Orchestra Sinfonica di Toronto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Toronto Symphony Orchestra
Full orchestra small.jpg
Il Direttore musicale Peter Oundjian in posa con la Orchestra Sinfonica di Toronto nella Roy Thomson Hall prima di un concerto, il 18 gennaio 2012.
Paese d'origineCanada Canada
(Toronto, Ontario)
GenereMusica classica
Periodo di attività musicale1922 – in attività
Logo ufficiale
Sito ufficiale

L'Orchestra Sinfonica di Toronto (Toronto Symphony Orchestra - TSO) è un'orchestra canadese con sede a Toronto, Ontario. Fondata nel 1922, la OST ha tenuto concerti regolari alla Massey Hall fino al 1982, e da allora si è esibita alla Roy Thomson Hall. La OST gestisce anche l'Orchestra Sinfonica di Toronto Giovani (OSTG). Peter Oundjian è diventato direttore musicale della OST nel 2003.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'OST fu fondata nel 1922 come Nuova Orchestra Sinfonica e diede il suo primo concerto alla Massey Hall nell'aprile 1923 con 58 musicisti. Il primo direttore fu Luigi von Kunits e quella stagione ci furono una ventina di concerti ed una esibizione ad un festival di primavera.[1]

Peter Oundjian dirige l'Orchestra Sinfonica di Toronto, Roy Thomson Hall, Toronto, giugno 2014

Nell'estate del 1924 l'orchestra si esibì alla Esposizione Nazionale Canadese. Poco dopo la TSO cominciò a tenere concerti per bambini.[1] L'orchestra ha cambiato il suo nome in Orchestra Sinfonica di Toronto nel 1927. Nel 1929 la OST fece il suo esordio alla radio con una trasmissione di un'ora sulla CBC Radio dal grande magazzino dell'Arcadian Court of Simpson.[1]

Dopo la morte di von Kunits nel 1931 il direttore e compositore Ernest MacMillan fu nominato direttore musicale per 25 anni.[1]

L'orchestra aveva fatto notizia per le sue pratiche di assunzione nel 1951, quando rifiutò di rinnovare i contratti dei musicisti, in seguito conosciuti come i Sei della Sinfonica a cui era stato negato l'ingresso negli Stati Uniti con l'accusa di attività comuniste, durante il maccartismo.

Andrew Davis fu direttore musicale della OST dal 1975 al 1988, quindi gli fu assegnato il titolo di direttore laureato con l'OST.[2]

L'orchestra nel 1990 ebbe problemi finanziari e di numero di ascoltatori e nel 1992 i musicisti avevano accettato un taglio dello stipendio del 16% a causa di una minaccia di fallimento per l'orchestra, con la promessa dall'amministrazione di compensare la perdita nelle successive trattative contrattuali. Nel 1999 questa restituzione della retribuzione non si era ancora verificata, il che portò ad uno sciopero dei musicisti per 11 settimane quell'autunno.[3] I rapporti tra i musicisti e l'amministrazione si erano deteriorati e il direttore musicale, all'epoca Jukka-Pekka Saraste, si offrì come mediatore di questo contrasto. Ci fu inoltre una mancanza di simpatia da parte del pubblico per la situazione dei musicisti dell'orchestra.[4]

Nel 2001, l'orchestra aveva un debito di $ 7 milioni (canadesi), e sia il direttore esecutivo Ed Smith che il direttore musicale Saraste avevano lasciato il complesso.[5]

Peter Oundjian fu nominato direttore nel gennaio 2003 e divenne direttore musicale effettivo nella stagione 2004-2005.[6] Il film documentario del 2005 Cinque giorni nel mese di settembre: La rinascita di un Orchestra (Canada, 2005) ha registrato i primi giorni della stagione inaugurale della OST con Oundjian come suo nuovo direttore musicale.[7] Oundjian è attualmente sotto contratto come direttore musicale della OST per la stagione 2017-2018.[8]

Con la stagione 2006-2007, la base degli abbonati era aumentata a circa 25.000 e la capacità media del pubblico era anche aumentata all'84%.[9] Nel novembre 2008 l'orchestra ha registrato il suo terzo anno consecutivo di avanzo di bilancio, con una partecipazione media di ascolto dell'88% (esclusi i concerti per le scuole), anche se l'orchestra mantiene ancora un debito complessivo di $ 8.9 milioni (Canada).[10]

Nel mese di aprile 2015, seguì una polemica dopo che la OST annullò la comparsa di Valentina Lisitsa, citando suoi post su Twitter in relazione al conflitto in Ucraina che furono interpretati come favorevoli ad 'istigazione pubblica all'odio' ai sensi del codice penale del Canada.[11]

Direttori musicali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Vyhnak, Carola. "Birth of the Toronto Symphony Orchestra". Toronto Star, 14 June 2015, page A12.
  2. ^ William Littler for the Toronto Star. May 8, 2015. The TSO’s Englishman in Toronto
  3. ^ Toronto Symphony negotiations hit sour note, in CBC News, 25 settembre 1999. URL consultato l'8 novembre 2008.
  4. ^ Warren, Richard, It Begins With The Oboe. University of Toronto Press (Toronto, 2002; ISBN 978-0-8020-3588-2), pp. 209–211.
  5. ^ Tamara Bernstein, Toronto Symphony Teeters on the Edge of Ruin, in andante.com, 25 ottobre 2001. URL consultato il 2 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2002).
  6. ^ John Terauds, Conductor puts mark on TSO through '12, in Toronto Star, 8 febbraio 2007. URL consultato il 2 novembre 2008.
  7. ^ Jason Buchanan for the New York Times. Review: Five Days in September: The Rebirth of an Orchestra (2005) Page accessed July 7, 2015
  8. ^ Arthur Kaptainis, Two more seasons for TSO’s Peter Oundjian, in National Post, 5 febbraio 2016. URL consultato il 20 marzo 2016.
  9. ^ John Terauds, TSO's new season, in Toronto Star, 3 febbraio 2007. URL consultato il 2 novembre 2008.
  10. ^ John Terauds, TSO salutes its third surplus in row, in Toronto Star, 20 novembre 2008. URL consultato il 21 novembre 2008.
  11. ^ Toronto symphony bans Ukrainian-born pianist over ‘provocative’ tweets denouncing Kyiv's 'neo-Nazis', 7 aprile 2015. URL consultato il 20 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN146733890 · ISNI (EN0000 0001 1312 9442 · BNF (FRcb139071065 (data)
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica