato al Telescopio Astrografico.[8]

Nel 1911, J.K.E. Halm, l'assistente capo, presentò un documento pionieristico sulle dinamiche stellari in cui ipotizzava che i flussi stellari scoperti da Kapteyn si fossero originati da una distribuzione di velocità stellare Maxwelliana. Questo documento contiene anche il primo suggerimento che le stelle obbediscano a una relazione massa-luminosità.[9]

Un astronomo del HM del XX secolo, H. Spencer Jones, fu attivo in un progetto internazionale per determinare la parallasse solare attraverso le osservazioni del pianeta minore Eros.[10]

Nella seconda metà del ventesimo secolo, Alan Cousins ​​ha definito degli standard meridionali molto precisi per l'UBV e ha introdotto un sistema ampiamente utilizzato di fotometria VRI che ha goduto di un riconoscimento internazionale per la sua precisione.[11]

Nel 1977 l'occultazione della stella SAO 158687 fu osservata da Joseph Churms dall'ex osservatorio reale e queste osservazioni fornirono la necessaria conferma degli anelli uraniani scoperti dall'aeroplano Kuiper da Elliot.[12] Nel corso dell'Ottocento l'Osservatorio Reale era considerato il principale consigliere del governo coloniale su questioni scientifiche, serviva da deposito per i pesi e le misure standard della Colonia del Capo ed era responsabile per il cronometraggio e il rilevamento geodetico. Nel 1841 fu costruito anche un osservatorio magnetico, che però andò distrutto in un incendio nel decennio seguente. L'osservatorio effettuò anche una lunga serie di rilevazioni meteorologiche.

La storia dell'Osservatorio Reale è stata oggetto di numerose opere.[13][14][15][16][17]

Astronomi degni di nota dell'Osservatorio[modifica | modifica wikitesto]

Thomas James Henderson. Astronomo di Sua Maestà al Capo, 1831-1833.

I direttori dell'Osservatorio Reale erano noti come gli astronomi di Sua Maestà al Capo (His or Her Majesty's Astronomers at the Cape).[16] Erano i seguenti:[15]

Un elenco completo di persone che hanno lavorato presso l'Osservatorio Reale e le loro pubblicazioni, fino al 1913, vennero consegnate da Gill all'Osservatorio Reale.[13] Altro personale degno di nota sono stati:

Edifici principali[modifica | modifica wikitesto]

Vista aerea dell'edificio McClean

Un'indagine sul patrimonio è stata registrata nel 2011 da un elenco completo degli edifici dell'Osservatorio. Gli edifici includono:

  • Edificio principale, completato nel 1828. Di stile revival greco e progettato dall'architetto John Rennie. Questo contiene oggi uffici e una notevole biblioteca astronomica.
  • Photoheliograph building, completato nel 1849 (ex 7-inch Merz Telescope Building). La sua cupola ruota su palle di cannone.
  • Eliometro, completato nel 1888 (ora contenente un riflettore da 18 pollici). La sua cupola (di Howard Grubb) è stata progettata per la ventilazione a flusso continuo.
  • McClean, completato nel 1896, progettato da Herbert Baker era un laboratorio (ora Museo Astronomico). Il pavimento ascendente è azionato idraulicamente. La cupola è stata progettata da T. Cooke & Sons di York.
  • Astrografico, completato nel 1889. La cupola è stata progettata da Howard Grubb.
  • Cerchio di transito reversibile, completato nel 1905 (6 pollici). Due per ciascuna casa, Collimator e Mark.
  • Edificio tecnico (costruito circa nel 1987).
  • Auditorium, costruito originariamente come laboratorio di riparazione di strumenti ottici durante la seconda guerra mondiale.

Telescopi principali[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente, l'edificio principale conteneva una lunghezza focale Transit di 10 piedi di Peter Dollond e un cerchio murale di 6 piedi di Thomas Jones. Questi furono sostituiti nel 1855 da un Cerchio di transito da 8 pollici progettato da George Biddell Airy, astronomo reale a Greenwich. Lo strumento di Airy fu rimosso nel 1950.[2] Alcune parti di questi telescopi sono nel Museo Astronomico dell'Osservatorio.

I telescopi principali sono:

  • Photoheliograph da 4 pollici (1875) di John Henry Dallmeyer.
  • Rifrattore visivo da 6 pollici (1882) di Howard Grubb.
  • Astrografico (1889) composto da rifrattori fotografici da 13 pollici e guide da 10 pollici di Howard Grubb. Utilizzato per la Cape Astrographic Zone (vedi sopra) e da F. McClean per la spettroscopia.
  • McClean o telescopio Victoria composto da rifrattori ottici e visivi da 18 pollici con visuale da 18 pollici di Howard Grubb.[18]
  • Cerchio di transito reversibile da 6 pollici (1905). Progettato da Sir David Gill e costruito da Troughton & Simms. Utilizzato tra l'altro per la parte meridionale del Fundamentall Katalog FK4.
  • Riflettore da 18 pollici di Cox, Hargreaves e Thomson (1955). La guida telescopica è Merz da 7 pollici.

Un riflettore da 40 pollici di Grubb Parsons fu installato nel 1964 ma fu rimosso nel 1972 per essere spostato a Sutherland.

Museo Astronomico[modifica | modifica wikitesto]

L'ex laboratorio spettroscopico del telescopio McClean è stato trasformato in un museo nel 1987, conservando gli accessori originali del XIX secolo. L'edificio contiene ancora l'originale apparato idraulico per l'innalzamento del piano di osservazione e una camera oscura che contiene esemplari di apparecchiature da camera oscura prelevate da varie cupole dopo che la fotografia è andata fuori uso.[19] Gli oggetti esposti includono modelli di telescopi, macchine di misurazione, strumenti altazimutali di Dollond (1820) e Bamberg (circa 1900), calcolatrici, apparecchiature per ufficio, dispositivi elettronici precoci, obiettivi dei primi telescopi compresi i telescopi fotografici di Gill, un meccanismo di un telescopio a orologeria , una pistola segnale, attrezzatura chimica ecc.

Storia naturale[modifica | modifica wikitesto]

Il sito dell'Osservatorio Reale è situato nel Two Rivers Urban Park, una zona umida. La roccia sottostante è composta da argillite di Malmesbury con una zona di grovacca e calcare quarzitico. Parte della sua ecologia originale è preservata e supporta un'ampia varietà di animali e di piante. È il limite settentrionale del rospo leopardo occidentale (Bufo Pantherinus) e l'unico habitat naturale rimasto dell'iris rara, Moraea aristata.[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Alexander Claude Brown, A History of Scientific Endeavour in South Africa: A Collection of Essays Published on the Occasion of the Centenary of the Royal Society of South Africa, Città del Capo, Royal Society of South Africa, 1977, p. 60, OCLC 462825631. URL consultato il 19 aprile 2018.
  2. ^ a b (EN) UNESCO Astronomy and World Heritage Webportal - Show entity, su Astronomical Heritage. URL consultato il 19 aprile 2018.
  3. ^ (EN) Chris de Coning, Radcliffe Observatory (Oxford), Astronomical Society of South Africa. URL consultato il 10 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  4. ^ (EN) T.Henderson, II. On the Parallax of α Centauri (PDF), in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 4, nº 19, 11 gennaio 1839, pp. 168–169, Bibcode:1839MNRAS...4..168H, DOI:10.1093/mnras/4.19.168. URL consultato il 24 aprile 2018.
  5. ^ (EN) I. S. Glass, Proxima: the nearest star (other than the sun!), Mons Mensa, 2008, ISBN 978-0-9814126-0-3, OCLC 263131266. URL consultato il 24 aprile 2018.
  6. ^ (EN) Thomas Maclear, George Biddell Airy e Great Britain. Admiralty, Verification and extension of La Caille's arc of meridian at the Cape of Good Hope, 1866. URL consultato il 24 aprile 2018.
  7. ^ (EN) I. S. Glass, Nicolas-Louis De La Caille: astronomer and geodesist, Oxford University Press, 2013, ISBN 978-0-19-966840-3. URL consultato il 24 aprile 2018.
  8. ^ a b (EN) Frank McClean, Comparison of Oxygen with the Extra Lines in the Spectra of the Helium Stars, $\beta $ Crucis, &c.; also Summary of the Spectra of Southern Stars to the $3\frac{1}{2}$ Magnitude and Their Distribution, in Proceedings of the Royal Society of London, vol. 62, 379-387, 1º gennaio 1897, pp. 417–423, DOI:10.1098/rspl.1897.0130. URL consultato il 23 aprile 2018.
  9. ^ a b (EN) J. Halm, Further considerations relating to the systematic motions of the Stars, in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 71, nº 8, 9 giugno 1911, pp. 610–639, Bibcode:1911MNRAS..71..610H, DOI:10.1093/mnras/71.8.610. URL consultato il 23 aprile 2018.
  10. ^ (EN) H. Spencer Jones, The solar parallax and the mass of the moon from observations of Eros at the opposition of 1931, Royal Astronomical Society, 1941. URL consultato il 23 aprile 2018.
  11. ^ a b (EN) David Kilkenny, Alan Cousins (1903--2001): a life in astronomy (PDF), in Observational Aspects of Pulsating B- and A Stars, vol. 256, febbraio 2002, Bibcode:2002ASPC..256....1K. URL consultato il 23 aprile 2018.
  12. ^ (EN) Pat Booth, Presidential Address: The Rings of Uranus - the South African Story (PDF), in Monthly Notes of the Astronomical Society of South Africa, vol. 64, ottobre 2005, pp. 165-169. URL consultato il 23 aprile 2018.
  13. ^ a b (EN) David Gill, A History and Description of the Royal Observatory, Cape of Good Hope, H.M. Stationer Off., 1913, OCLC 3874692. URL consultato il 23 aprile 2018.
  14. ^ (EN) J. D Laing, The Royal Observatory at the Cape of Good Hope 1820-1970 : a sesquicentennial offering, Royal Observatory, 1970, OCLC 471565317. URL consultato il 23 aprile 2018.
  15. ^ a b (EN) Brian Warner, Astronomers at the Royal Observatory, Cape of Good Hope: a history with emphasis on the nineteenth century, A. A. Balkema, 1979, ISBN 0-86961-109-7, LCCN 80480814, OCLC 5795490. URL consultato il 23 aprile 2018.
  16. ^ a b (EN) Brian Warner, Royal Observatory, Cape of Good Hope, 1820-1831 : the founding of a colonial observatory : incorporating a biography of Fearon Fallows, Kluwer Academic Publishers, 1995, ISBN 978-0-7923-3527-6, OCLC 32465151. URL consultato il 23 aprile 2018.
  17. ^ (EN) I. S. Glass, The Royal Observatory at the Cape of Good Hope. History and Heritage (PDF), Mons Mensa, 2015, ISBN 978-0-9814126-2-7. URL consultato il 23 aprile 2018.
  18. ^ (EN) NASA Astrophysics Data System Abstract Service, The Observatory, Editors of the Observatory, 1902, p. 373, OCLC 4953657. URL consultato il 20 aprile 2018.
  19. ^ (EN) I. S. Glass, The Astronomical Museum at SAAO, in Monthly Notes of the Astronomical Society of South Africa, vol. 69, febbraio 2010, pp. 20-30, Bibcode:2010MNSSA..69...20G. URL consultato il 23 aprile 2018.
  20. ^ (EN) Threatened Species Programme, su SANBI Red List of South African Plants. URL consultato il 20 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 2285 6051