Orlík nad Vltavou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Orlík nad Vltavou
Comune
Orlík nad Vltavou – Stemma Orlík nad Vltavou – Bandiera
Orlík nad Vltavou – Veduta
Veduta aerea
Localizzazione
StatoRep. Ceca Rep. Ceca
RegioneFlag of South Bohemian Region.svg Boemia Meridionale
DistrettoPísek
Amministrazione
SindacoJan Mára
Territorio
Coordinate49°30′39″N 14°09′55″E / 49.510833°N 14.165278°E49.510833; 14.165278 (Orlík nad Vltavou)Coordinate: 49°30′39″N 14°09′55″E / 49.510833°N 14.165278°E49.510833; 14.165278 (Orlík nad Vltavou)
Altitudine390 m s.l.m.
Superficie9,04[1] km²
Abitanti314[2] (1º gennaio 2011)
Densità34,73 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale398 07
Fuso orarioUTC+1
Codice ČSÚCZ549681
TargaPI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Repubblica Ceca
Orlík nad Vltavou
Orlík nad Vltavou
Sito istituzionale

Orlík nad Vltavou è un comune della Repubblica Ceca facente parte del distretto di Písek, in Boemia Meridionale.

Il castello di Orlík
Pianta del castello
Acquarello di Willi Ströminger che mostra il castello prima della costruzione della diga sul fiume
Tomba di famiglia degli Schwarzenberg

Il castello sulla Moldava[modifica | modifica wikitesto]

Questa fortezza gotica fu costruita nel XIII secolo su un promontorio sulla riva sinistra della Moldava, che in tempi recenti è stata sbarrata dalla diga di Orlík.

Ampliato già nel XIV secolo, il castello venne ristrutturato negli anni 1407-1422, e nuovamente all'epoca degli Schwanberg, dopo l'incendio del 1508. Negli anni 1575-1578 venne aggiunto un piano.

Nel 1611 il castello di Orlík venne acquistato dal generale asburgico Baltasar de Marradas.

Nuovi restauri furono effettuati negli anni 1725, 1731 e 1751-1753.

Il castello fu completamente distrutto dal fuoco nel 1802, anno in cui passò a Karl Philipp Schwarzenberg e divenne sede del ramo cadetto della famiglia Schwarzenberg.

Radicali restauri del castello furono eseguiti dall'architetto Bernhard Grueber negli anni 1849-1860, in chiaro stile neogotico. Durante questi lavori venne aggiunto il terzo piano dell'edificio.

All'interno, è degna di nota soprattutto una sala con uno splendido soffitto intagliato, opera dell'ebanista ceco Jan Teska (1853-1922).

Il castello è stato riconsegnato alla famiglia Schwarzenberg, che vi custodisce una importante collezione di fucili dal XVII al XX secolo. L'ampio parco, di interesse naturalistico e paesaggistico, custodisce la tomba di famiglia.

L'intero complesso è aperto al pubblico per la visita.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (XLS), su czso.cz. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  2. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (PDF), su czso.cz. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  3. ^ (CS) Sito ufficiale del castello, su zamekorlik.cz. URL consultato il 14 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN261241188 · LCCN (ENn2016067151 · GND (DE7691802-6 · WorldCat Identities (ENlccn-n2016067151
Repubblica Ceca Portale Repubblica Ceca: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Repubblica Ceca