Ormanno degli Albizi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stemma degli Albizzi

Ormanno degli Albizzi (Firenze, 7 marzo 1398 – dopo 1457) è stato un politico e militare italiano del Quattrocento, figlio di Rinaldo degli Albizzi e di Alessandra Ricco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu inviato nel 1433 da Firenze come ambasciatore a Venezia. Nel 1434 fu al fianco del padre Rinaldo per opporsi al ritorno dell'esiliato Cosimo de' Medici. Dopo il ripristino della signoria medicea, Rinaldo degli Albizi venne esiliato e Ormanno due anni dopo fu dichiarato ribelle, conoscendo l'esilio a Trapani. Nello stesso anno fu a Milano alla corte di Filippo Maria Visconti per aizzarlo contro i fiorentini e militò sotto le insegne viscontee sino alla battaglia di Anghiari, persa dai milanesi. Trascorse alcuni anni presso la corte dei Gonzaga di Mantova prima di trasferirsi a Gaeta presso il re Alfonso d'Aragona. Costui mandò ambasciatori a Firenze nel 1455 e nel 1457 con l'intento di riappacificare l'Albizi, ma Cosimo de' Medici fu irremovibile nel confermarne l'esilio. Dal 1457 non si ebbero più sue notizie.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ormanno sposò nel 1420 Leonarda Frescobaldi ed ebbero sei figli:[1]

  • Bartolommeo (?-1461 ca)
  • Maria, monaca
  • Tobia
  • Rinaldo
  • Piero (1423-?)
  • Francesco (1426-?), monaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pompeo Litta, Albizzi di Firenze, in Famiglie celebri italiane, Milano, 1835.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Albizzi di Firenze, in Famiglie celebri italiane, Milano, 1835.