Orchis patens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Orchis patens
Mg-k d0702225.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Orchidoideae
Tribù Orchideae
Sottotribù Orchidinae
Genere Orchis
Specie O. patens
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Orchis patens
Desf., 1799
Sinonimi

Barlia patens
(Desf.) Szlach.
Orchis brevicornis
Viv.
Orchis panormitana
Tineo

Orchis patens Desf., 1799 è una pianta appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, diffusa nel bacino del Mediterraneo occidentale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio del fiore

È una pianta erbacea geofita bulbosa, con fusto alto da 20 a 50 cm, di colore verde, virante verso il bruno violaceo nella parte superiore.
Le foglie basali, da 3 a 7, sono riunite in rosetta, e sono lanceolate, lunghe sino a 20 cm, a volte maculate con punteggiatura bruno-chiara; quelle cauline, da 1 a 3, sono più piccole e inguainano il fusto; le brattee, strette, sono di colore rosso-violaceo.
I fiori, di colore dal rosa al lilla, sono riuniti in infiorescenze dense, di forma grossolanamente cilindrica. I sepali laterali, concavi, presentano una area centrale verdognola maculata di porpora; il sepalo mediano è ripiegato a casco sui petali, anch'essi di colore verdognolo al centro. Il labello è trilobato, rosa purpureo con un'area più chiara alla base, con lobo mediano punteggiato lungo 10–14 mm, con margine grossolanamente dentellato. Lo sperone è conico, orizzontale con apice leggermente discendente, lungo 6–8 mm.

Fiorisce da aprile a maggio.

Il numero cromosomico di Orchis patens è 2n=84.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Ha un areale molto frammentato che comprende il Nord Africa (Algeria e Tunisia), la penisola iberica e le isole Baleari e l'Italia, dove attualmente è presente solo in Liguria orientale; in passato era stata osservata anche in Sicilia nei pressi di Palermo (descritta da Vincenzo Tineo come Orchis panormitana).

Cresce preferenzialmente su suoli acidi, in oliveti, radure di castagneti e querceti, prati, lungo i margini di terreni coltivati, in piena luce o in semiombra, dal livello del mare fino a 1500 m di altitudine.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la esiguità del suo areale la specie è inserita nel "Libro rosso delle piante d'Italia" come specie vulnerabile (VU)[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conti F., Manzi A. & Pedrotti F., Libro rosso delle piante d'Italia, Roma, Ministero dell'Ambiente, WWF Italia, Società Botanica Italiana, 1992.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica