Oratorio di Sant'Erasmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ex oratorio di Sant'Erasmo
Bonassola-oratorio sant'erasmo-complesso1.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneLiguria
LocalitàBonassola
Indirizzovia Berroni
Coordinate44°11′01.35″N 9°34′49.09″E / 44.183708°N 9.580303°E44.183708; 9.580303Coordinate: 44°11′01.35″N 9°34′49.09″E / 44.183708°N 9.580303°E44.183708; 9.580303
Informazioni
CondizioniIn uso
CostruzioneXVI secolo
Usoesposizioni, manifestazioni
Realizzazione
ProprietarioComune di Bonassola

L'oratorio di Sant'Erasmo è stato un luogo di culto cattolico di Bonassola, in provincia della Spezia, situato in via Berroni. La struttura è posizionata lungo le prime formazioni rocciose presso la spiaggia ad occidente del borgo.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'oratorio

Secondo le fonti storiche l'edificio fu edificato nel corso del XVI secolo con l'iniziale intitolazione verso san Nicola da Bari e sant'Erasmo. Presso l'oratorio si svolgevano anticamente le adunanze dei pescatori e marinai di Bonassola in merito alle decisioni da intraprendere per il bene della piccola comunità del borgo. L'edificio era anche sede di una locale confraternita che, secondo le fonti risalenti all'inizio dell'Ottocento, contava ancora centoventi praticanti tra donne e uomini.

L'oratorio venne quindi sconsacrato in tempi recenti, con il conseguente cambiamento d'uso dello stabile come sede di manifestazioni ed eventi promossi dall'amministrazione comunale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Particolare del piccolo sagrato

L'edificio si presenta semplice, preceduto da una piccola piazza con sei gradini, a forma rettangolare lunga e stretta. La facciata ha la particolarità di essere divisa, per via dei disegni pittorici, in due parti orizzontali e quattro verticali e con la presenza di una lunetta sopra la trabeazione dipinta.

Presso l'altare maggiore, sito nel rialzato presbiterio e decorato con finto marmo, è custodita la tela ritraente la Madonna col Bambino con san Giuseppe e quattro angeli. Il dipinto fu danneggiato, soprattutto nella parte centrale, durante un'incursione militare nelle fasi della seconda guerra mondiale; la tela è stata recentemente restaurata e ricollocata nella sua posizione originale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]