Orchestra Filarmonica di Copenaghen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Orchestra Filarmonica di Copenaghen
CphTivoliOrchestra.jpg
Tivoli Orchestra
Paese d'origineDanimarca Danimarca
(Copenaghen)
GenereMusica classica
Periodo di attività musicale1843 – in attività
Sito ufficiale

L'Orchestra Filarmonica di Copenaghen (Danese: Sjællands Symfoniorkester), nota anche come Orchestra Sinfonica di Tivoli, è un'orchestra sinfonica danese che serve anche come Orchestra Regionale Danese per l'isola di Selandia e, per la stagione estiva, quando i Giardini di Tivoli sono aperti, come orchestra residente nella Sala Concerti Tivoli.

La storia dell'orchestra risale al 1843 quando Georg Carstensen, in occasione dell'apertura dei Giardini di Tivoli, ingaggiò Hans Christian Lumbye come responsabile della musica nei giardini. Da allora l'orchestra si esibisce nei giardini durante la stagione estiva. Nel 1846 l'orchestra è stata ampliata a 33 membri e ha iniziato ad eseguire concerti sinfonici con il nome di Tivolis Orkester. Nel 1848 il compositore Niels Gade iniziò a organizzare concerti a Copenaghen con i musicisti dell'Orchestra di Tivoli come base per i concerti invernali.[1]

Fino al 2009, l'orchestra ha avuto la sede nella sala concerti Tivoli. Da allora la Filarmonica di Copenaghen ha sede presso l'ex sala da concerto di Radio Danimarca, che ora è la sala da concerto dell'Accademia reale danese di musica. Durante la stagione estiva, quando i Giardini di Tivoli sono aperti, l'orchestra continua a suonare nella Sala Concerti Tivoli sotto il nome di Orchestra Sinfonica Tivoli.

Il più recente direttore principale dell'orchestra era Lan Shui, dal 2007 fino al 2015. Nel mese di febbraio 2016 l'orchestra ha annunciato la nomina di Toshiyuki Kamioka come suo prossimo direttore principale, per un periodo iniziale dal 2016 fino al 2020.[2]

Direttori principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sjællands Symfoniorkester, Gyldendal. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  2. ^ Nicole Bolz, Zukunft von Toshiyuki Kamioka: Zwischen Japan und Kopenhagen, in Wuppertaler Rundschau, 9 febbraio 2016. URL consultato il 3 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 0696 540X
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica