Oscar Pettiford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oscar Pettiford
Oscar Pettiford (Gottlieb 07051).jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereJazz
Periodo di attività musicale1942 – 1960
Strumentocontrabbasso, violoncello

Oscar Pettiford (Okmulgee, 30 settembre 1922Copenaghen, 8 settembre 1960) è stato un contrabbassista e violoncellista statunitense, noto soprattutto per essere stato uno dei pionieri del bebop.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Oscar Pettiford nacque in una riserva indiana dell'Oklahoma. La madre era una Choctaw, insegnante di musica e pianista; il padre Harry "Doc" Pettiford, per metà Cherokee e per metà afroamericano, era veterinario e musicista dilettante. Le origini native di Pettiford erano tuttavia note solo ad alcuni amici (tra cui David Avram).

Parte di una famiglia numerosa (dieci figli), Oscar cominciò a suonare e andare in tournée con il gruppo familiare che suo padre creò quando decise di andare in pensione. Oscar cominciò a studiare pianoforte, per poi passare al contrabbasso a 14 anni.

Dopo essere entrato nel 1942 nell'orchestra di Charlie Barnet, uno dei primi ad assumere musicisti bianchi e afroamericani nella stessa orchestra, si fece notare nel 1943 con la sua incisione di The Man I Love assieme a Coleman Hawkins. Dopo essere entrato nel gruppo di Roy Eldridge e aver suonato con Ben Webster e con Earl Hines, Pettiford venne immediatamente considerato il degno successore di Jimmy Blanton, appena scomparso.

Fu sempre nel 1943 che Pettiford entrò nel gruppo di Dizzy Gillespie che fu il primo gruppo a portare il bebop sulla Cinquantaduesima strada e a essere designato come gruppo bebop (o rebop). Ebbe grande successo, anche personale, la "Billy Eckstine jam's session, con il già famoso cantante della band di Earl Hines; della formazione facevano parte Dizzy Gillespie (tp) Charlie Parker (ts) e Shadow Wilson (d). Poco più tardi entrerà nell'orchestra di Eckstine, la prima big band del be-bop (in cui suonarono pure Gillespie e Parker. Nei primi Cinquanta, infine, per quanto concerne il sodalizio con Mr.B, quale miglior bassista per la classifica americana della Metronome, farà parte, insieme ad altri vincitori, del settetto che incidera', etichettato come Metronome All Stars, "St. Louis Blues" e "How High is the Moon": tra gli altri vi sono Teddy Wilson, Max Roach, Lester Young, Ben Webster.

Nel 1945 fu con Hawkins in California, dove incise la colonna sonora del film giallo "The Crimson Canary". Suonò poi con Duke Ellington (1945-1948) e Woody Herman (1949), prima di iniziare una carriera da leader.

Nel suo gruppo debuttò Cannonball Adderley: uno dei componenti lo persuase a far salire sul palco l'allora sconosciuto insegnante di musica, e Pettiford gli chiese di prendere un assolo su un pezzo difficile, e la prestazione di Adderley meravigliò tutti.

Pettiford fu uno dei pionieri del violoncello jazz, che egli iniziò a suonare nel 1949-1950, quando i postumi di una frattura al braccio gli rendevano impossibile suonare il contrabbasso. Il violoncello era raramente usato dai jazzisti a causa dei rischi elevati di stonature e della scarso volume di suono dello strumento. Egli continuò ad utilizzare il violoncello come strumento secondario per il resto della sua carriera, impossessandosi della tecnica del pizzicato che utilizzò in vari contesti.

Negli anni cinquanta, Pettiford fu spesso in sala d'incisione, sia come leader, sia come sideman, lavorando tra l'altro per la Prestige, la Debut, Bethlehem e la ABC Records: dopo il suo trasferimento a Copenaghen nel 1958 incise anche per diverse case discografiche europee. La vita professionale proseguì in modo abbastanza discontinuo, a causa del suo carattere reso lunatico e scontroso dall'abuso di alcool.

Pettiford è conosciuto anche come compositore: tra i suoi pezzi più famosi si ricordano Tricotism, Laverne Walk, Bohemia After Dark e Swingin' Till the Girls Come Home.

La morte di Oscar Pettiford sopravvenne dopo una breve e improvvisa malattia virale, attribuita ad "un virus simile alla poliomielite". La sua tecnica aumentò di molto gli standard contrabbassistici dell'epoca e molti strumentisti ancora oggi imitano il suo stile.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da leader[modifica | modifica wikitesto]

New York, luglio 1948. Il cartellone che annuncia il concerto del trio di Erroll Garner, con J. C. Heard e Oscar Pettiford, al Jazz club
"Three Deuces"
Raccolte o albums postumi

Come sideman[modifica | modifica wikitesto]

  • The Birdlanders: Vol. 2 (OJC, 1954) con Kai Winding, Al Cohn, Tal Farlow Duke Jordan, Max Roach, Denzil Best
  • Sid Catlett; 1944-1946 (Classics)
  • Chris Connor & John Lewis Quartet: Chris Connor (Atlantic)
  • Miles Davis: The Musings of Miles (Prestige)
  • Miles Davis: Miles Davis Volume 1/Miles Davis Volume 2 (Blue Note, 1952–54)
  • Kenny Dorham: Jazz Contrasts (OJC, 1957) Afro-Cuban (Blue Note, 1955)
  • Duke Ellington: Carnegie Hall Concert January 1946 (Prestige)
  • Duke Ellington: Carnegie Hall Concert December 1947 (Prestige) bzw. 1947-1948 (Classics), 1949-1950 (Classics), Great Times! (OJC, 1950) (enthält Perdido, Blues for Blanton)
  • Tal Farlow; Jazz Masters 41 (Verve 1955-58) bzw. Finest Hour (Verve, 1955–58)
  • Leonard Feather: 1937-1945 (Classics,1952–56)
  • Dizzy Gillespie: 1945 (Classics)
  • Urbie Green: East Coast Series Vol. 6 (Bethlehem, 1956)
  • Jimmy Hamilton & The New York Jazz Quintet (Fresh Sound Rec.)
  • Coleman Hawkins: Rainbow Mist (Delmark, 1944), The Hawk Flies High (OJC, 1957)
  • Ernie Henry: Last Chorus (OJC, 1956–57)
  • Woody Herman: Keeper Of the Flame (Capitol, 1948–49)
  • Johnny Hodges: Caravan (Prestige, 1947–51)
  • Helen Humes;: 1927-1945 (Classics)
  • Lee Konitz / Warne Marsh Quintet (Atlantic, 1955)
  • Helen Merrill: con Clifford Brown & Gil Evans (Emarcy, 1954–56)
  • Thelonious Monk: The Unique, Brilliant Corners, Plays the Music Of Duke Ellington (Riverside/OJC)
  • Phineas Newborn: Here Is Phineas (Koch, 19569)
  • Leo Parker: Prestige First Sessions: Volume 1 (Prestige, 1950)
  • Max Roach: Deeds, Not Words (OJC, 1958)
  • Sonny Rollins: Freedom Suite (1958) auf The Essentuial S.R. on Riverside (1956–58)
  • Charle Rouse: Jazz Modes (Biograph, 1956)
  • Billy Strayhorn: Great Times! (OJC, 1950)
  • Art Tatum: The Art Of Tatum (ASV, 32-44)
  • Lucky Thompson: Accent On Tenor Sax (FSR, 1954)
  • Lucky Thompson: Tricotism (Impulse, 1956)
  • George Wallington: The George Wallington Trios (OJC, 1952–53)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Richard Cook, Brian Morton: The Penguin Guide to Jazz on CD, sixth edition, London 2002.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bethlehem Records Discography Project, jazzdisco.org. URL consultato l'8 marzo 2014.
  2. ^ (EN) Oscar Pettiford, su Discogs, Zink Media. URL consultato l'8 marzo 2014.
  3. ^ (EN) don, themenschmidt.de. URL consultato l'8 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2013).
  4. ^ (EN) Oscar Pettiford, su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'8 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN24788159 · ISNI: (EN0000 0000 8103 7921 · LCCN: (ENn85098446 · GND: (DE133111644 · BNF: (FRcb13898427w (data)