Ordine di Maria Anna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine di Maria Anna
Maria Anne-Orden
Maria-Anna-Orde.jpg
Medaglia dell'Ordine di Maria Anna
Flagge Königreich Sachsen (1815-1918).svg
Regno di Sassonia
TipologiaOrdine cavalleresco statale
Statussoppresso
IstituzioneDresda, 15 maggio 1906
Primo capoFederico Augusto III di Sassonia
CessazioneDresda, 1918
Ultimo capoFederico Augusto III di Sassonia
GradiDama di I classe con corona
Dama di II classe
Dama di III classe
Croce di Maria Anna
Precedenza
Ordine più altoOrdine di Sidonia
Ordine più basso-
Ord.Stella.India.jpg
Nastro dell'Ordine

L'Ordine di Maria Anna (in tedesco Maria Anne-Orden) fu un ordine cavalleresco fondato nell'ambito del Regno di Sassonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Ordine di Maria Anna venne fondato il 15 maggio 1906 da re Federico Augusto III di Sassonia per commemorare la memoria di sua madre, Maria Anna.

L'Ordine era un'onorificenza prettamente femminile e poteva essere concessa indifferentemente a donne sposate o non, con l'obbiettivo di ricompensare coloro che si fossero distinte nelle opere di pubblica utilità o per le pie cause.

L'Ordine era suddiviso in tre classi di benemerenza, oltre ad una croce:

  • Dama di I classe con corona
  • Dama di II classe
  • Dama di III classe (aggiunta nel 1907)
  • Croce di Maria Anna (aggiunta iI 21 gennaio 1913)

Insegne[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia dell'Ordine consisteva in una croce d'oro smaltata di blu e bordata d'oro con le braccia molto curvate. Il medaglione centrale alla croce era d'oro e riportava il busto di Maria Anna di profilo verso sinistra realizzato in argento, il tutto contornato da una fascia smaltata di bianco con decorazioni in oro. Sul retro, a riprendere le medesime decorazioni, si trovavano al centro del medaglione, sempre su sfondo oro, le iniziali "M A" in argento (per Maria Anna). Il tutto era sostenuto al nastro da una corona reale in oro.

La Croce di Maria Anna era invece realizzata in argento.

Il nastro era azzurro con una fascia bianca su ciascun lato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dieter Weber, Paul Arnold, Peter Keil: The medals of the Kingdom of Saxonia, count Klenau publishing house, Offenbach ISBN 3-932543-49-1