Ormone di rilascio della somatotropina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ormone di rilascio della somatotropina
Gene
HUGOGHRH GRF, GHRF
Entrez2691
LocusChr. 20 p12 or q11.2-q12
Proteina
OMIM139190
UniProtP01286

L'ormone di rilascio della somatotropina o somatorelina[1] o somatoliberina[2] o GHRH (sigla in inglese di Growth hormone releasing hormone) è l'ormone che controlla il rilascio dell'ormone della crescita. Esso è conosciuto anche come growth-hormone-releasing factor (GRF o GHRF) o somatocrinina.

Questo ormone viene secreto dall'ipotalamo e, insieme alla grelina e all'antagonista somatostatina, controlla il rilascio dell'ormone della crescita (GH): il GHRH e la grelina stimolano mentre la somatostatina inibisce la sintesi del GH.

L'ormone appartiene alla famiglia del glucagone (basandosi su somiglianze nella sequenza) e viene sintetizzato sotto forma di precursore di 108 Amminoacidi. Questa viene poi tagliata per originare il peptide attivo, della lunghezza di 44 AA che viene secreto dalla cellula. Sono presenti 2 isoforme del precursore derivanti da splicing alternativo; nella seconda variante l'aminoacido 103 (una serina è mancante); sono poi state identificate varianti naturali dovute a polimorfismi[3][4]. Diverse varianti sono state identificate in diversi tipi di tumori, tra cui neoplasie ai polmoni, al seno e al cervello, e l'utilizzo di antagonisti a tale ormone è allo studio come terapia anti-cancro [5].

L'azione di questo enzima stimola il sonno lento profondo sia nell'uomo che nelle cavie da laboratorio [6]. Difetto nella produzione di questo ormone sono stati collegati a problemi di nanismo, mentre una sua sovraproduzione provoca gigantismo proprio in seguito alla sua funzione stimolante dell'ormone della crescita [7][8].

Attualmente sono presenti dei farmaci contenenti il GHRH e vengono utilizzati come test in caso di sospetta deficienza di ormone della crescita [9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina