Ossario del Pasubio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°45′06.26″N 11°11′34.4″E / 45.75174°N 11.19289°E45.75174; 11.19289[1]

Ossario del Pasubio
Ossario Pasubio.jpg
Tipo militare
Confessione religiosa mista
Ubicazione
Stato Italia Italia
Comune Valli del Pasubio
Luogo Colle Bellavista, (monte Pasubio)
Costruzione
Data apertura 1926
Architetto Ferruccio Chemello
Tombe famose Guglielmo Pecori Giraldi
Note 5.186 salme

Il sacello-ossario del Pasubio, più noto come ossario del Pasubio, è un monumento dedicato ai caduti della prima guerra mondiale. Si trova sul colle Bellavista che domina la Val Leogra, proprio sotto il monte Cornetto a circa 2 km da Pian delle Fugazze, collegato al passo stesso dalla diramazione della ex strada statale 46. La posizione che è stata scelta permette di vedere la sagoma dell'ossario da tutta la pianura vicentina.

L'ossario del Pasubio, insieme a quelli di Tonezza del Cimone, del monte Grappa e di Asiago compare in uno dei quattro quarti dello stemma della provincia di Vicenza.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurazione dell'ossario nel 1926

Viene costruito a quota 1.217 slm tra il 1920 e il 1926 per iniziativa della Fondazione "3 novembre 1918 pro combattenti della I Armata", inaugurato il 29 agosto 1926.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Particolare degli affreschi all'interno del sacello ossario dove Tito Chini ritrae il generale Guglielmo Pecori Giraldi.
I quattro ossari nello stemma della provincia di Vicenza: l'ossario del Pasubio, l'ossario del monte Cimone, il sacrario militare di Asiago ed il sacrario militare del monte Grappa.

È una possente costruzione progettata da Ferruccio Chemello e decorata da Tito Chini e Umberto Bellotto dalla forma che assomiglia ad un faro alto 35 metri, con una lanterna luminosa sulla sua sommità.
È costituito da due parti: l'ossario ed il sacello. L'ossario, ricavato nel basamento della torre, comprende una cripta centrale e due gallerie concentriche. Nella cripta sono raccolti i resti di 70 decorati al valore militare e vi è stata tumulata la salma del Generale Guglielmo Pecori Giraldi, che resse il Comando della I Armata dal 9 maggio 1916 sino alla conclusione vittoriosa del novembre 1918. Il sacello si trova sul lato opposto del monumento, verso sud, alla sommità di un'ampia gradinata che conduce ad una terrazza con balaustra che circonda la torre. La piccola cappella è ornata con vetrate artistiche e affreschi.

La “Fondazione 3 Novembre 1918”, voluta da Guglielmo Pecori Giraldi e dedicata alla memoria dei caduti della Grande Guerra, eresse questo Sacello-Ossario la cui decorazione pittorica interna fu affidata proprio a Tito Chini il quale decorò anche gli Ossari di guerra di Treviso, Schio, Verona, Trento e il Tempio-Ossario di Bassano del Grappa.[2] L’inaugurazione del Sacello-Ossario del Pasubio avvenne il 29 agosto 1926 alla presenza del re, e da allora fino ad oggi, si ripete il pellegrinaggio annuale in onore e in memoria della Ia Armata. Guglielmo Pecori Giraldi tornò sempre sul colle sacro ed espresse anche il desiderio di essere sepolto lì come accadde il 19 luglio del 1953 quando la salma del generale fu traslata dalla cappella gentilizia della famiglia Pecori Giraldi nella Villa Rimorelli a Borgo San Lorenzo, dove era stata custodita per dodici anni.[3] Il sacello è costituito da una torre piramidale alta 35 metri costruita con la medesima pietra della montagna che i soldati avevano calpestato, ed al suo interno sono custodite le ossa dei morti recuperate nella zona del Pasubio. [4]

L’epigrafe murata a mezzogiorno recita: “La Prima Armata / infranto due volte / l’orgoglio nemico / balzò / dal Pasubio al Brennero / assicurando all’Italia / i suoi termini sacri”.

Nella zona dell'ossario è presente anche un piccolo museo dedicato alla prima guerra mondiale ora integralmente ristrutturato e ingrandito.

Caduti[modifica | modifica wikitesto]

Contiene i resti di 5.146 soldati italiani e 40 austriaci caduti durante la prima guerra mondiale nel monte Pasubio. Le ossa dei caduti, in molte teche in cui sono custodite, sono a vista.

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno, l'ultima domenica di giugno, vi è una celebrazione in memoria dei caduti in corrispondenza dell'anniversario della più sanguinosa battaglia avvenuta sul vicino massiccio, il 2 luglio 1916.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coordinate prese da OpenStreetMap.
  2. ^ Per dettagliate informazioni riguardo alle decorazioni interne realizzate da Tito Chini vedi: L’Ossario sul Pasubio, in “Il Messaggero del Mugello”, 14 novembre 1926 n° 45.
  3. ^ Vedi : Inaugurazione del Sacello Ossario sul Pasubio, in “Il Messaggero del Mugello” 8 agosto 1926 n° 31; Sul Pasubio, in “Il Messaggero del Mugello” 29 agosto 1926 n° 34 ; Ossario sul Pasubio, in “Il Messaggero del Mugello” 5 settembre 1926 n° 35.
  4. ^ Elisa Marianini La memoria dei caduti della Grande Guerra in Mugello, una ferita salvata dalla bellezza, Edizione Noferini, Borgo San Lorenzo (FI), 2015. pp. 25-27.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Inaugurazione del Sacello Ossario sul Pasubio, in “Il Messaggero del Mugello”, 8 agosto 1926, n° 31.
  • F. Niccolai, La glorificazione degli eroi della Ia Armata nella decorazione pittorica di Tito Chini al Sacello-Ossario del Pasubio, in “Bollettino della Società Mugellana di Studi Storici”,1926, marzo n° 1, pp. 244-248.
  • L. Barletti, Un rito solenne sul Pasubio, in “Il Messaggero del Mugello”, 4 settembre 1926, n° 35.
  • G. Ferrari, Commemorazione di S. E. il Maresciallo d’Italia Conte Cavaliere Guglielmo Pecori Giraldi nel I° anniversario della sua scomparsa. Prolusione di P. Venerosi Pesciolini, 1942 Firenze.
  • A. Tosti, Il Maresciallo d’Italia Guglielmo Pecori Giraldi e la Prima Armata. Per cura della Fondazione 3 Novembre 1918 pro combattenti della Ia Armata, 1948, Torino.
  • Elisa Marianini La memoria dei caduti della Grande Guerra in Mugello - una ferita salvata dalla bellezza, Edizione Noferini, Borgo San Lorenzo (FI), 2015. ISBN 978-88-99386023
  • Lisa Bregantin, Denis Vidale: Sentinelle di pietra. I grandi sacrari del primo conflitto mondiale, Biblioteca dei Leoni, Castelfranco Veneto, 2016. ISBN 978-88-98613-69-4
  • Fondazione 3 Novembre 1918 (a.c.): Custodi delle memoria. 100 anni dalla Grande Guerra, Vicenza, 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] L'Ossario del Pasubio nel sito del Ministero della difesa