Os Mutantes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Os Mutantes
Zélia Duncan and Sérgio Dias.jpg
Paese d'origineBrasile Brasile
GenereRock psichedelico
Rock progressivo
Tropicalismo
Periodo di attività musicale1966 – 1978 (, 2006 - in attività)
EtichettaOmplatten Polydor Universal Som Livre Gala
Album pubblicati12
Sito ufficiale

Gli Os Mutantes (pronuncia IPA: [uz muˈtã.tʃis]) sono un influente gruppo musicale brasiliana di rock psichedelico che ha partecipato al movimento Tropicàlia degli anni sessanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Os Mutantes nel 1969: al centro, Rita Lee

Nel 1966 i due fratelli Sergio (chitarre) e Arnaldo Baptista (basso, tastiere) dopo aver formato alcune band giovanili assieme alla cantante Rita Lee diedero vita a Os Mutantes.

Voraci ascoltatori di musica anglofona, in particolare dei Beatles, e attentissimi agli svolgimenti contemporanei del rock, essi seppero dare vita ad una band che presto arrivò ad eguagliare alcuni dei propri modelli, unendo in modo genialmente anarchico pop brasiliano, psichedelia, musica concreta, Rock progressivo, il tutto tenuto insieme da una vena di ironia dissacrante e psichedelica di ispirazione dadaista mutuata in realtà dai geniali lavori dei quattro ragazzi di Liverpool.

La loro carriera si aprì con Tropicália: ou Panis et Circenses, disco collettivo realizzato insieme alle stelle del movimento musicale d'avanguardia Tropicália Tom Zé, Gilberto Gil, Caetano Veloso ed altri artisti brasiliani. Il progetto venne fortemente influenzato dall'uscita, l'anno precedente, di Sergeant Pepper's lonely heart club band, disco destinato a rivoluzionare la musica internazionale non a caso citato esplicitamente anche con la foto di copertina.

Os mutantes apparvero come ospiti fissi in uno show televisivo condotto dal collega Ronnie Von, che di lì a poco sfornerà anche lui una serie di album dalle atmosfere psichedeliche di derivazione europea.

Nel 1972, dopo l'abbandono da parte di Rita Lee, che iniziò una carriera solista, la formazione sterzò decisamente verso il progressive. Nel 1978 avvenne lo scioglimento della band.

Apprezzati da personaggi come Kurt Cobain (che nel 1993 ne auspicò la riunione) e David Byrne (che ne ha promosso la musica con la sua etichetta Luaka Bop), negli ultimi anni sono stati oggetto di culto da parte di un numero sempre maggiore di appassionati.

I brasiliani Sepultura hanno inciso in omaggio la cover di un loro brano. Nel 2006 la band si è riformata, e sta attualmente girando il mondo in concerto.

Nel 2007 gli Os Mutantes sono ritornati a sorpresa nelle chart brasiliane con un loro vecchio successo (Balada do Louco, dall'album del 1972 Mutantes e Seus Cometas no País do Baurets), arrivando alla 38ª posizione nella classifica Hot100Brasil a febbraio. Hanno anche collaborato con il DJ britannico JD Twitch, in un progetto culturale britannico/brasiliano del 2007.

Formazioni del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

(1966-1968)
  • Arnaldo Baptista - basso, tastiere e voce
  • Rita Lee - voce, percussioni, flauto, arpa
  • Sérgio Dias - voce, chitarre e basso
(1969-1972)
  • Arnaldo Baptista - tastiere e voce
  • Rita Lee - voce, percussione e tastiere
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Liminha - basso e voce
  • Dinho Leme - batteria e percussioni
(1973)
(1973)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Liminha - basso e voce
  • Dinho Leme - batteria e percussioni
  • Manito - tastiere, sassofono e flauto
(1973-1974)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Liminha - basso e voce
  • Rui Motta - batteria e percussioni
  • Túlio Mourão - tastiere e voce
(1974-1976)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Rui Motta - batteria e percussioni
  • Túlio Mourão - tastiere e voce
  • Antônio Pedro - basso e voce
(1976-1978)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Rui Motta - batteria e percussioni
  • Luciano Alves - tastiere e voce
  • Paulo de Castro - basso e voce
(1978)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Rui Motta - batteria e percussioni
  • Luciano Alves - tastiere e voce
  • Fernando Gama - basso e voce
(1978-2006)

Inattivi

(2006-2007)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Arnaldo Baptista - tastiere e voce
  • Dinho Leme - batteria e percussioni
  • Zélia Duncan - voce
(2008-2012)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Dinho Leme - batteria e percussioni
  • Henrique Peters - tastiere
  • Vitor Trida - tastiere, chitarre, flauto, chitarra "caipira" e violino
  • Vinicius Junqueira - basso
  • Simone Soul - percussioni
  • Fábio Recco - voce
  • Bia Mendes - voce
(2012-2013)
  • Sérgio Dias - chitarre e voce
  • Ani Cordero - batteria, percussioni
  • Esmeria Bulgari - voce, percussioni
  • Vinicius Junqueira - basso
  • Amy Crawford - tastiere, piano, organo
  • Vitor Trida - voce, tastiere, chitarre
(2013-presente)
  • Sérgio Dias - voce, chitarre
  • Esmeria Bulgari - voce, percussioni
  • Vinicius Junqueira - basso
  • Henrique Peters - voce, tastiere
  • Vitor Trida - voce, tastiere, chitarre
  • Cláudio Tchernev - batteria, percussioni

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1968: A Voz do Morto/Baby/Marcianita/Saudosismo (con Caetano Veloso)
  • 1969: Fuga nº II/Adeus, Maria Fulô/Dois Mil e Um/Bat Macumba
  • 1970: Hey Boy/Desculpe Babe/Ando Meio Desligado/Preciso Urgentemente Encontrar Um Amigo
  • 1976: Cavaleiros Negros/Tudo Bem/Balada do Amigo

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1966: Suicida/Apocalipse (as O'Seis)
  • 1968: É Proibido Proibir/Ambiente de Festival (with Caetano Veloso)
  • 1968: A Minha Menina/Adeus Maria Fulô
  • 1969: Dois Mil e Um/Dom Quixote
  • 1969: Ando Meio Desligado/Não Vá Se Perder Por Aí
  • 1971: Top Top/It's Very Nice Pra Xuxu
  • 1972: Mande Um Abraço Pra Velha

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150893951 · ISNI (EN0000 0001 0945 2642 · LCCN (ENn95922255 · GND (DE10326679-3 · WorldCat Identities (ENlccn-n95922255