Orbita areostazionaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Si dice orbita areostazionaria un'orbita sincrona circolare, equatoriale e prograda attorno a Marte, potenzialmente utilizzabile da satelliti artificiali che necessitassero di trovarsi in ogni istante sempre al di sopra del medesimo punto della superficie del pianeta. I satelliti in orbita areostazionaria, come tutti quelli in orbita areosincrona, sono caratterizzati da un periodo orbitale pari al giorno siderale marziano.

Parametri orbitali[modifica | modifica sorgente]

Il raggio dell'orbita areostazionaria è dato dalla formula

r_{areos} =\sqrt [3] {\frac {G M_{Marte} T_{rotaz}^2} {4 \pi^2}} = 20 \, 428 \, km.

La velocità orbitale di un satellite in una simile orbita sarebbe dunque pari a

v_{orb} =\frac{2 \pi r_{orb}}{T_{rotaz}} = 1,4480 \, km/s.

Una siffatta orbita è effettivamente possibile; si trova infatti all'interno della sfera d'influenza gravitazionale marziana, data dal raggio di Hill secondo la formula

r_{Hill} = a \sqrt[3]{\frac{m_{M}}{3M_{S}}} = 1 \, 046 \, 400 \, km.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Marte Portale Marte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marte