Orzowei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Orzowei (disambigua).
Orzowei
AutoreAlberto Manzi
1ª ed. originale1955
Genereromanzo
Sottogenereletteratura per ragazzi
Lingua originaleitaliano
AmbientazioneAfrica meridionale
ProtagonistiMohamed Isa (Orzowei)
AntagonistiMesei

Orzowei è un romanzo di Alberto Manzi pubblicato nel 1955 e da cui hanno avuto origine una popolare serie televisiva per ragazzi e un film. Il libro è stato tradotto in più lingue (almeno 32).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

«Forse è un Swazi, o un bianco, o uno del piccolo popolo. È tutti e tre, o forse nessuno dei tre. Eppure io ho visto: boscimani, negri, bianchi sono stati capaci di amarlo e di sacrificarsi per lui quando lo hanno conosciuto. Ed egli ha amato tutti. Ecco: quando ci conosciamo, anche se la nostra pelle è di un altro colore, ci amiamo.»

Isa, un bambino bianco abbandonato nella foresta del Sud Africa, viene trovato ed allevato come un figlio da un vecchio grande guerriero e da una vecchia nutrice, ambedue appartenenti ad una tribù di Bantu di etnia Swazi. A causa della sua pelle chiara, Isa non riesce a farsi accettare del tutto dai membri del villaggio, che per schernirlo lo chiamano Orzowei, il "trovato". Particolarmente ostile è Mesei, il figlio del capo del villaggio. A causa del pregiudizio razziale, Isa non viene accolto fra gli adulti guerrieri della tribù pur avendo superato la drammatica prova dell'iniziazione. Decide quindi di allontanarsi dal villaggio e si rifugia nella foresta, dove viene accolto da una tribù di Boscimani e nuovamente adottato come un figlio dal saggio Pao. Riesce anche a vestirsi con la pelliccia del leopardo che ha ucciso. Pao stesso, però, inviterà Isa a conoscere i bianchi, insegnandogli ad amarli e a capirli. Isa verrà a contatto con una comunità di Boeri, i quali lo tratteranno peggio di quanto avessero fatto i neri fino a quel momento - dai bianchi prenderà anche delle frustate. Poco più che tollerato, tornerà tra i neri suo malgrado e si troverà a lottare contro gli Swazi che lo hanno allevato per primi, e a porre fine al conflitto sconfiggendo proprio il suo nemico di sempre, Mesei, mentre i Boscimani vincono la guerra nel villaggio nemico in fiamme.

Miniserie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Orzowei, il figlio della savana (miniserie televisiva).

Nel 1977 venne realizzata la miniserie televisiva Orzowei, il figlio della savana, co-produzione italo-tedesca (per l'Italia Oniro Film di Gioacchino Sofia), che venne trasmessa sulla prima rete Rai, alle 19:20, in 13 puntate da 25 minuti a partire dal 28 aprile 1977[1][2]. Protagonista nel ruolo di Orzowei era Peter Marshall. Il telefilm è ricordato anche per la sigla omonima degli Oliver Onions.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nuova serie di telefilm sulla rete 1 - Un Tarzan bambino, in Stampa Sera, n. 88, 1977, p. 26.
  2. ^ Quanto ci manca Orzowei, su muntari.cinefile.biz, muntari, 26 aprile 2011. URL consultato il 26 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4363153411880141700006
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura